Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Sergio Cammariere: "Sul sentiero"

Un disco a strappi. Ogni tanto c'è, ogni tanto no
di Leon Ravasi

Confessiamo un po' di imbarazzo. Perché Cammariere ce l'ha messa tutta, perché i suoi esegeti lo amano, perché probabilmente è una brava persona e perché non fa una musica che disturba. Anzi persino gradevole. Ma Cammariere non riesce a fare un disco che mi convinca e coinvolga nemmeno questa volta. E sì che i presupposti c'erano! C'era la convinzione, c'era la voglia, c'è stato anche tempo e soldi necessari. Ma Cammariere, solo al secondo disco, è già arrivato a proporre il cliché di se stesso. Di modo che viene qui persa anche parte di quella freschezza che bene o male impregnava "Dalla pace del mare lontano".

Intendiamoci: il disco non è brutto e ci sono almeno due brani che mi piacciono molto ( "Niente" scritta con Pasquale Panella e "Ferragosto" scritta con Samuele Bersani) e due strumentali che non mi spiacciono affatto ("Casa Lumiere" e "Capocolonna"), ma nemmeno "Dalla parte del giusto" è di difficile digestione. E anche il resto, come sottofondo va via liscio senza colpo ferire. Purtroppo non interessano le storie che Cammariere racconta e non interessa neanche il modo che sceglie per farlo. In particolare sono le scelte melodiche del cantato che continuano a non rubarmi l'anima.

Per essere esatti posso dire che "Niente" è decisamente un brano dotato di uno suo fascino particolare, anche se Panella le cose migliori le ha fatte con Battisti ed ha chiuso in pratica con "Fou de love" di Branduardi. Il contibuto al testo non è la cosa migliore della canzone che si vale invece di una buona interpretazione vocale e di una azzeccata melodia. "Amore rosso come è il mare / ma il mare è blu" non credo passerà alla storia dei versi epocali. La title track "Sul sentiero" è dimenticabile e risuona di diecimila canzoni già suonate, nonostante un ammiccante ritmo tanghero. "L'assetto dell'airone" scorre sull'aria di un easy listening radiofonico, ma la sensazione è dell'esercizio ben riuscito.

Qualche spunto in più ha "Viali di cristallo", sotto la spinta di un suono vagamente cinematografico, da colonna sonora di giorno di pioggia, con un gran dispendio di violini d'altri tempi e malinconie antiche. Mentre la successiva "Nessuna è come te" ricade in un nuovo anonimato vagamente latino-americano. "Dalla parte del giusto" si ascolta, ma non scalda. Swingata ma senza il graffio. Di "Ferragosto" se n'è già detto bene. Ed è un bene meritato, anche se risente non poco di riminiscenza battistiane. Qualche attenzione meritano anche il tango di "Spiagge lontane" e la tristezza insistita di "La canzone dell'impossibile".

Ma il totale del disco, nel suo insieme, fa emergere una certa noia. Non dico affatto che tutti debbano cantare allo stesso modo, ma si potrebbe pretendere (chiedere?) che venga usata un po' più di fantasia che quella necessaria per battere sempre sopra le stesse due note e tentare una chiusura in calando a fine strofa o più larga nel ritornello. Ma forse questo è quanto molti intendono come canto jazz. Perché Cammariere è un jazzista. Lo dicono tutti. Un momento, tutti chi? I suoi discografici. Perché nell'ambiente del jazz se si cita Cammariere si vede sorridere nei casi migliori.

Forse la miglior qualità del nostro è la presenza scenica: come diceva un suo critico particolarmente cattivo "è facile costruire il personaggio: tristezza, saudade, sciarpetta e il gioco è fatto". Non sarà tutto qui, ma diciamo che questo entra nell'immaginario collettivo abbastanza in fretta. Così come la storia del timido, un po' sfortunato, ma tanto tanto dotato che sul palco si trasforma. Si trasforma sì Cammariere, ma l'impressione è che l'Hyde sia l'altro, quello che sta giù dal palco e che il Dottor Jekyll è il musicista sfrontato e gigione che anche un po' di sguardi dietro il palco hanno restituito.

Sui testi poi potremmo aprire (e infatti la chiudiamo subito) la ben nota diatriba. Ma non se li scrive lui. Lui ne è "soggetto passivo", nelle mani di Roberto Kunstler che è uno che non riesce a sciversi testi decenti per sé e figuriamoci la fatica che fa per gli altri. Quello che non tollero è che si prenda una canzonetta fatta a tarantella ("Nuova Italia") e la si dipinga come un omaggio a De André! Ma dico? Abbiamo idea di cosa stiamo parlando? A questo punto è più dignitoso il Celentano di "Lunfardìa", falso inedito di De André, ma che almeno gli è stato affidato da Dori Ghezzi e che Fabrizio ha probabilmente ascoltato, prima di cestinarlo. O forse tirare fuori il nome di De André fa comunque vendere?


Sergio Cammariere
"Sul sentiero"

Emi - 2004
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Gang e altri "Corpo di guerra" Gianco/Manfredi: "Danni collateriali" "Mille papaveri rossi" Tributo a De André Klez Roym: "Yankele nel ghetto" Lino Straulino: "Blu"

Ultimo aggiornamento: 12-11-2004

HOME