Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Francesco Renga : "Camere con vista"

Educato e gentile. Liscio come una Ferrarelle
di Leon Ravasi

Generalmente non amo titoli di dischi che ricordino (o si ispirino o semplicemente copino) titoli di film o di libri. E in questo caso il paragone tra il piccolo disco di Francesco Renga e il grande film di James Ivory è particolarmente ingeneroso (non metto neanche in conto il romanzo di Forster). Possiamo provare a fare così per sconfiggere questo epidermico fastidio. Sottrarre ai 36 anni di Renga i 18 anni da cui è uscito il film e trarre con un sospiro di sollievo la conclusione che Renga non ha visto il film. Da qui in poi possiamo goderci il disco. Che è un disco piacevole. Morbido e gentile, ma ... un po' come la Ferrarelle: non ci segna.

Francesco Renga è tuttaltro che un novellino, visto che calca le scene dal 1985 e che per 13 anni e 7 dischi ha condiviso le piste con i Timoria (gruppo ormai abituato a perdere il cantante, visto che anche Omar Pedrini ha scelto, part-time, la strada solista). Non solo, ma anche la sua carriera "da single" non è agli inizi, visto che "Camere con vista" è il suo terzo cd come titolare del lavoro. Ora non c'è dubbio che il nuovo lavoro segni un passo avanti da "Tracce" del 2002, ma è ancora poco per assegnargli un ruolo preciso nel panorama musicale nostrano.

Insomma siamo nell'ambito di un piacevole pop rock, suonato con garbo e piglio acustico, ma non serve nemmeno arrivare a fine disco per accorgersi che presto il giochetto segna la corda. I primi brani sono forse adatti per un airplay radiofonico, ma un'intero disco non è in grado di vincere la prova "di resistenza" del lettore cd. Inevitabilmente le dita corrono allo skip prima della fine del peraltro agile dischetto

Potreste in effetti chiederci come mai ne parliamo, visto che resta qualche linea sotto lo standard di qualità che Bielle cerca di trovare nei dischi da recensire. Credo che la giustificazione stia nella gentilezza del porgere e nell'esanguità del contesto. E' un disco che può certamente non piacere o non entusiasmare, ma difficilmente potà "dispiacere" a qualcuno. Facile ascolto e brani corti, con una "Ci sarai", singolo battuto dalla radio, che inizia con un assolo di chitarra slide che si fa ascoltare.

Un pugno di canzoni come riflessioni sparse di un uomo che si avvicina ai 40 ("splendidamente", come specifica sul sito) e che si pone una serie di domande sulla neo-paternità (Jolanda è la figlia che un po' appesantisce l'atmosfera di qualche travaso di giuggiole), sugli amici che invecchiano, sui rapporti uomo-donna ("Ora sono più attratto dalla testa", ma saggiamente cita Cohen) "Meravigliosa la luna" e "Come piace a me" sono gli altri "pezzi forti", per così dire, dell'album.


Francesco Renga
"Camere con vista"

Universal - 2004
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 12-09-2004

HOME