Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Yo Yo Mundi: "Alla bellezza dei margini"

La semplicità è apparente
di Leon Ravasi

Un disco che convince, che può piacere. Non forse al primo ascolto. Man mano. Ha bisogno di un po' di tempo per entrare sotto pelle. Complice la voce "non facile" di Paolo Archetti Maestri (voce, chitarra e anima degli Yo Yo Mundi, dotate di una "rrr" da fare arrossire Guccini e di alcune aperture di vocali alla piemontese, difficili da digerire oltre Tanaro) e un'atmosfera balzana, "sghemba", potremmo dire parafrasando un titolo di un loro vecchio cd ("Percorsi di musica sghemba"). Uno strano cocktail tra musica popolare, rock e ritmi ye ye da Edoardo Vianello. Un misto tra Il Modugno e l'EdoardoVianello del 2000. Un bel mostro! E invece no: gli "Uh-uh Ah-ah" (j'ai toujours faim de toi) convivono con le "Danze dei pesci spada" alla Vucciria in assoluta armonia.

Non potrebbero che essere curatissime le musiche, perché dietro agli Yo Yo Mundi, da un po' di tempo, si muove quell'allegra "macchina da guerra" che è lo staff che pilota Ivano Fossati. Dal piccolo grande genio di Beppe Quirici, (basso e produzione artistica) a Elio Rivagli e Claudio Fossati (batteria e percussioni), a Martina Marchiori (violoncelli), che, peraltro si sta specializzando nel co-firmare prodotti di qualità (da Carlo Fava a Armando Corsi).

Il tono generale è scanzonato sul versante musicale: canzonette che si imparano in un attimo e che si possono canticchiare sotto la doccia. Prodotti forse anche da Disco per l'estate, ma, diosanto, chi le sa più fare? Il versante di una popular music gradevole, ben suonata e ben prodotta batte a vuoto sugli italici lidi dai tempi, ormai remoti in cui gli Stormy Six cantavano "Rossella" o "Leone" o "Alice nel vento" o il primo Claudio Rocchi si indagava sui tormenti adolescenziali de "La tua prima mela". Ben venga quindi della musica che sappia suonare come musica e delle canzoni che si possano cantare senza aver studiato canto presso una soprano russa!

Peraltro la semplicità (gran dote) è più apparente che effettiva e i testi, decisamente più pensati e pensosi, completano la traiettoria sghemba di cui parlavamo all'inizio. Fatto sta che passano i giorni e il disco compie sempre più giri sul mio lettore, I vicini si sono dovuti abituare a questo "Dio che è triste/ e io non sono tanto allegro", mutuato pari pari da Woody Allen o alla "Casa del freddo" (ispirata al romanzo di Balestrazzi) in cui "il tempo lima feroce gli angoli della mia faccia" o al portiere "Invano proteso in tuffo" (e qui nelle dediche è un peccato mortale dimenticare Gianni Brera e Gianni Mura!). Fino all'Ambaradan ("è il caos che si moltiplica, la protesta, il can can"), ma chissà quanti si ricordano che Amba Aradan è una cima etiopica dove si svolse una vergognosa battaglia nel 1935 con l'esercito fascista, guidato da Badoglio che usava le armi chimiche? Dal clima di casino di quella battaglia (il gas si sparse per ogni dove, anche tra i "nostri") derivò l'attuale accezione della parola. Fine del siparietto storico. La canzone Ambaradan è piacevolissima.

Un gradino sopra alle altre sta però il brano che dà il titolo al disco. "Alla bellezza dei margini". Canzone d'autore sotto tutti i punti di vista. Delicata come una trina e intensa come il color della lavanda. Una canzone "profumata", da inspirare e annusare. Da cogliere coi sensi prima che con l'intelletto. Lasciatevi trasportare e provate ad arrivare ai margini, per scoprirne l'intima bellezza.

La bellezza del margine stesso: "Questo disco è dedicato ai margini e alla loro bellezza, alla malinconia e all'energia che raccontano, al sollievo di speranza che spesso nascondono agli occhi distratti" scrivono gli Yo Yo Mundi. È con gran gioia che mi ritrovo con loro ai margini di questo racconto: ai margini di un disco per l'estate, ma nella migliore delle accezioni possibili.

Yo Yo Mundi
"Alla bellezza dei margini"

Mescal - 2002
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 23-08-2004

HOME