Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Quintorigo: "Grigio"
Violini come chitarre elettriche e idee come fulmini
di Moka


Ascolti collegati


Quintorigo
Il cannone

Quintorigo

Mingus

Lu
Rumi

John De Leo
Vago svanendo


SursumCorda
L'albero dei bradipi


Michele Gazich
La nave dei folli

Crediti:
John De Leo (voce); Andrea Costa (violino), Gionata Costa (violoncello);Stefano Ricci (contrabbasso); Valentino Bianchi (sax).

Ospite: Enrico Rava (flicorno)

Ora: Luisa Cottifogli (voce)

Tracklist

01.
La nonna di Frederick lo portava al mare
02. Grigio
03. Malatosano
04. Precipitango
05. Egonomia
06. Intro / Lola Darling
07. Nola Vocals
08. Zahra
09. Causa Vitale
10. Highway Star
11. Bentivoglio Angelina





Sono apparsi al Festival di Sanremo e sono apparsi alla Madonna! Di colpo è stato come se tutto quello che c'era intorno si ricoprisse di uno strato di muffa. Coniugare rock e classica non è operazione del tutto nuova, ma i Quintorigo non hanno solo questo al loro arco. Sanno scrivere e John De Leo sa decisamente cantare.

"Parlare di musica e' come ballare di architettura"
Con questo celebre aforisma dell' eclettico e geniale Frank Zappa si definiscono sul loro sito, sintetizzando l'oggettiva impossibilità di sovrapporre concetti e strutture verbali all'arte dei suoni. Forse non ha senso chiedersi che genere suonano i Quintorigo, di quali maestri abbiano continuato la lezione, come possa definirsi il loro sound, perché una risposta univoca e condivisa non c'è. I binari su cui si muovono i Quintorigo sono tre: eclettismo, contaminazione, sperimentazione. Il primo deriva dalle esperienze formative giovanili (dal Conservatorio alle cantine, dall' orchestra sinfonica alla cover-rock band...). La seconda è emanazione e rielaborazione del primo. La terza è una inclinazione psicologica che porta a negare ciò che e' stato detto o fatto. Ciò che c'è, c'è già. E spesso non ci piace. Sperimentazione è ricerca di ciò che non c'è.

Fin qui l'autodefinizione. Poi resta "Grigio" che è il secondo album dopo "Rospo" che già aveva dissestato le coordinate di chi si era apprestato a guardare Sanremo. A Sanremo i Quintorigo tornano, dopo l'esordio con "Rospo", anche con la "Bentivoglio Angelina" contenuta in questo album, che è un gran bel pezzo. Musica popolare, come dimostra la scelta del cognome e nome, che si ibridizza con la classica, che scala ajazz, chediventa ricerca e poi ancora torna a essere canzone. Gli equilibrismi vocali di John De Leo sono la firma di tutto il periodo iniziale, fortemente improntato alla ricerca di una strada espressiva nuova.

Una macchina lanciata a così forte velocità non poteva, naturalmente, fare tanta strada. E così, ben presto, le strade di John De Leo e degli altri Quintorigo si sono separate. John, dopo anni di lavoro è uscito col bellissimo "Vago svanendo" che porta avanti il lavoro di sperimentazione, arrampicandosi su nuova strade impervie, ma ricche di stimoli; i Quintorigo, mantenendo il nome, hanno sostituito John con la bravissima Luisa Cottifogli e hanno scelto una via un po' più tranquilla, che si rivolge maggiormente al jazz, come dimostra anche la scelta di dedicare un album a Charlie Mingus. Da ascoltatori il vantaggio è doppio: avevamo un bel gruppo, ne abbiamo due. Ognuno col suo linguaggio. A primavera del 2010 è atteso il loro nuovo album.

Ma torniamo un attimo ancora a "Grigio", album forse non epocale, ma senz'altro in grado di scuotere il torpido stagno della canzone d'autore, dove, ammettiamolo, in questi dieci anni le novità musicali veramente tali si contano sulle dita di una mano (e qualcosa pare destinato ad avanzare). "Grigio" mescola il rock duro con la classica e il jazz (poco), gli archi svolgono la funzione delle chitarre (pensate un violino in mano a Jimi Hendrix), mentre John De Leo sale e scende sulle scale musicali come crede lui (ma anche come il dio della musica comanda e come Demetrio Stratos aveva insegnato). Si parte con un reggae, si prosegue con un omaggio a Paolo Conte, ci si libera in un tango, si cita la colonna sonora di "Lola Darling" di Spike Lee, si coverizzano i Deep Purple di "Highway stars", indurendo un po' il loro hard rock.

Un cocktail tra inediti e cover, dove tra le loro influenze il quartetto romagnolo cita Stravinskij, Miles Davis, Fats Waller, Jimi Hendrix, Faith No More, Herbie Hancock. Dopo "Grigio" seguirà un solo album con questa formazione ("In cattività" del 2003), poi dal 2006 ci sarà la nuova formazione. Ma "Rospo" e il poco successivo "Grigio" restano i due grandi capitoli di un esordio che spacca.

Quintorigo
"Grigio"

Universal - 2000
Di difficile reperibilità o sul sito

Su Bielle

Sul web
Sito ufficiale
MySpace

Ultimo aggiornamento: 07-01-2010
HOME