Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Banda Elastica Pellizza: "Tutti matti"

"Tutta matta questa Banda Elastica Pellizza!"
di Antonio Piccolo

Guai a chiamarli “demenziali”, che rimanderebbe al concetto di “demenza”, che vuol dire “perdita delle facoltà intellettuali” se non addirittura “pazzia”. Oddio, forse “pazzia” potrebbe anche andare, se pensiamo che spesso chi viene comunemente legato al concetto di follia è l’unico sano e lucido. E se pensiamo che la loro canzone più bella si chiama “Tutti matti”. Piuttosto, la Banda Elastica Pellizza è uno sberleffo ai luoghi comuni, un ghigno verso le ipocrite serietà e le ipocrite allegrie, una vignetta satirica stesa su un pentagramma.

Un gruppo che si fa trasportare, più o meno inconsapevolmente, dalla scia lasciata da Giorgio Gaber, Enzo Jannacci ed altri - di cui, infatti, reinterpretano alcuni brani, di tanto in tanto. Il tutto su giochi vocali e ritmi piuttosto allegri, che richiamano un po’ il Sudamerica, un po’ la Francia, tra fisarmoniche danzanti e kazoo divertiti. Ma c’è anche del nuovo qui, una miscela spolverata dal leader e autore delle canzoni: Daniele Pelizzari, anche fondatore della cover-band Jokerman, che suona canzoni di Bob Dylan. Senza dimenticare il bassista, Alessandro Aramu - “da molti anni contemporaneo di sé stesso”, secondo quanto dice il loro sito www.bandaelasticapellizza.it - e Paolo Rigotto alle percussioni e ai “disturbi vocali” (sempre secondo il sito).

La “Tutti matti” che dicevamo - che si è aggiudicata il secondo posto al concorso “Risonanze 2004”, svoltosi a Villafranca (PD) -, più seria delle altre canzoni ma non meno divertita, è un lampo di ironia e lucidità, alla faccia del titolo. Analizza lo strano fenomeno dei giudizi che piombano dall’alto verso i membri più o meno diversi della comunità, con facilità definiti “matti”. Proprio come in “Dotti, medici e sapienti” di Edoardo Bennato, una cerchia di eruditi con prosopopea designa il morbo mentale del paziente in questione, senz’altro malato. Ed ecco che ti arriva, beffardo, il dubbio - non così dubbioso, in realtà - insinuato dal ritornello: “Tutti matti / tutti tutti matti / soprattutto chi decide chi sono i matti!”.

Se avessero un manifesto, ma non gli interesserà mai averlo, sarebbe esposto nella canzone “Ridi”, un’esaltazione dell’auto-ironia, che sembra un po’ voler vedere il bicchiere mezzo pieno, con la quasi ossessiva incitazione che fa: “Ridi ridi ri’ / ridi / mo and now / mo and now”. Infatti, a sentir Pelizzari, le loro canzoni «vogliono divertire, dire e non dire, a volte giocare con le parole". E, infatti, si può fare ancora una canzone chiamata “L’amore”, ma con sottotitolo “pereppeppe’”, anche se “lo han descritto i grandi prosatori / lo han cantato tutti i cantautori”.

Oltre i vari demo auto-prodotti, presto ci sarà il primo disco ufficiale. In cui ti potrebbe anche comparire un raggae come “Deborah” - volutamente ruffiano e banale -, che pare uscito dal repertorio di Rokko & I Suoi Fratelli, in cui un’ode idilliaca alla bellezza di una certa Deborah ci porta, alla fine, alla sua vera identità: il vocione di un uomo bello grosso, probabilmente.
Che dire? Tutti matti questi della Banda Elastica Pellizza!


Banda Elastica Pellizza
"Tutti Matti!"

Autoprodotto - 2005
Sul sito

Ascolti collegati

Ultimo aggiornamento: 01-05-2005

HOME