Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Garbo: "Gialloelettrico"

Un ritorno con Garbo ... che ritorno non è
di Luca Bartolini

Sarebbe facile cominciare a parlare del disco di Garbo e parlarne come del disco che segna il ritorno sulla scena dell' artista che rappresenta la storia della new wave italiana, scritta attraverso lavori che hanno lasciato il segno e che recano i titoli di "A Berlino...Va Bene", "Scortati", "Fotografie", "Manifesti". Sarebbe facile parlare di un ritorno con tutte le belle frasi che corredano i discorsi di questo tipo. Sarebbe facile ma non sarebbe esatto.

Perché Garbo dalle scene non è mai uscito, nel 1997 ha fondato un movimento insieme ad Isabella Santacroce e ad altri scrittori come Niccolò Ammaniti, Enrico Brizzi, Aldo Nove ed altri; il Nevroromanticismo, un movimento filosofico e letterario che esprime l'inquietudine di vivere. Nel manifesto del Nevroromanticismo c'è scritto: "Sono struggenti e spietati. Sono carnali e inorganici. Hanno patito le parole dell'universo. Quelle della pubblicità e quelle della letteratura. Canzonette, poemi, telegiornali, bibbie, settimane enigmistiche. Li hanno definiti in mille modi. Trash, splatter, cannibali. Ma sono nevrotici. Sono romantici."

Ma non sarebbe esatto parlare di ritorno soprattutto perché Garbo non ha mai smesso di fare dischi. Quindi l'unico senso che possiamo dare alla parola ritorno associato al nome di Garbo è il ritorno dell'attenzione nei suoi confronti .

Ritorno di attenzione confermato dal fatto che la Emi Music Il 16 aprile 2004 ha deciso di ripubblicare i suoi primi 3 album ("A Berlino...Va Bene", "Scortati", "Fotografie"). Ritorno di attenzione meritato e necessario a giudicare dalle dichiarazioni esplicite da parte di alcune nuove leve affermatisi negli ultimi anni, come Morgan e Subsonica, che parlano di Garbo come un maestro.

Ritorno di attenzione innegabilmente figlio (almeno in parte) anche del revival degli anni '80 che stiamo vivendo in questo periodo e che Garbo ha commentato così in un'intervista di poco tempo fa: "Molti lo vedono come revival, probabilmente, molti sparano addosso agli anni Ottanta perché ritenuti di plastica, ma non capisco... Tutti i periodi potrebbero essere definiti "di plastica" perché ogni stagione artistica ha le sue cose vere e le sue cose finte. A mio avviso questo recupero, che coinvolge anche l'immagine e la moda, è figlio di un grande buco nero: se avverti un vuoto, la prima cosa che fai è guardarti alle spalle per capire cosa c'era prima, a monte. Ci deve essere una continuità: io, ad esempio, non mi sento affatto "sparito" e poi "recuperato", ho sempre proseguito per la mia strada".

Da queste parole si capisce bene come Garbo non sia mai corso dietro alle mode, sapendo bene che avere o no l'attenzione del grande pubblico e lo spazio adeguato sui mezzi di informazione (soprattutto se non si fa un genere di musica "nazionalpopolare") è soprattutto una ruota che gira; e lui in fondo non è mai sembrato preoccuparsene troppo. Del resto un'artista che ci racconta di "…Parlare poco e ascoltare il tempo/ pensare al mio rumore/ muovermi poco e sentire il ritmo… " ,non ce lo vediamo proprio a rincorrere il consenso del pubblico della canzonetta della domenica pomeriggio.

Questo nuovo lavoro esce comunque con la meritata attenzione e attesa intorno a se. Gialloelettrico sarà nei negozi dal 2 settembre (edito da Discipline / Venus Distribuzione), è stato preceduto dal singolo "Onda elettrica" che dal 4 luglio è in rotazione nelle emittenti radiofoniche nazionali, mentre il video sempre dello stesso brano, è stato consegnato alle emittenti televisive musicali a partire dal 19 luglio 2005. Il soggetto, la sceneggiatura e la regia sono di Graziano Molteni.

Hanno partecipato apparendo nel video molti amici di Garbo e sono: oltre lo stesso Garbo, Carlo Bertotti (Delta V), Luca Urbani (Soerba/01/Deleyva), Andy (Bluvertigo), Davide "Boosta" Dileo (Subsonica), Debora Villa, Ramon Brazzarola (OttantaHz/Discipline), Jo-Anna Cassino, Angelo Bellandi (Ovophonic), Roberto Monti (El Coyote), Mattia Amadori (Olo production). Con la collaborazione appunto di Graziano Molteni (regia), Max De Ponti, Mattia Amadori, Graziano Molteni (operatori di ripresa), Vito Di Domenico, Angelo Zani (tecnici di produzione), Wanda Gobbi (assistente di produzione), Graziano Molteni, Vito Di Domenico, Max De Ponti (montaggio). (E' possibile vedere il video del singolo "Onda elettrica" il link al video è in homepage di Yahoo musica nella sezione novità.)

Nel singolo "Onda elettrica", Garbo ci dice, con versi senza dubbio autobiografici, che vorrebbe "…appartenere a un'onda elettrica e nuova per riuscire a spostare le mie idee e i miei modi, io vorrei appartenere a un'onda elettrica e nuova che riesce a spostare le tue idee e la moda…" ed è quasi automatico pensare a una parentela tematica con "Centro di gravità permanente" (anche se formalmente chiedono due cose opposte si ha poi l'impressione che, l'onda elettrica e il centro di gravità, siano solo due vie che servono per arrivare allo stesso "punto") del suo amico Franco Battiato (con il quale Garbo ha collaborato in una tournee del 1981 ai tempi del suo primo album "A Berlino… Va bene" e dell'album la "La voce del padrone" dell'artista catanese).

Perfetti e sorprendenti gli archi della ballata elettroacustica "Forse", un pezzo semplicemente stupendo, sono solo ai primi ascolti e per ora sembra la migliore traccia del disco. Nella decadente "Io non miglioro" si ritrova l'artista che aveva accostato (stiamo parlando del 1984 quando Garbo vince il premio della critica al Festival di Sanremo con il brano "Radioclima" tratto dall'album "Fotografie" edito da Emi), Sanremo e dandysmo alla David Sylvian. Mentre "Andarsene" è scritta a sei mani con Morgan e Luca Urbani dei Soerba.

Qualche mese fa a una domanda riguardante il suo nuovo progetto musicale Garbo aveva risposto così:"E' geniale! Stavolta ho superato me stesso, davvero! E' un percorso nella mia vita di tutti giorni. Pura elettronica, non c'è nessun elemento fisico, c'è anche del noise, anche se fondamentalmente stiamo parlando di dieci buone canzoni pop." Garbo diceva di aver superato se stesso, poteva sembrare un'esagerazione ma non lo è; se ancora non si fosse capito stiamo parlando di un disco davvero bellissimo. Provare per credere…

Garbo
"
Gialloelettrico"
Discipline - 2005
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 01-09-2005

HOME