Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Agricantus: "Habibi"

Buon disco con difetto di sincerità
di Leon Ravasi

Avrebbe tutto per piacere. E' un disco che suona bene, che si ascolta con piacere, rilassante e ammaliante il giusto. Ma più lo ascolto e più mi pongo il problema che ogni disco degli Agricantus, fin dai primi, mi fa più o meno lo stesso effetto. E, purtroppo, è questo che spiace, è una sensazione di artefatto, di lavoro in qualche modo concepito per essere "piacione", come un bel gattone persiano che fa le fusa, bello da vedere, armonioso nel suo muoversi, fascinoso e altero, ma non in grado di dare l'unghiata risolutiva.

Questa è, pari pari, la sensazione che dà "Habibi", ennesimo lavoro di un gruppo valoroso che dal 1989, attraverso 13 dischi, ha dato lustro alla musica di confine e alle mescolanze tra culture differenti. E anche "Habibi" è un disco che si inserisce nel solco di lavori analoghi come "Stari Most" di Stefano Saletti e della Piccola Banda Ikona (disco a cui partecipa Mario Rivera, bassista degli stessi Agricantus) o "Controentu" di Raffaello Simeoni o "Dea" degli Isola o, ancora, "La via delle sete" dei Nuklearte, ma contrariamente a quelli (e segnatamente ai primi due) "Habibi" non ha la stessa carica emozionale.

E' vero che si tratta di un lavoro, in un certo senso anomalo all'interno della produzione del gruppo siciliano: solo due sono le canzoni nuove ("Habibi" e "Anima" (bella!), mentre "Ciavula", "Occhi chi nascinu" e "Teleja" sono presentati in nuove versioni che poco tolgono, ma anche poco aggiungono alle versioni originali. Se vi piacevano continueranno a piacervi, se vi dicevano poco prima continueranno a dirvi poco ora. In più in questo lavoro viene data visibilita’ ad alcuni percorsi particolari, che non hanno coinvolto tutto il gruppo nel suo insieme, ma che sono il frutto di progetti discografici individuali: Mario Crispi con "Mari niuru", Mario Rivera con "Su dilluru" una elaborazione "drum&bass"di canti tradizionali della Sardegna e Welt Labyrinth, un duo formato da Tonj Acquaviva e Rosie Wiederkehr.

Quindi, gruppo riunito e percorsi laterali. Ma complessivamente si sente che è un disco al quale manca l'urgenza. L'urgenza di esprimersi, la sensazione e la volontà di avere qualcosa da dire. Senza tirare un invisibile "pilota automatico" che traghetti il disco verso le soglie dell'ispirazione più o meno intensa, della meditazione più o meno densa. Scorrere scorre: "Panta rei", figuriamoci se non scorre "Habibi"! E se fosse la prima volta che ascoltate gli Agricantus (gruppo, peraltro, benemerito proprio di questa specifica deriva del folk revival) potrebbe anche sembrarvi una rivelazione.

In caso contrario sembra un po' come ascoltare il terzo disco consecutivo di Ravi Shankar! Ma come? Mi era così tanto piaciuto in "Concert for Bangla Desh"! Com'è che dopo la terza ora di sitar mi sento, come dire, un po' stanchino? ("Forrest Gump" - ndr). E gli assoli di liuto di John Dowland? E i dischi rinascimentali di John Renbourn? Ecco, l'effetto è quello. Tanta patina e meno sostanza. Senza nemmeno l'appiglio che stiamo ascoltando qualcosa che ha fatto la storia.

Insomma, serve l'ennesima parafrasi Fantozzesca per dire che Habibi "è una boiata pazzesca"? No, anche perché non è vero. Ma non è fresco, non è vitale. E' mozzarella Santa Lucia, dove una volta stava la mozzarella di bufala, è cibo precotto per ascoltatori disattenti, è un torto che gli Agricantus fanno a se stessi e alla loro storia gloriosa. E' "Penthouse" rispetto ad avere a che fare davvero con una donna. Magari coi brufoli o le tette cadenti, ma donna vera. "Habibi" non suona vero. Suona come un prodotto molto ben confezionato!


Agricantus
"Habibi"

CNI - 2005
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 19-10-2005

HOME