Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Roberto Cacciapaglia: "Incontri con l'anima"

Musica per introspezione. Pulizia interna e gran nitore
di Leon Ravasi

Con ogni probabilità io e Roberto Cacciapaglia non condividiamo neanche un'oncia di motivi comuni su cui meditare. Per esempio ora sono tutto impeganto a meditare su come sia possibile che un prefetto (il manzoniano Don Ferrante) venga proposta come sindaco di Milano dalla cosiddetta sinistra. Mah! Cacciapaglia è più intento a porsi dubbi sul sesso degli angeli e immediati dintorni. Un incontro il nostro quindi che nasce sotto cattivi auspici, eppure ...

Eppure il disco è bello. E se lo scopo di questa musica è di far pensare e mettere in comunicazione con gli strati più profondi del nostro essere (o con gli strati superni, sempre che ce ne siano) lo scopo può dirsi raggiunto. Le musiche e i canti di Cacciapaglia (tutti affidati a cantanti liriche: Letizia Calandra Brumat, Dora Carofiglio, Nura Rial) stimolano alla riflessioni, all'introflessione, ad un distacco, sia pure momentaneo dalle cose di questa terra. New age music? Beh, sì. Ma all'interno della new age musica Wim Martenrs e Will Ackermann hanno anche costruito dei begli edifici di musica concreta. Algida, forse, ma in grado di colpire l'anima.

Lo strumento guida è il piano di Cacciapaglia, ma il suono è comunque ricco, con violino, viola, violoncello (due), contrabbasso e un uso discreto, ma non marginale, dell'elettronica. Tutto il resto mi piace ignorarlo: sia i titoli (banalità come "Il salto dell'angelo", "Vita nuova", "Lucid dream", "Figlia del cielo", "Mente radiosa" o bizzarrie come "La scomparsa di Giove", "Michael Angelus Pacis"), sia i testi che sono di Cacciapaglia ma tratti dal Salmo 13, dal Qoelet, dall'Inno di San Michele e dai Vedra Mantramanjari (rivelando peraltro o una mente religiosamente molto aperta o un sincretismo religioso che fa molto "new age", in questo caso nel senso del movimento spiriturale e che mi irrita non poco.

Ignoro tutto questo e ascolto. Ma questo dovrebbe piacere anche a una mente aperta e spiritualmente ispirata come Roberto. E percepisco la bellezza intensa della canzone numero 8 ("Salto dell'Angelo"), le aperture orchestrali che mi spingono a mia vota a tirare un sospiro per inspirare più aria ascoltando. Come per pulirsi i polmoni e sgombrare la testa, per mettersi più in sintonia con fenomeni naturali come il soffio del vento, il battere della pioggia, l'umidore denso della nebbia. Oppure ascolto la delicatezza, la melodia e la splendida voce di Nura Rial nella canzone numero 3 ("Un'ora"), dove il concetto di "un'ora" ("un'ora per cercarsi/ un'ora per laciarsi/ un'ora per odiarsi/un'ora per amarsi") viene scandito 24 volte, così come le ore del giorno. Ma è il brano preso dal Qoelet e si sa che gli ebrei sono puntigliosi. (Parentesi dotta: Qoelet è termine della Bibbia ebraica, tradotto in italiano dal greco con Ecclesiaste).

Ventiquattro volte (più altre otto nel ritornello) sono un tantinello troppe ... ma il brano è molto bello. Molto rarefatto invece il brano numero 2 ("Atlantico"), mentre la track 11 ("Mente radiosa") si propone come una sintesi riuscita tra fuga circolari o raga alla Terry Riley o alla Philip Glass e gli ultimi successi delle suonerie polifoniche per telefonini, ma, nonostante ciò che dico (il momento dei telefonini è minimo) la magia ipnotica del brano è rilevante.

Musica immateriale che accompagna il pensiero, la meditazione o il sonno a seconda delle occasioni, che, se si prendesse meno maledettamente sul serio (libretto solo in inglese e sul tutto un'aria di perfezione che non è da questa terra) sarebbe da consigliare a chiunque. Comunque è musica che risana, che, se per caso trova l'anima occupata, riesce a parlare bene col corpo, a rilassare i centri nervosi e a indurre uno stato piacevolmente orientato alla discussione, all'incontro e, perché no(?), all'amore fisico. Il sesso con sottofondo di Cacciapaglia non sarà forse nelle intenzioni dell'autore, diciamo che è un'U.P.A. (uso parziale alternativo), ma che mi sento di consigliare.


Roberto Cacciapaglia
"Incontri con l'anima"

Deltadischi - 2005
In tutti i negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 05-11-2005

HOME