Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Fragil Vida : “Allez Enfants!”

Un esordio ricco di promesse
di Leon Ravasi

E' un esordio. E come tale contiene tutto il bene e tutto il male che si può pensare degli esordi. Ma in questo caso il bene vince. Fin dal primo disco, un demo autoprodotto con 10 pezzi, i Fragil Vida prendono le distanze dalla "musica che gira intorno", riuscendo a costruire un progetto musicale che dà immediatamente l'impressione che sotto ci sia la sostanza di cui sono fatte le idee. Anche se in alcuni momenti sembrano ancora innamorarsi troppo delle loro immagne riflessa allo specchio (diciamo che si sente che sono bravi e loro lo sanno), immediatamente dopo un colpo d'ala, uno scarto di ironia, un soprassalto di genialità ci fanno capire che "Allez enfants!" è il degno predecessore di quell'opera più matura che sarà poi "Musicanti di cristallo".

Il riferimento più immediato dal punto di vista musicale è il jazz da big band, ma non sono aliene le contaminazioni etniche, per quanto moderate, mentre ben presente è la componente di cantabilità che rimanda, in un certo senso alla tradizione delle canzoni italiane delle origini. Possiamo aggiungere anche una piccola stilla di ironia spesso presente e un gioco disincantato che affascina, dentro la trama di testi molto curati, ancora acerbi in qualche passaggio, ma incamminati su una lunga strada dritta e per nulla ripida che porta verso la canzone d'autore.

Volessimo fare dei paragoni immediati con gruppi affini, come i Sulutumana (ma potremmo citare tranquillamente i Figli di Iubal o la Piccola Bottega Baltazar e persino, in questo caso, i corregionali Caffè Sport Orchestra di Francesco Senni) potremmo facilmente riconoscere le somiglianze, ma anche mettere in risalto le differenze. Dalla loro, come valore aggiunto, i Fragil Vida hanno questa decisa dimensione teatrale che li spinge, unico gruppo, per quanto mi risulti, a tenere un attore (Gianluca Galletti) in pianta stabile nella formazione del gruppo.

Sul piano negativo, invece la voce di David Merighi non può per ora competere col magnetismo di quella di Giambattista Galli (peraltro splendidamente sostenuto da Michele Bosisio) nei Sulutumana, mentre la competenza musicale e strumentale del gruppo di Canzo e dintorni è superiore, come pure l'eclettismo nelle forme musicali utilizzate. Come capostipite di entrambi si può identificare una certa tendenza della poetica di Paolo Conte (non tutto. L'esotismo, ad esempio, non prende altrettanto).

Però la miscela che emerge da "Allez enfants" è senz'altro intrigante: "La canzone di Chiara", "Minuetto" e "L'organino" almeno di primo impatto hanno qualcosa in più delle altre, ma è difficile fare una scaletta di priorità tra brani che hanno tutti qualcosa da offrire, chi solo in bozza e chi in struttura più compiuta.

Fragil Vida
"Allez Enfants"
Autoprodotto, 2002

Ascolti collegati


Ultimo aggiornamento: 02-05-2005

HOME