Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Hic Niger Est: "Hic Niger Est"

Rock in italiano con buona carica e spunti di interesse
di Moka

Rock duro, non durissimo, ma intenso. Due chitarre, basso, batteria, per formare il classico combo rock, con un minimo d'occhio verso il noise inglese. La miscela che ne deriva qualche volta risulta ben calibrata, altre meno, ma, trattandosi di un primo tentativo, direi che non è il caso di andare troppo per il sottile. Gli Hic Niger Est vengono dal Salento e c'è dell'ironia nel loro nome che ricorda la scritta Hic Sunt Leones riportata sulle prime carte geografiche dei romani per indicare le regioni sulle quali non vi erano informazioni attendibili. L'acronimo HSL è stato utilizzanto anche dagli Assalti Frontali come titolo del loro ultimo album.

Volendo essere gentili si potrebbero dire che richiamano i primi Led Zeppelin, ma si sarebbe forse troppo gentili. Forse richiami più prossimi possono esserci col suono dei Marlene Kunz, anche se, soprattutto nel canto, la lezione di Robert Plant sembra essere bene presente (magari per interposti passaggi e suggestioni). Tra i punti indiscutibilemnte positivi teniamo il fatto che cantino in italiano e che cerchino, per quanto possibile trattandosi di rock, di non farsi trascinare solo dal suono delle parole.

"Sine die" ("Insostenibile riflesso carnoso / di magica circonferenza nera") e "Infarcito" ("il tuo sguardo fisso sul tavolo/ all'improvviso ti ricordi di me"), due dei dieci brani che formano l'ossatura del loro primo disco sono un bell'esempio di testi centrati, costruiti su una poetica rock, mentre con "E fuori 1" cadiamo un po' più nel consueto ("sei tornato sui tuoi passi/ dcodardo del cazzo/ le tue palle disegnate / su un pezzo di carta") senza che questo, peraltro, voglia suonare a critica estrema. Il disco si lascia ascoltare nella sua globalità, anche se, forse, sui 58' di durata si poteva intervenire con un po' di colpi di forbice. Non manca anche qualche apertura melodica come nella title track "Hic Niger Est" ("e sto qui ad ascoltare /lo scorrere dei miei pensieri / si insidiano nei lineamenti del mio volto") che ricordano alcuni dei passaggi degli Uncle Tupelo e dell'alternative country.

La formazione comprende: Gianni Garofalo (chitarra e voce e autore di buona parte dei testi); Mauro Corsano, chitarra; Enzo Pazzo, basso; Antonio Paolo, batteria e autore degli altri testi. Gli Hic Niger Est si sono costituiti nel 2001, ma hanno iniziato l'attività l'anno successivo. Questo è il loro primo disco che è stato registrato tra il gennaio e il marzo 2004 (è uscito in aprile).

 

Hic Niger Est
"Hic Niger Est"

Purerock - 2004

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 14-02-2005

HOME