Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Eugenio Finardi, Marco Poeta: "O Fado"

Disco di bellezza adamantina
di Leon Ravasi

È così bello poter parlare bene di un buon disco che è davvero un peccato non poterlo fare sempre. Ma questa volta il colpo è basso: mi hanno preso sul sentimento. Per uno che ha "l'anima di fado" già al naturale, un disco taliano che si intitoli "O fado" e che contenga 18 piacevolissime canzoni è veramente un attentato sentimentale. E così eccomi ancora con il cuore portoghese a parlare di un grande disco. Grande e inatteso. Forse tanto più grande perché inatteso.

Un titolo semplice semplice, corto corto: "O fado". Più lungo descriverne gli interpreti: Marco Poeta (guitarra Portuguesa e direzione artistica), Eugenio Finardi (voce e traduzioni), Francesco di Giacomo (Banco del Mutuo Soccorso - voce), Elisa Ridolfi (voce) e Michele Ascolese (il chitarrista di Fossati) chitarra acustica. Al basso Paolo Galassi.

È un disco di una bellezza adamantina. Puro come un cristallo, con una cascata di note scintillanti che cadono una a una, oppure a grappoli, dalla Guitarra Portuguesa suonata con maestria da Poeta (Nomen est omen?). Note che si infrangono sul pavimento di cotto e rimbalzano sui muri punteggiati da azulejos, tratteggiando nuovi mosaici, aggiungendo nuovi colori.

E le voci si alzano pulite, come sotto la cupola di cristallo della stazione ferroviaria di Oporto, si flettono e rimbalzano sul ponte sopra il Douero ed atterranno sui ponti delle chiatte dove rotolano lente le botti di Porto: vibrante e sofferta quella di Finardi, partecipata e virtuosa quella in portoghese di Di Giacomo, matura e adulta quella della giovanissima Elisa Ridolfi. Finardi ha adattato anche la traduzione in italiano delle liriche di cinque canzoni e almeno una ("Le ragazze di Terceira") è un piccolo capolavoro

"Le ragazze di Terceira vanno a sposarsi in continente
che qui la vita è troppo dura e noi non siamo bella gente
Le ragazze di Terceira
come dice la canzone
sono le arance più succose.
Quante ne vorrei assaggiare
ma non si fan toccare
sono acide e gelose.
E non c'è gioia nè allegria in queste pagnotte senza sale
Per chi è stato a Santa Maria per chi è stato giù fino a
Faial.
Chi a Terceira cerca in sposa una donna docile e formosa
fa meglio a mettere su casa a Sao Jorge oppure a Graziosa".

Ma è la leggerezza il tratto distintivo, il drappeggio in musica dei versi. Avremo tempo e altre canzoni per piangere e sospirare. Come "La mia canzone è saudade" ("delle illusioni svanite/ delle speranze perdute /... ed è angoscia e ansietà/ la mia canzone è saudade /di un amore che non arriverà". Contribuisce al clima anche una versione solo musica di “Piazza Grande” di Ron e un altro brano musicale “A Amalia” di Marco Poeta, dedicato probabilmente ad Amalia Rodriguez, la grande cantante di Fado portoghese, scomparsa qualche anno fa.

Il resto e’ tutto Portogallo, con le incursioni linguistiche di Finardi e sviluppi musicale che richiamano i tanghi italiani del periodo tra le due guerre. Disco di nostalgie assortite come cioccolatini, disco da fare decantare e sgranare osservando i giochi d’ombra e di luce nel bicchiere di Porto, inteso come vino, che accompagna l’arpeggio e il cioccolato. Disco da meditazione con un vino da meditazione. Insomma, un signor disco, 18 belle canzoni, una bella confezione in digipack, grandi suoni di chitarre e ottime voci con tutta la malinconia del caso. O del fado?


EugenioFinardi, Marco Poeta, Francesco DI Giacomo
"O Fado"

Edel - 2001
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 05-11-2001

HOME