Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Offlagadiscopax: "Socialismo tascabile"

L'esordio dell'improbabile trio reggiano
di Leon Ravasi

E' geniale! Non una chicca, nè un gioiellino. Suona sporco e male. Suona anni'80 ibridato con pust-punk e elettronica da tastierina casio. A volte noise, a volte disturbo puro di suoni assemblati un po' a casaccio. Ma il disco è geniale. L'unica vera domanda è "ci sono o ci fanno"? Gli OfflagaDiscoPax miscelano anni '60, comunismo, Oriettaberti, nostalgia e politica "vintage" come loro stesso affermano e la miscela è vincente.

L'unico dubbio viene quando ci si chiede cosa potrà venire dopo questo disco (e il termine in questo caso è quanto mai appropriato, perché il richiamo al vinile ci azzecca perfettamente con tutto il resto). Dopo queste 9 canzoni che poi canzoni non sono perché sono brani recitati su sottofondo musicale, che allineano titoli come "KmerRossa", "Piccola Pietroburgo", "Kappler", "Tatraky" quale potrà essere lo scenario futuro su cui si potrebbe muovere la band di Reggio Emilia?
Alcuni al loro proposito citano i vecchi CCCP: non ci siamo, non è la stessa cosa. Soprattutto da un punto di vista musicale. In comune c'è solo la provenienza e il richiamo a luoghi comuni e iconografia del socialismo reale.

Sono solo in tre: Max Collini (voce e testi), Enrico Fontanelli (mmog, casiotone, basso e basi), Daniele Carretti (Chitarra e basso) ma sufficienti per quello che vogliono proporre: piccoli racconti, molto belli dal punto di vista letterario che narrano di vita politica di qualche anno fa. In un'intervista Collini ha dichiarato che soffre di "torcicollo esistenziale" ossia che non riesce a guardare più avanti, perché troppo impegnato a guardarsi alle spalle.

La scelta è quella: esaminare i ricordi di scuola, i gusti e i sapori perduti, i personaggi andati. In un certo senso, mutatis mutandi, quello che in fin dei conti ha fatto Paolo Conte, erigendola ad arte, con i ricordi della sua infanzia o ancora prima con quelli sentiti raccontare o, cambiata di latitudine e di colore politico, con i racconti di Davide Van De Sfroos, impregnati di quella che altrove si chiamerebbe saudade, ma che, nella piccola Pietroburgo di Cavriago (il paese di Orietta Berti, dove sindaco onorario è ancora Lenin e il PCI pigliava il 74% dei voti) si chiama nostalgia. Che poi sia del comunismo o del tempo andato lo capiremo nelle prossime puntate.

Perderebbe qualcosa il disco se non ci fosse la musica? Forse. O forse no. Poco probabilmente. Ma i testi sono una perfetta macchina da guerra e l'accompagnamento sghangerato non ne ottenebra il fascino nemmeno per un momento, anzi, in alcuni momenti lo sottolinea e lo accentua con calore. Valida la voce sempre in tema di Max Collini che non recita, non fa l'attore, ma porge i propri testi con fare sicuro. Fingono? Esagerano? Sono sinceri? Non lo so e non lo posso sapere per ora. Mi piace di più credere in questo "Socialismo tascabile" (prove tecniche di trasmissione). Quasi come mi era piaciuto credere (e mi piace ancora) all'altro socialismo.

Offlagadiscopax
"Socialismo tascabile" (Prove tecniche di trasmissione)

Santeria - 2005
In tutti i negozi di dischi e on-line

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 21-07-2005

HOME