Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Alberto Fortis: "Fiori sullo schermo futuro"

Alberto Fortis si ripropone al pubblico con un nuovo album di inediti.
di Elisabetta Di Dio Russo

“Fiori sullo schermo futuro” è uscito il 3 giugno (giorno del suo cinquantesimo compleanno) facendo il suo ingresso tra le novità discografiche in punta di piedi, quasi timidamente. L’attenzione dei media verso il reale valore dell’album è stata decisamente labile e distratta: chi si occupa di recensire i dischi, molto spesso “non ascolta i dischi”: uUn vero peccato vedere la poca professionalità di alcuni addetti ai lavori penalizzare la certa professionalità di personaggi come Alberto Fortis.

Malgrado l’arte sia da salvaguardare poiché è un bene di tutti, talvolta il poco rispetto per il lavoro degli artisti porta alcuni critici musicali a dimenticarsi che la recensione di un disco è un compito delicatissimo che non solo condiziona l’esito delle vendite ma può privare il pubblico, se mal fatta, della piacevole conoscenza di opere di valore. E l’ultimo album di Fortis è forse uno dei suoi più riusciti.

Con “Fiori sullo schermo futuro”, l’artista piemontese, come sempre svincolato da ogni forma di conformismo nei confronti del potere discografico e sociale, concentra le sue capacità espressive non solo sulla musica ma sui testi a tratti forti, crudi ma anche delicati e romantici che si riflettono nell’attualità più o meno spietata dei nostri tempi ma che riescono a catturare gli ultimi residui di sentimentalismo che la società ci offre, e sono in grado di ingrandire anche i particolari meno rilevanti di una collettività che palesemente sta andando alla deriva.

I temi trattati non sono tutti semplici: politica (Mai dire Mai, All Right), aborto (Scemo), turismo sessuale, incesto (Quieres love), solitudine (Rincasa piano), quotidianità (2 parole), romanticismo (Innamorata), mistero (È notte).
Paure e speranze messe a nudo dall’artista.
Paura di un futuro che appare offuscato da un presente drammatico.
Fiori sullo schermo futuro è un album molto curato, in perfetta analogia con l’album d’esordio che ha reso celebre l’artista, “Alberto Fortis”.

Bello poter rintracciare le atmosfere presenti nel suo primo album pur mantenendo il pieno contatto con il suo stile “inconfondibile”, energico, schietto e passionale.
Le canzoni di Fortis sono prive di mezze misure e i temi scelti sono bersaglio di emozioni e di situazioni che non ammettono l’arte del sotterfugio ma escono prepotentemente allo scoperto con l’eloquenza delle parole. Non solo: all’ultimo album di Fortis è allegato un dvd, apparentemente non troppo diverso dai soliti dvd degli artisti che servono soprattutto a fare la felicità dei fans, ma che, in questo caso, si avvale di contenuti speciali che non dovrebbero sfuggire ai critici musicali poiché sono la vera essenza dell’intero lavoro del cantautore.

E qui viene il bello: il dvd contiene un’autentica “chicca”, una versione molto diversa ma non per questo meno autentica, dell’ultimo singolo dell’artista “Mai dire mai”, a fare da sottofondo ad un efficace filmato che indica una realtà alla portata di tutti ma a cui tutti vorremmo sfuggire.
“Mai dire che non vai a Sanremo/ Mai dire che non è quello che vuoi/ Anche se poi hai al governo uno scemo/ Mai dire che lui ci trascina nei guai/ Ormai sei dentro o fuori/ Com’è che l’Italia non sa/ Hello riviera dei fiori/ Mi annoio fai le cose a metà”
Le immagini che scorrono sotto gli occhi di chi guarda vanno da Bill Clinton all’attuale presidente degli Stati Uniti, dai massacri dei Curdi per opera di Saddam alle torture dei soldati americani inflitte ai prigionieri iracheni. E si termina con le immagini delle torri gemelle prima dell’attentato.

Con questo video forse Alberto Fortis potrà apparire “antiamericano”, ma l’antiamericanismo dell’artista, non è altro che un punto di vista condiviso dal mondo pacifico che mal sopporta lo stato di allerta ed apprensione in cui l’occidente è finito per le goliardiche decisioni di un’unica persona.

Le parole del testo di “Mai dire mai” sono forti e decise, rispecchiano lo stato d’animo in cui non solo Fortis, ma anche molti di noi, riversano dopo la tragedia dell’11 settembre.
La politica è da sempre l’obiettivo di molti artisti e mai come oggi Alberto Fortis è stato tanto esplicito e con coraggio ineggia ad un pacifismo puro, comprensibile ed immediato, con la reale forza di un guerriero che mette da parte le armi e la violenza per affemare il suo pensiero con l’esclusiva energia delle parole.

Alberto Fortis
"
Fiori sullo schermo futuro"
Formica SAS Edizioni - 2005
CD Audio+DVD Video
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 25-08-2005

HOME