Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Riserva Moac: "Bienvenido"

Un gran mischione, ma almeno energetico
di Leon Ravasi

Non sono certo "li peggio fichi del bigoncio" questi della Riserva Moac, già sentiti al Festival della Musica di Mantova. Hanno fatto un album d'esordio che ha carica giusta, stamina quanto basta e che è in grado di lasciarsi ascoltare senza sfigurare nei confronti dei prodotti consimili. Il problema forse è soprattutto quello: i prodotti consimili. Che ormai sono una pletora, un'infinità, una carrettata, millanta che tutta notte canta. Insomma, ci risiamo, una volta che scoppia una moda sembra che in Italia non si possa cantare altro che così. C'è stata l'epoca del reggae (e sfortunatamente c'è ancora), quella del folk revivival, quella dell'Irlanda, ora vige il "meticciato con qualcosa di balcanico".

Vale a dire la licenza di fare casino fredangosene della quadratura musicale e soprattutto della quadratura della logica. E' vero, i balcani sono vicini, il Mediterraneo ci bagna, il meticciato ci appartiene e ci arricchisce, lungi da noi pensieri anche solo vicini a quelli del Presidente del Senato con la testa a Pera e solo purea all'interno! Ma qualcuno dovrà pur segnalare che i dischi rischiano di suonare tutti uguali? E che se le storie e le idee musicali latitano si può evitare di fare dischi, sostituendoli con tanti buoni concerti o tanti buoni ascolti che arricchiscono il bagaglio sonoro.

In particolare, da Roy Paci in qua, i miei rilievi critici si appuntano soprattutto sulla base ritmica, quella che dovrebbe essere la "macchina del suono" e che non può, non può proprio pestare sempre uguale da inizio a fine disco, perché così facendo rischia di affossare anche quella manciata di idee buone che ogni gruppo prima o poi è in grado di proporre. E la Riserva Moac ci prova a sua volta e con un diverso accompagnamento ritmico potrebbe anche arrivare più lontano. Siamo nel genere "folk & rappa", contaminazione tra strumenti e stilemi della musica popolare e ritmiche quasi disco, mentre la voce rappa sopra questo tappeto diseguale, inciampandoci a volte, accompadagnata da un coro femminile di sicuro effetto.


La miscela funziona o può anche funzionare sul singolo pezzo, sul brano isolato, forse su un paio, ma non è in grado di incatenare (e il termine è proprio quello esatto. Senza catene non si resiste) per l'intera durata del cd. La riserva Moac gioca la carta dell'"alternativo caciarone e simpatico" e sul sito il gioco riesce bene (bello!), sulla copertina del disco anche, tra i solchi soltanto a sprazzi. "Furturella", "Ungaretti" e "Introterra" sono i brani che mi convincono di più. Per gli altri vale il discorso già fatto: accettabili come singolo, meno in successione diretta.

La Riserva Moac sono Fabrizio “Pacha Mama” Russo e Mariangela “Maya” Pavone, voci; Roberto "Zanna" Napoletano. fisarmoniche, congas, maracas, calimba; Aldo "Zefiro" Iezza, zampagna, ciaramella; Gianni "Kilone" Nardocchione, chitarra elettrica ed acustica; Patrizio "Basko" Forte, basso e Oreste "Sir Amur" Sbarra, batteria.

Riserva Moac
"Bienvenido"

Upr / Edel - 2005
Nei negozi di dischi

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 30-08-2005

HOME