Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Gruppo spontaneo di musica moderna:
"Fino a mai dire basta"

Delicato pop d’autore
di Lucia Carenini

Arrivano dal “profondo nord-ovest” delle valli cuneesi, sono attivi da una decina d’anni ed esordiscono con questo album delicato, fatto di atmosfere sussurrate e postmoderne. Le dieci canzoni navigano leggere su melodie eleganti, orecchiabili e con uno sfondo di malinconia minimalista.

Di cosa parlano? Delle loro storie, di sentimenti, di sogni. Del loro ombelico, insomma, ma lo fanno in modo trasognato e per niente pretenzioso. I testi, semplici ma non banali strizzano l’occhio alla canzone d`autore con intelligenza e con alcune immagini poetiche che giustificano ampiamente lo “spontaneo” del loro nome.

Ecco cosi la malinconia trasognata di Avrei d`istinto: "E una carezza fa presto a diventare forte/per chi ha bisogno di morire per essere ricordato grande/Prese il vino e ne bevve molto poi/l’asciugò col pane in alternativa al sonno" e quella di Per l`eternità, che però è condita da una spruzzata di duro realismo: "Ti prometto amore per l’eternità/finchè morte non ci separi/ti prometto amore o vuoi la verità?/La paura di star soli/...Ti prometto amore per l’eternità/finchè un altro amore non ci separi/il suo nome è amore o viltà?/La paura di star soli". E ancora le riflessioni pop di Dimenticato: "Ti regalo polvere ne raccolgo in abbondanza/sulla memoria un velo di invisibile trasparenza/non è da tutti accorgersene, almeno questo è per me/Non c’è più cieco di chi non vuol vedere/non c’è più sordo di chi non vuol sentire/ho sentito un muto che mi ha parlato/non c’è più morte dell’essere dimenticato" .

Ma il Gruppo è anche in grado di cambiar registro, passando a qualcosa di più graffiante - come O-d-o - o di leggermente psichedelico, come Sfiorando me.

Oltre ai cinque componenti del gruppo - Loris Cavallera, voci e chitarre; Fabrizio Carletto, basso elettrico; Danilo “Pelè” Dalmasso, batteria; Graziano Giordanengo, chitarre; Pippi Leardi, piano e rhodes - compaiono nel lavoro anche Fabrizio Barale degli Yo Yo Mundi – che è anche produttore artistico del progetto, Andrea Cavalieri - contrabbasso, basso e direzione archi e – secondo quanto riportato sul loro sito, ma curiosamente non sul libretto del cd - Giovanna Vivaldi al violoncello e Adelaide Fezo al violino

Nel CD è presente anche una traccia video: un “mini film” musicato ed interpretato dal gruppo e diretto dal regista Paolo Cristiani.

"Fino a mai dire basta" appartiene a tutti gli effetti a questa nuova corrente di pop d`autore affascinata dal sound degli anni ’80, inaugurata dai Baustelle che continua a soffiare sulla musica italiana.

Gruppo spontaneo di musica moderna
"Fino a mai dire basta"

Sciopero - Sony 2004
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 27-08-2004

HOME