Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Laura Fedele: "Pornoshow"

Sensualità e classe sulle note di Tom Waits
di Leon Ravasi

Ed ecco un bellissimo disco lasciato per troppo tempo nel “probabilitatoio”, ossia nei dischi di cui avrei voluto/dovuto parlare da tempo, ma che, per un motivo o per l’altro non riescono mai a emergere alla recensione. Che Tom Waits potesse essere fatto in italiano ce l’avevano già dimostrato in molti: da Vinicio “Tom” Capossela, ai suoi molti (troppi?) imitatori e seguaci: Folco Orselli, Federico Sirianni, Marcello Murru, Fabrizio Consoli e chiedo scusa a chi ho scordato. Perfino Davide Van De Sfroos aveva sfoggiato un saggio di bravura traducendo benissimo “Frankie’s wild years” come “I ann selvadech del Francu”. Meno probabile mi sembrava potesse riuscirci una donna. Trascuravo Laura Fedele.

Sia per le tematiche trattate, sia per la voce un pelo oltre il ruvido, sia per quell’aria da orco cattivo e strafatto, l’immagine di Tom Waits proprio non mi si sovrappone con quella di una donna. Al limite posso pensare a lui sovrapposto (o sottoposto) a una donna, ma questo ha più a che fare con i pornoshow che con “Pornoshow” di Laura Fedele. Laura, peraltro bravissima e non da oggi (il suo primo disco. “Right now”, risale a vent’anni fa) e ben conosciuta nel mondo del jazz milanese, fa ancora di più. Non solo interpreta Waits, ma lo traduce e lo riadatta, entrando nel suo mondo in punta di piedi dapprima, ma poi allargandosi fino a prendere tutto lo spazio necessario.

L’ingresso infatti avviene con “Clap hands” (qui tradotto in “Pioggia nelle mani”) che già altri hanno affrontato in Italia (Sara Piolanti dei Caravane de Ville in “Metropolis”, ad esempio), ma il testo in italiano dà un altro peso all’operazione: “Siamo insani, tutti malsani / senza le ali, senza le mani/ Madama la Sfortuna appesa a un filo se ne sta/ pioggia nelle mani è questo tutto ciò che ha”.

Seguono “29 dollari”, “Giù nel buco nero”, “Discorsi da bar” dove sembra risuonare il migliore Buscaglione (gira e rigira da Tom siamo arrivati a Fred, risalendo 50 anni della nostra storia): “Forse sarò banale, ma non ci siamo visiti già? / Il tuo viso non mi è nuovo, forse ci siamo visti qua / E’ solo che somiglio a chi vorresti fosse qui con te / comunque originale, no, di certo tu non sei/ e con gli sconosciuti non ci parlo mai”.

Oltre a tutto ciò Laura Fedele suona piano e fisarmonica, accompagnata da un ensemble che vede associati nell’avvenuta Massimo Mariani, Marco Mistrangelo, Stefano Dall'Ora, Davide Santi, Francesco Licitra, Raffaele Kohler, Claudio Chianura, Alberto Marsico nei classici ruoli di una jazz band, con qualche piccolo sconfinamento nei campionamenti, usati per altro con molta parisomonia.

E poi, a metà disco, si arriva al capolavoro: “Pornoshow”, la canzone che dà il titolo all’album. Pezzo di bravura, doppio pezzo di bravura, triplo pezzo di bravura: l’esecuzione, la traduzione, la musica fatta solo di voce, batteria e organo hammond (ma poco!). Una cannonata! Una canzone che ti fa balzare dalla sedia.

“Lui puzza come un treno, come un’osteria / e non gli è rimasto niente nelle tasche / solamente un francobollo usato / e così come un ubriaco tutt’in giro se ne va per la città/ a parlare con i barboni, con i senza tetto che / si contendono un lampione e un marciapiede come letto / e poi si infila dritto in un pornoshow// Perizoma, tacchi a spillo,m spogliarello rizzarello / d’ogni taglia, ogni misura, lei è bella da paura / morbidosa broccolosa prendi tutto ciò che ho / e togli tutto ciò che hai addosso// E la band suona da schifo ma chi se ne frega in fondo / giro giro giro tondo se il suo culo è un mappamondo / che farebbe rinvenire anche un moribondo / spacchi e spacchi cosce e fianchi grandi occhi tonda e liscia / striscia striscia … / sulla pancia serpentosa budinosa / ubriaco da paura se la gode in prima fila / Sally Lucy Manuela sono belle sono calde sono pronte sono porche / poi qualcuno da laggiù grida: “dateci di più”// Birra …. Sigaretta … Sigaretta … Birra…/ Birra …. Sigaretta … Sigaretta … Birra…/ profondo porno mezzogiorno / torna ancora torna presto / vieni quando vuoi / alto come un aquilone sopra noi tu volerai / piccola evasione diversivo alla vita coniugale / sempre troppo tutta uguale”.

L’ho riportata tutta perché meritava. Quello che non posso riuscire a riportare su queste pagine è la sensualità con cui Laura rende la canzone. Da dover essere prudente nel caso di un’esecuzione dal vivo. Un’interpretazione ad alto tasso di erotismo!

Con “Rain Dogs” (“Cani randagi” nella traduzione) torniamo nella logica del disco, con un pezzo quasi brechtiano, ma qui fa agio l’originale, pur nello splendore della traduzione: “E noi a berci le notti così / danzando sui nostri sogni / ombre vibranti nel buio laggiù / noi scellerati”. Un disco di grosso interesse, uscito nel 2003, e, come sempre capita, puntualmente passato sotto silenzio.

Laura Fedele
Pornoshow

Auditorium - 2003
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 12-07-2004

HOME