Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Bandabardò: "Tre passi avanti"

Il disco della maturità: melodie ariose e ansia rilassata
di Moka

Simpatici e caciaroni quelli della Bandabardò lo sono sempre stati. Tant’è che hanno una schiera di fan che non si perdono un concerto dal vivo ovunque la banda vada a suonare. Oltre a ciò, alla gran resa dal vivo e alla simpatia umana, la Banda di Erriquez, Finaz, Don Bachi, Cantax, Orla e Nuto hanno una grande rapidità in sala di registrazione. Per cui non si sono ancora spenti gli echi di “Bondo! Bondo!” (2 anni fa esatti a oggi) che già abbiamo il disco nuovo. “Tre passi avanti”. E, sulla base dei primi ascolti, potremmo forse dire di essere davanti all’album della maturità del gruppo. D’altra parte anche Fossati ha dovuto macinarne di strada prima di arrivare al suo “700 giorni” e De Gregori per “Rimmel” ha dovuto aspettare il terzo album. La Bandabardò ci arriva col settimo disco, ma solo perché (caso unico) dal 1996 hanno sfornato quasi un disco all’anno.

Per quanto il tono di fondo della banda resti sempre lo stesso, un sound acustico stradaiolo che parte dalle Negresses Verte e dopo un lungo itinerario tra la Camargue e la Spagna, discende alle musiche popolari di terra di Toscana, “Tre passi avanti” appare come il primo disco pensato in quanto tale. Non sempre tutto ciò che sta sul palco entra in un cd e non sempre succede senza che i materiali in oggetto collidano.

L’impressione dei precedenti lavori era sempre che, per gustarsi l’album, mancasse il pubblico presente. Qui no. “Tre passi avanti” rallenta in parte il battere percussivo e lascia emergere, anche con delicatezza gli altri strumenti. La stessa voce di Erriquez è meno urlata e più disposta a prenderci per mano per raccontarci le storie, che grosso modo percorrono le strade alle quali eravamo abituati, ma senza rinunciare a qualche guizzo in più.

“La fortuna è un fatto di geografia / voglio un due cavalli armato di energia” (“Sempre allegri”, ibridata col Dario Fo di “Ho visto un re”) , “e per non disturbare parlerò con ardore / dentro alle sottane del vostro nuovo amore” (“La fine di Pierrot”), “mi pento in pubbliche sedute di lamento/ ammetto pure qualche turbamento / se penso che combatto contro il tempo / (combatto l’unico pensiero?) / come un soldato colto da pazienza / come un terzino che usa l’esperienza” (“Mi arrendo”).

Se poi andiamo a vedere meglio, il disco contiene un lentaccio strappabaci come “Negli occhi guardo poco” (delicatissimo), un piccolo flash di un minuto come “Mexicostipation” (bel titolo), una dedica ad “Adriano (Sofri) e a tutti i circondariati di Pisa”, una immancabile canzone in francese (“Papillons”, tra le cose migliori del disco), una ghost track moolto nascosta, 53 minuti e passa di canzoni e una traccia video molto gustosa e molto gentile e se, per soprammercato volessimoa ggiungere il (bel) libro di Massimo Cotto, "Vento in faccia", dedicato alla Banda e appena uscito, ne avremmo un pacchettino regalo niente male e soprattutto non solo per "bardozziani" doc. Insomma, come dice la title track “Tre passi avanti / uno indietro per umiltà /…/ tre passi avanti / uno indietro che male non fa”


Bandabardò
"Tre passi avanti"

On the road music factory - 2004
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 06-09-2004

HOME