Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Les Anarchistes: "La musica nelle strade!"

Viaggio sulle corde del tempo nel mondo circoscritto delle prigioni
di Giorgio Maimone

E' un bellissimo disco. Stupisce di meno del primo? Per forza: è il secondo! E il secondo disco è sempre difficile. Ma Les Anarchistes vincono, anzi, stravincono la prova. Per quanto replichino la ricetta che ha garantito un'ottima accoglienza a "Figli d'origine oscura", quel mix di jazz, house-music e canto popolare che tanto ci aveva intrigato qualche anno fa, non possiamo proprio dire che formula sia consunta, né che stia mostrando la corda. Anzi, funziona a meraviglia: ascoltare il trattamento a cui è sottoposto "L'inno a Oberdan" per credere! Se anche possiamo dare per superato l'effetto sorpresa, il nuovo disco de Les Anarchistes si presenta con una maturità di proposta che fa giustizia di alcune incertezze del primo memorabile disco.

Peraltro, se qualcuno si fosse persa la prima puntata, nessun problema, non c'è crasi, non c'è scissione tra una metà e l'altra. Marco Rovelli e soci portano avanti un loro discorso conseguente che coinvolge e affascina, in un mix tra passato e presente (e futuro?) che sarebbe un vero peccato non assaggiare. Personaggi anomali in una formazione anomala, Les Anarchistes si permettono di giocare con i fili delle trame musicali delle canzoni per trarne effetti nuovi e risonanze antiche inpari misura, con la certezza di ottenere un risultato: solo loro suonano così. Come in "Vagabondo delle stelle" di Jack London, Les Anarchistes prendono come base per tutto il lavoro ("in fondo è una sorta di concept" dice Marco Rovelli) l'universo concentrazionario rappresentato da prigioni, manicomi, campi di vario tipo, istituzioni di disciplina (come scuola ed esercito) per finire con la costrizione costituita dal mondo delle parole nella socità dello spettacolo.

Esiste quindi un Les-anarchistes-sound o forse un mood o forse ancora solo un modo di esistere e di porsi nei confronti dell'universo musica che, qualche tempo fa, in un'intervista con noi Marco Rovelli spiegava così: "A livello di arrangiamenti e produzione del disco, Nicola e Massimo, che è ‘l’uomo elettronico’, per dir così, sono propriamente i produttori artistici. Sono loro, di solito, a riscrivere le canzoni che rivisitiamo. Nel primo cd, il procedimento è stato inverso rispetto a quello abituale: noi si compone in sala prove, e poi in studio si replica, ma al contrario è in studio che si fa una sorta di montaggio, e il gruppo alle prove si adegua".

"Poi, è chiaro, si danno anche delle eccezioni, casi in cui il pezzo (per esempio "Inno a Oberdan") è stato arrangiato collettivamente. Per quanto riguarda le canzoni originali che nel nuovo disco saranno tre o quattro, in generale io lavoro sul testo e Nicola e Massimo sulla musica, anche se in partenza anch’io lavoro sulla parte armonica e melodica, altrimenti il testo non viene fuori. Ad esempio, in un caso ( "A parole") io ho fatto musica e testi, poi in studio il pezzo è stato riformulato radicalmente. Oppure sul testo di Erri de Luca ci siamo messi io e Nicola ed è uscita la musica, poi anche lì c’è stato un lavoro collettivo. In realtà di canzoni originali, finora, ne abbiamo fatte talmente poche che non so ancora quale sarà la formula definitiva".

La novità, infatti, o una delle novità è che questo disco contiene molti brani originali, oltre a una serie di rifacimenti di classici più o meno conosciuti che vanno da Leo Ferré (passione costante del gruppo) ai canti anarchici a "Sacco e Vanzetti" di Joan Baez e Morricone, a Vladimir Visotksij ad Alberto D'Amico a Erri De Luca, di cui viene musicata una poesia. Ma che musica fanno Les Anarchistes? C'è tanta elettronica e tanta musica popolare, c'è una buona dose di jazz e un attitudine rock e rumorista sotterranea, che rispecchia, in fin dei conti, le tante anime che compongono il gruppo.

