Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
La Rosa Tatuata: Bandiera genovese

Un rock col profumo del mare
di Leon Ravasi

I dischi per l'estate viaggiano a coppie. come la facciata A e le facciata B. Se "Danza" dei Sulutumana e' un grande disco, anche la Rosa Tatuata e' uscita, da poco, con un signor CD: "Bandiera genovese". Undici pezzi piu' una ghost track, il tutto di assoluto valore.

"Tra le pagine di me" sono due minuti di pura ambrosia, versata a due mani in entrambi le orecchie; un grande testo al servizio di una musica d'atmosfera pregnante. Come non correre con la mente a "L'attimo fuggente" di Peter Weir, quando l'attacco cita :"Piedi sul banco"? Il testo (immagino) del brano e' di Fabio (mi pare) Terzitta, una delle collaborazioni di qualita' presenti nel disco.

Le altre sono Paolo Bonfanti, che firma gli arrangiamenti, i Gang (i fratelli Severini) in "Due gocce", Fabrizio De Andre' (che fornisce "Rimini") e Ivano Fossati, autore della frase da cui e' tratto il titolo del disco: "Signore di questo porto/ mi avvicino anch'io/vele ancora tese/bandiera genovese sono io". Nonche' l'immancabile Filippo Gambetta (il "basilico" del pesto degli ultimi grandi dischi made in Genova), gli Yo Yo Mundi e i Blindosbarra.

Con appoggi (e riferimenti) culturali simili partiamo bene. La realta' ci dimostra che arriviamo ancora meglio. Guida la grande voce di Max Parodi, ma reggono il gioco un'ottima band alle spalle e due solidi, solidissimi testi. Cinque stelle anche qui. Mi voglio rovinare!

La rosa tatuiata
Bandiera genovese

Autoprodotto - 2001
distribuito da Discolandia tel 0102481518

 

Ascolti collegati

 

Ultimo aggiornamento: 08-10-2001

HOME