Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Ivana Gatti e Gianni Maroccolo: "IG"

Progetto IG, "il perché delle emozioni, perché nascono e muoiono ..."
di Cosimo Pacciani

Cinque ore di macchina da Milano a Longiano, altre cinque da Longiano a Firenze, complice un colpo di sonno che mi fa dormire due ore in un parcheggio sopra Barberino di Mugello. Forse sei punti della patente persi da qualche parte nel reggiano. Tutto questo per IG. Mio padre direbbe che esser bischeri è una malattia endemizzante.

IG, Ivana Gatti e Gianni Maroccolo. Una sigla per un progetto che sta assumendo il contorno vago ed insieme deciso di un collettivo, di un'espressione di un coacervo di anime e di animali. Giusto per citare i PGR. E giusto per giusto, anche io mi sento parte del progetto, di questo essere mutante nato come spazio per la melodia che nasce dalla fantasia di Ivana, resa musica da Gianni ed un coacervo di musicisti. Coacervo o composto ensemble di musica moderna. Brandelli di PGR, Marlene Kuntz, Caravane de Ville, Litfiba. Il ritorno di Antonio Aiazzi, due quinti dei Litfiba storici. Un gentiluomo in disguise.

il gruppo si chiama IG. Come il codice aeronautico della Meridiana, la linea aerea che collega Firenze con Parigi, Londra, Barcellona. La Firenze degli anni '80, la Londra dei '90, la Parigi dei '50 e la Barcellona di oggi. IG si nutre di varie anime, l'elettronica leggera che si potrebbe definire volgarmente trip-hop, un miscuglio di suoni sintetici, analogici e veri.

Legni suonati, batterie con effetti, tastiere onnipresenti, ritmi jungle e fisarmoniche che ricordano certi arrangiamenti del suono IRA Records. Senza contare frasi spagnoleggianti, giochi di parole e rilassamenti quasi à la Gainsbourg (l'inedita "Capra sotto la Panca" alla fine).

O il primo sperimentare di Battiato (quello di "iloponitnatsoc" o come si chiamava).

Tutto questo per dar un'idea confusa dei suoni. Che poi si adagiano, entrano e danno eco alle canzoni di Ivana Gatti. Melodie a volte semplici, a volte intricate e complesse. Modelli? Nessuno, racconta Ivana dopo il concerto, con il suo sorriso scoraggiante e rincuorante insieme. Nessuno, penso io. Le canzoni di Ivana sono canovacci aperti di esperienze/esperimenti sulla sua vita, sulle sue storie, filtrate attraverso immagini. A chi ascolta il compito non troppo arduo di leggerle. Una donna attraverso gli anni difficili della maturità. Della crescita che diventa evidenza piuttosto che necessità. La voce di Ivana un altro motivo per ascoltarla. Spazia da un sussurro ad un grido, falsetto ed acuto. Una descrizione precisa di emozioni. Ancora una volta. Dove le canzoni partono da a, si spostano da h, per poi ritornare a b. Canzoni che esplodono, quando meno te lo aspetti.

Penso a "Troppo", "Resta", "Giallo", "Padri". Penso all'emozione di "Josephine", dedicata a Giuni Russo, che diventa una specie di giga irlandese alla fine, cum suoni elettronici. Difficile non vedere in IG una specie di lancio in stile sommesso e placido (ma avventuroso - chi conosce Gianni sa di cosa parlo) di un progetto italiano che ricalca, suo malgrado od in modo ignaro, il modello di "supergruppi" come i Broken Social Scene, i Notwist, 13th and God, Go-Team etc. Supergruppi per modo di dire, giacchè non ci sono musicisti famosi dentro, ma musicisti veri. Gente che sceglie l'Aurelia Vecchia piuttosto che l'A12 per spostarsi lungo i tracciati dei sapori musicali. Ma che lo fa su un furgone da venti posti, dove tutti cantano in coro, ognuno con una storia stupenda e minima da raccontare. La cena dopo il concerto è la cosa meno rock che si possa immaginare, come una famiglia attorno al tavolo di Natale. E questo si vede sul palco.

Gente che sa, comunque, dove si nasconde il segreto della forma canzone, ma che sa far dilatare i polmoni delle canzoni, dandogli code strumentali ed armonizzate dalla voce di Ivana. Gli arrangiamenti sono eccelsi, fra le cose migliori che ho sentito uscire dai tempi di Kodemondo dei CSI in poi.

Il concerto a Longiano, borgo malatestiano con più chiese che bestemmie, è questo. Un'introduzione compartecipata, esauriente e tenera di questo nuovo viaggio. Compartecipazione eclettica, che ogni canzone nuova che arriva esplora non solo nuovi angoli dell'anima di Ivana, ma porta con sè un cachet di nuovi suoni ed idee in fieri.

Sul palco, Ivana è al centro, quasi isolata, circondata da barriere di tastiere, batterie, percussioni, davanti il pubblico. L'archetto minaccioso del violoncello e il basso di Gianni come a fendere il desiderio di Ivana di abbracciare i suoi colleghi di palco. Ivana al centro. Ma tutti gli altri ad assecondare il rito sacrificale che lei compie, sacrificio di se stessa. Una bella presenza di scena, urbana e gitana allo stesso tempo, sicuramente ancora da sviluppare al 100 per cento, ma già una personalità. E di questo siamo tutti grati agli dei, che IG e la sua musica ci dica già tanto ora che è appena nato alle scene. Una speranza ottima per il futur, dove quello che ci vediamo di fronte è dannatamente già buono, inedito e malcapitato in Italia, che in Inghilterra un gruppo così lo porterebbero in televisione da Jolls Holland subito e lo farebbero remixare ai Bloc Party ed a William Orbit. IG, una cosa rara come un bimbo che nasce e che dice subito mamma e babbo, mela, arancia e forza fiorentina. Forza Firenze. Il roseto del Piazzale Michelangelo, dove Ivana, bresciana di nascita, è un innesto pregiato ed unico.

Penso tanto più che a Giuni Russo a Margo Timmings, la cantante dei Cowboy Junkies, alla sua voce che può essere, nella sua dolcezza, uno strumento di ferocia incredibile. Come Ivana, vestite di abiti che svolazzano, lo sguardo innocente e sereno. Ma che quando ti danno un bacio, ti aspetti sempre che abbiano un coltello in mano per infilzarti al cuore.

Progetto IG, "il perché delle emozioni, perché nascono e muoiono non lo sappiamo e non lo sapremo mai"
( Diaframma "il profumo delle rose" )

"And people keep saying you are miles from your home" (Cowboys Junkies - Miles from home)


Ivana Gatti e Gianni Maroccolo
"Ig"

River Nile/ Ala Bianca - 2005
Solo on line sul sito Ala Bianca

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 28-11-2005

HOME