Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Lalli: "All'improvviso nella mia stanza"

Voce calda, intensa e misteriosa come i sogni
di Leon Ravasi

Un disco molto bello. Non un capolavoro, ma il capolavoro non lo si trova a comando. Lo si deve sentire dentro. È un clic che scatta oppure no. Qui non scatta, ma scattano molte levette: di intelligenza, di piacevolezza, di bravura e ancora quel misto di consolazione e malinconia al pensiero di quanta poca gente conosce e apprezza. Da un lato è bella questa sensazione che sia un affetto esclusivo, qualcosa di nostro, dall'altro lato c'è il senso dello spreco. Come quando la trattoria sotto casa diventa di moda. Lalli non rischia di diventare famosa in fretta. Fa dischi troppo belli. E senza concessioni.

Entrambi piemontesi di Asti, ma da sempre a Torino, Lalli si colloca sul versante più schiettamente cantautorale con echi folk. Vi si ritrova poi qualcosa di francese, con echi di esistenzialismo.

Lalli è autrice solo in parte delle sue canzoni (la sua seconda metà, quella musicale, è Pietro Salizzoni), ma quello che fa è decisamenta interessante. Il lavoro è stato inciso nel 2002 ma poi ha dovuto attendere il suo turno per uscire.

Dopo ben 5 anni dall'uscita del suo disco precedente, il pur bello 'Tempo di vento', Lalli ha finito di registrare nel giugno 2002 ed è uscita nel marzo 2003 per i Cd del Manifesto, che hanno una buona distribuzione, ma una pessima collocazione nei negozi. Diventa così lavoro da ricercatore andare a caccia di canzoni come 'Stelle' o 'Chenini' di Lalli.

L' approccio del disco è alla 'musica gentile' che mi seduce sempre. C'è la capacità di proporre contenuti e forme, anche aspre, ma con un estremo garbo nel porgere, un'educazione molto piemontese, se vogliamo, ma non distaccata. Partecipare con leggerezza, accennare, ma non stancare. Non voci adatte per un 'vaffanculo', piuttosto per un sussurro, per un'imprecazione a mezzabocca, per un'affermazione caparbia di diversità. Rischio noia? No, malinconia sottile a volte, ma chi ha detto che la malinconia degli altri debba annoiare?


Lalli
All'improvviso nella mia stanza
I Cd del Manifesto - Euro 8
nei negozi di dischi
e nelle librerie



Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 04-06-2004

HOME