Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
ArteMoltoBuffa : "Stanotte/Stamattina"

Un disco per la primavera
di Giorgia Fazzini

"..sorridi e mostri denti ma ridi e mostri i denti tu vuoi morsicarmi?..."

Ecco il mio disco della primavera, mentre la campagna si riprende, prova a mettersi in piedi, bastonata dal gelo e investita dal caldo (ma si può trattar così la stagione più viva del mondo? ahi che scandalo).

Si chiama "Stanotte/Stamattina" ed è di Artemoltobuffa, nome giocattolo di Alberto Muffato, che scopro esser delle mie parti e nei cui giochi di parole visionari, mezzi allampanati, mezzi lancia in resta, mi ritrovo, soprattutto, appunto, in questa primavera densa di idee fermentanti e scompigliate da mettere e tenere in ordine.

Uscito per l'indipendente Aiuola (geniale: "etichetta pop piccola ma curata"); è rimasto impaludato fra le ciafrusaglie della scrivania per mesi. Evidentemente non era tempo, ancora. Ora lo è.

"..la mattina tu ti svegli e non ricordi niente me a parte ovviamente, te a parte ovviamente, noi a parte ovviamente.." Dolce, divertente, profumato, solare.. chitarre che van dalla timidezza ad una bella convinzione; batteria e basso a far ossa, qualche percussione e tasto - e testi piccoli, stralunati, vitali. Senza pippe, senza cambiarci gli orizzonti, ma raccontando scampoli di quella mezza stagione che davvero sembra non esistere più - ma di cui abbiamo, guai, un bel po’ bisogno.

"..alberi si chinano sulla tua finestra stretti in crocchio a farti festa scendi le scale, strofini con calma la tua mano contro la ringhiera esci di casa, mulini i pedali, in nuvole di raggi è primavera.." perché non si può sempre correre o stare fermi, non può far solo caldo o freddo, non si può solo amare o odiare. C'è anche altro. Quello che sta in mezzo; ed è poi quello che in fondo ci riappacifica, ci riposa, ci serve il più del tempo, per caricare e ricaricare, fra un picco e l'altro, fra una caduta e il successivo salto. Poi magari non ne siamo capaci, ma: avercene.

"..questa è la scena patetica, in cui lui fa armi e bagagli ... questa è la scena romantica, in cui lui ci scrive lettere cancella ogni sua traccia, la borsa sulla spalla cancella ogni sua traccia, prende e se ne va.." perché ci sono anche torsoli di mela, e "bici come sciami d'api, formicai ti crepitano sul petto", "lacrime a biro", cadute nei canali e cani che intervengono fra le alghe, telefonate a Gadda perché è estate, muratori sul tetto.. "..e se ti duole la caviglia, ballo io per te, e se ti duole la caviglia, cado io per te.." Senza noiose smancerie ma, con la primavera, un respiro di libertà e di fantasia (anche loro in estinzione, sepolte, dimenticate..AGH!) - e quel po’ d'amore, che aiuta tutto. Sennò, diciamocelo: che viviamo affà?

Mi raccomando, credete al "Tempo delle attese", e già che ci siete, non calpestate troppo le aiuole.

ArteMoltoBuffa
"Stanotte/stamattina"

Aiuola Dischi - 2004
In qualche negozio di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 22-03-2005

HOME