Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
C|O|D|: "Preparativi per la fine"

Miele e cianuro
di Simone

Parte la prima canzone "Desolée". A prima botta mi sembrano vicini ai Perturbazione di cui avevo parlato qui, ma meno diretti, meno pop e più spigolosi. Prima di tutto mi colpisce la scelta intelligente degli arrangiamenti e dei suoni, scelta che non nasconde idee vivaci e curiose dietro a questo progetto. Non faccio caso al testo perché intanto leggo le note interne del cd (packaging e grafica come Dio comanda, cosa rarissima ormai).

"[...] Rancore e ancora rancore a TUTTI coloro che hanno contribuito a questa fine, Sapete chi siete. Non sono dio, perciò non vi perdono, merde."

Eh? Cioè?
Passo poi al foglio interno coi testi e capisco; sul retro c'è una fotona sgranata di neve fresca su cui si stagliano queste parole:

"Si tratta dei provini per il seguito de "La velocità della luce" e presentato, senza successo, ai nostri discografici dell'epoca. Non era mia intenzione rendere pubbliche queste registrazioni, perché questo disco è fondamentalmente il reportage sulla fine di un grande sogno. [...]
Una raccomandazione su tutte prima di cominciare: ascolta questo disco con attenzione, e possibilmente ad un volume importante. E' musica che necessita di circolazione, questa e di attenzione.
Io sono milk,
suono la chitarra come fosse un badile
canto come fosse la fine."

E più che sufficiente, si compera.

A casa lo metto subito nel lettore, subito riparte "Desolée", mi ricolpisce e ora che la riascolto anche il testo mi esplode addosso. Non perché è un gran coming out, ma perché lo è così come sempre più spesso mi verrebbe da farlo: proclamato e sempre meno stentoreo, orgoglioso, quasi nel senso che dicevo qui tempo fa, con le parole "sono gay" che sembrano e talvolta si confondono con "sono ok", tutte ripetute quasi ossessivamente su chitarre a percussione decise e affilate, a darsi sicurezza fino all'esausto finale "è tutto ok".
Probabilmente è la miglior canzone che abbia sentito nell'ultimo anno.

Aggiungo solo che il resto è quasi sempre all'altezza, nonostante il livello stellare di "Desolée", e che i testi, se letti da soli, non valgono un centesimo dello smalto che acquistano poi cantati "come fosse la fine" su melodie lineari, dalla piacevolezza tagliente e semplice senza essere mai banale. Miele e cianuro, insomma.

E aggiungo che stasera me li andrò a sentire, appoggiato là in fondo al muretto, probabilmente come al solito da solo. Ma certi concerti vanno bene anche così, anzi forse vanni meglio così. Rimangono più miei.

Ah, loro sono i C|O|D.

E poi non dite che non lo sapevate.

Desolée
(Emanule Lapiana - Emanuele Lapiana , Fabrizio Casali, Gerardo Gambin, Marcello De Angelis)

Oggi
Sono
Ultraleggero

Oggi
Sono
Ultrasincero

Con me
[oggi sono come non ero]
desolée
se non è
mai
facile

Oggi
Sono
Ultrasicuro

Oggi
Sono
Miele e cianuro

e
sono gay [hai capito bene]
sono gay

ma è tutto ok
sono molto cronico

è tutto ok
è tutto ok
sudo fuori le tossine
oggi
sono ultraleggero
oggi sono proprio okokokokokokokokokokokokokokok
è tutto ok

C|O|D|
"Preparativi per la fine"
Fosbury/Audioglobe - 2005
www.c-o-d.it

Ascolti collegati


Ultimo aggiornamento: 14-10-2005

HOME