Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
AnimaMundi : "Son qui"

Ma che bella musica! Arriva all'anima del mondo
di Leon Ravasi

Chissà se Mauro Pagani si ritiene responsabile per ogni suono di bouzouki che percorre il suolo italico? Chissà che invece non facesse tutto parte di un "grande complotta galattico" organizzato dai produttori di bouzouki greci (notariamente ricchissimi)? Comunque fatto sta che da qualche tempo in qua e con ritmo in crescita, i gruppi nuovi italiani inseriscono in formazione, più o meno stabile, un bouzouki. Ma gli Anima Mundi fanno di più: assumono il bouzouki, suonato molto bene da Franco Casentini, come strumento trainante della loro proposta musicale e ci costruiscono sopra una serie di dodici ballate di decisa personalità che costituiscono la track list del loro debutto su cd: "Son qui" e che fanno decisamente ben sperare per future evoluzioni.

Franco Casentini, ex membro dei Ned Ludd (gruppo del frusinate del versante tra il punk e il rock irlandese, è anche l'autore di gran parte del repertorio e l''arrangiatore dei brani (ecco da dove viene il risalto del bouzouki!). Alterna a questo strumento il mandolino irlandese e partecipa come tutti ai cori. Altra bella fetta del fascino degli Anima Mundi sta nella voce di Teresa Duranti, che pure essendo uno dei membri più giovani della formazione, ha partecipato alla stesura di diversi testi e all'elaborazione complessiva del progetto.

Completano la formazione Daniela Brandi alla fisarmonica e cori (ma ha in pratica un ruolo da seconda voce), Gianni Bordi alla chitarra e quatro venezuelano e cori (entrambi hanno scritto canzoni per l'album) e Giancarlo Di Giammaria, contrabbasso e cori. Niente batteria, quindi e musica prevalentemente acustica, ma assolutamente energetica e sufficientemente carica. Musica etnica, ma di confine e di contaminazione, con un tentativo di allargarsi alle aree della musica mediterranea, con escursioni verso il jazz e la musica irlandese.

L'album, "Son qui", si apre con le due canzoni più forti del lotto, le coinvolgente e immediatamente memorizzabile "Da quassù " e la più eterea "Il sole del mattino", giocata soprattutto sull'impasto delle voci femminili e non annoia mai, nonostante, soprattutto verso la fine, si affaccia il dubbio che la scaletta dei brani poteva essere tarata meglio, evitando soprattutto l'accumulo di brani abbastanza simili nella parte finale del disco, ma sono peccati marginali e di crescita.

La proposta di Anima Mundi (nome che rappresenta - come spiegano loro stessi - l'anima delle cose, come il respiro delle musiche diverse) è ad ampio spettro e di alte e buone speranze. Non si tratta di musica buttata lì tanto per fare, nè di brani qualunque. C'è studio, c'è passione, c'è interesse. E ce ne fossero tanti di debutti come questi sarebbe più facile fare pace con la musica!

Clan Mamace'
" Accordi e disaccordi"

Clan Mamace'- 2003

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 03-03-2005

HOME