Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Roberto Vecchioni: "Il contastorie"

Con Fariselli e Dalla Porta, il professore fa pulizia e canta jazz
di Giorgio Maimone

La cosa che funziona meno in questo "bel" disco è il titolo. Un po' perché scontato e molto perché ricalca troppo e a troppa poca distanza di tempo il titolo del disco di Giorgio Conte, "Il contestorie". Sembra un po' un caso da "ubi maior...", anzi major. Dove si muove la Universal, il povero Conte deve farsi da parte. Peraltro è ricalcata da Giorgio Conte pure la formula: cd più libro con storie scritte dal cantautore e corredato da bei disegni. Tolto questo resta però la soddisfazione di ascoltare un disco piacevolissimo, tratto da una serie di concerti deliziosi: quelli del lungo tour "Luci a San Siro di questa sera". L'idea che sta alla base è quella di rivisitare l'ampio canzoniere vecchioniano con l'aiuto di un piccolo combo jazz. Idea vincente!

Anche perché i due sodali di Roberto in questo disco sono due nomi più che consolidati: Patrizio Fariselli, che ha curato anche gli arrangiamenti, anzi le "riscritture", oltre a suonare magistralmente il piano e Paolino Dalla Porta al contrabbasso. A questi due strumenti si unisce, di tanto in tanto, la chitarra di Roberto Vecchioni. Quindici brani dal vivo e uno solo in studio, ossia "Stagioni nel sole", traduzione da "Le moribond" di Jacques Brel, che poi è anche l'unico inedito.

Per il resto assistiamo a una selezione che non va a formare il classico "The best of". Uno dei punti che ho imparato ad apprezzare, ascoltando Vecchioni da trent'anni esatti (da "Ipertensione", uscito appunto nel 1975) è che il cantautore milanese non abbandona mai le sue vecchie canzoni. E' come un papà affettuoso, un amante fedele, uno che non ci sta a passare avanti e a non tornare più sui suoi passi. E questo ci permette, ad esempio in questo disco, di riscoprire piccole perle dimenticate o mai scoperte come "Parabola" (1971!), oppure "Alighieri" (Da "Ipertensione", '75) o ancora pezzi più recenti, ma poco praticati come "Canto notturno" (Da "El bandolero stanco" del '97") o "Ritratto di signora in raso rosa" (da "Sogna ragazzo, sogna" del 1999).

Per il resto, tra gli intramontabili, trovano sempre spazio "Samarcanda" e "Luci a San Siro" che sono, alla quinta riproposizione a testa, facendo grazia delle raccolte a basso prezzo. Tra i "nuovi classici" meritano di essere annoverati anche "Viola d'inverno" che è tratta, come pure "La bellezza", dal "Lanciatore di coltelli" fatto con Pagani nel 2002, e "Blumùn"dall'album omonimo del 1993. Del pacchetto fanno parte anche l'anziana "Canzone per Sergio" (album "Samarcanda" 1977), la più recente "Vincent" (uno dei due inediti di "Canzoni e cicogne" del 2000), l'ineffabile "E invece non finisce mai" (unico estratto dal mediocre "Rotary Club of Malindi" - 2004) , "Le lettere d'amore" (Da il "Cielo capovolto" del '95).

Per chiudere due capolavori come "Celia de la Serna" e "La stazione di Zima", derivate entrambe da un disco sottovalutato (forse) all'uscita e invece degno di grande attenzione, come "El bandolero stanco" del 1997. Ma Vecchioni in realtà sembra saperlo e prende addirittura tre canzoni da questo disco. Questa è la track list, raccontata procedendo con il "random" inserito.

Ma se la scaletta è comunque interessante a prescindere, il lavoro di arrangiamento e riedizione compiuto da Fariselli e soci è veramente notevole. Ascoltare, per averne una prova, "Samarcanda", una canzone che appare poco adatta per un combo jazz. Fariselli e Dalla Porta la caricano di ritmo e di grinta, sostituendo al violino il piano (mano destra) e reggendo tutta la ritmica con basso e mano sinistra sul piano. Certo, il clima complessivo è più rarefatto e ogni tanto, nel disco, si avverte qualche possibile vuoto orchestrale (dove prima stava un'orchestra ora sta solo un pianoforte), ma è proprio questo trattamento a rendere più efficace il lavoro, a porre maggior enfasi sulle parole e sull'interpretazione e sulla perfetta melodia che sottende le canzoni.

Ci ha detto
Fariselli in una recente intervista che lui conosceva poco il lavoro di Vecchioni, prima di questa avventura comune, ma che ha scoperto un cantante e un autore di valore, dove anche la linea musicale del brano è sempre compiuta. Esprimendo soddisfazione generale per il lavoro, Fariselli ha precisato che alcuni brani, come "La stazione di Zima" o "La bellezza" sono cresciute così tanto da arrivare ad assomigliare a degli standard jazz. Come non dargli ragione? Già pregevole di per sé il canzoniere Vecchioniano risulta rivalutato e, come dire, tirato a lucido dal trattamento jazz e Vecchioni "croonereggia" al meglio, come un capace Frank Sinatra nostrano.

Come già per il concerto dal vivo, applausi e standing ovation per il trio che porta a casa un disco elegante, semplice, ma coinvolgente. E una nota di particolare piacere per "Stagioni nel sole", servita da un bel testo e da un'intepretazione solare e partecipe, pur nei momenti di dolore o di maliconia. Peraltro, intendiamoci, abbiamo parlato tanto di jazz, ma il disco è un puro prodotto cantautorale, Vecchioni-style. Niente di rivoluzionario, ma molta qualità. Ora non resta che attendere il prossimo disco di studio di Vecchioni, sperando che questo live segnali un punto di partenza rilevante dal quale non prescindere.



Roberto Vecchioni (Fariselli, Dalla Porta)
"Il contastorie"

Universal - 2005
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 20-11-2005

HOME