Sono infatti otto i membri del gruppo e ognuno di loro contribuisce a costruire il mosaico complesso che è raggruppato sotto il marchio di fabbrica: Alessandro Danelli e Marco Rovelli sono le due voci (e basta! Su 8 due cantano soltanto. Oltre a scrivere e comporre le canzoni, naturalmente). Nicola Toscano si occupa delle chitarre, Max Guerrero dei grooves e il synth, Mauro Avanzini suona il sax, Lauro Rossi il trombone, Booz il basso e Mirko Sabatini la batteria. I due cantanti sono l'anima popolare del gruppo, Max Guerrero l'anima elettronica e Nicola Toscano quella classica e latina. I fiati sono puri jazzman e un po' tutti hanno girato attorno al rock.

Non bastasse questo a specificare il complesso melting pot che fa da sfondo alle produzioni del gruppo di Carrara si può porre l'accento sulla marea di ospiti presenti nel disco: Moni Ovadia, accompagnato da Piero Milesi al violoncello, splendido in "Pishkuli", un brano di 5 minuti che ripete sempre la stessa frase su un tappeto avvolgente di pura elettronica dei khassidim mentre li portavano alle camere a gas: "aprimi le porte delle giustiza/ io vi entrerò". Pietra Magoni, voce alla Joan Baez in "The ballad of Sacco & Vanzetti", voce e chitarra invece per Giovanna Marini nella "Ballata dell'emigrazione" di Alberto D'Amico. Il Parto delle Nuvole Pesanti rende la visita che Marco Rovelli ha fatto al loro disco in "Apua natia" di Davide Giromini.

Ma i veri grandi ospiti, se non ne dimentico altri, sono La Compagnia della Fortezza di Volterra, diretta da Armando Punzo che, per chi non si ricorda chi siano, sono quei carcerati-attori che da anni presentano opere teatrali in giro per l'Italia, ma tutte prodotte dentro la Fortezza di Volterra (il carcere). Su un recitato di Leo Ferré ("Muss es sein? Es Muss sein!" ossia "così deve essere. Così è!"), derivato da Beethoven parte una partitura di voci, rumori e dolori dall'interno del carcere. Emozionante. E' la prima canzone e introduce al tema in modo diretto. Come un pugno nello stomaco, come una violenza, come un'infezione. Ascolti la canzone e sei contaminato a tua volta. Così come non riuscirai a liberarati da Steve Conte che canta "X-ray sun", dedicato alla base di Guantanamo.

Ma corriamo troppo avanti: abbiamo ancora l'"Inno a Oberdan", debitore della melodia alla Carmen. abbiamo "Pedro Benje", la delicatissima e intensa canzone dedicata a un martire della rivoluzione angolana e restituitaci da Cristiana Alioto e Claudia Guarducci. E a cui si unisce un altro dono della compagnia della Fortezza: "Nel giardino incolto" che è una canzone scritta da Sabino Mongelli, uno dei carcerati di Volterra. dedicata a un compagno che stava facendo lo sciopero della fame per vedere suo figlio.
E c'è poi "Fuochi di parole", di cui abbiamo già parlato, tutta interna a Les Anarchistes e uno dei miei pezzi favoriti in assoluto. Forse abbiamo dimenticato di parlare di qualche brano e ognuno di essi in realtà richiederebbe ben più di tre righe, anche perché nel ricco libretto Millelire allegato al cd, ci sono spiegazioni più estese. Mi basta per ora rinchiudermi nel piacere che un disco simile mi fa.

Piacere che è multiplo: perché è di intelligenza (nel senso del com-prendere di cui parla Marco nel libretto), è di adesione spirituale, di piacere estetico, è piacere gastronomico. Nutritevi un po' di Les Anarchistes. Vi farà bene!


Les Anarchistes
"La musica nelle strade!"

Storie di Nota - Suonimusic - 2005
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 23-06-2005

HOME