Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
AAVV: "Fame Chimica" (OST)

Per immagini, ma anche senza
di Moka

“Fame Chimica” è prima di tutto un film, un film che non bisogna passare sotto silenzio, esempio civico di come si possano fare ottimi film con pochi soldi e affrontano argomenti di peso civico, un bell'esempio di cinema indipendente e autoprodotto. Dal film, interamente girato a Milano per la regia di Paolo Vari e Antonio Bocola, nasce da un fortunato cortometraggio del 1997 che porta lo stesso nome, ed è, e racconta la storia di Manuel e Claudio, due ventenni di periferia, che trascorrono le giornate con gli amici cercando di placare la loro “fame chimica”. Un film di questo tipo aveva bisogno di un adeguata colonna sonora e al compito si è prestato Luca “Zulu” Persico, voce storica dei 99 Posse e ora nel progetto Al Mukawama, che, oltre a comparire nel film nel ruolo di se stesso, cura anche la direzione artistica del disco.

Che è un buon disco. Dove vengono coinvolti a vario titolo e in vario modo 24 Grana (“Stai mai ‘cca” il brano più suggestivo del disco), Pino Daniele (“Ah, disperata vita”, traccia fantasma di “Medina”), Al Mukawama stesso a cui spetta di aprire e chiudere il disco, ‘E Zezi (“Il ballo re’pezzienti” e “Vesuvio”), Subsonica “Nuova ossessione club mix”), Ludovico Einaudi (“La linea scura”) e altri in un soundtrack decisamente ricco, suddiviso tra canzoni composte per l’occasione come la title track e altri brani già sentiti altrove, ma del tutto in tema con la vicenda, con lo spirito da blues urbano perseguito dal film e raccontato con immagini dense di suggestione, a cui la colonna sonora aggiunge spessore senza levare spazio.

Il lavoro tiene conto, come è normale, di gusto e sensibilità giovanili e della possibilità di raccontare in musica argomenti sulla stessa lunghezza d’onda di quelli del film, ma che non sia stato un progetto casuale lo dimostra anche il fatto che dalla colonna sonora è nato un “Fame chimica tour” che ha girato in primavere-estate su e giù per l’Italia sia assieme che indipendentemente dal film. Protagonisti del tour E Zezi, 24Grana e Al Makuwama, ossia l’ossatura più importante della colonna sonora.

Per quanto mi riguarda sia “Funky DJ” di Zoara che “Nuova ossessione club mix” di Subsonica o “Express Lunch” dei System of survival, ossia la parte centrale del cd, risultano funzionali al film, ma risentiti su disco non si staccano molto da tanta paccottiglia che gira per le radio Fm tutti i giorni.

Già molto più vitali i “cattivissimi” Ginosauri di "Guarda Milano", ammalianti con i vocalizzi da madrigale di Pino Daniele, il pianismo senza increspature di Ludovico Einaudi e la carica degli 'E Zezi. Colonna sonora soprattutto, ma anche disco di assoluto interesse.

AAVV
"Fame Chimica"

BMG - 2004
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 14-09-2004

HOME