Pierangelo Bertoli



"ROSSO COLORE DELL'AMORE" 1974, con Lello Zacquini, Claudia Montis, Silvana Zigrino, Ciccio Giuffrida

1.Rosso
2.Festa
3.Rosso Colore
4.Rosso Colore dell'amore
5.Non vincono
6.Ho trovato l'amore
7.L'autobus
8.Un'inseni
9.Per dirti t'amo
10.Marisa
11.Marcia d'amore
12.Un sogno

FESTA

Oggi nei campi si balla e si canta
E ci si narra ridendo la vita
Si beve vino, si mangia salame
Ciccio è già sbronzo, quel figlio di un cane
Oggi l'amore ha trovato successo
Tra il sole dei campi ritrovo me stesso
Guardati in giro, la gente che gioca
Che si diverte, che è piena di vita
Vedi chi arriva, c'è pure Michele
Forza balliamo, non stare a sedere
Partiti di corsa virandoti appresso
Tra il sole dei campi ritrovo me stesso
Campi fioriti, una grande tovaglia
Ti senti questa e quest'altra ricordi
Fortuna spacciata di quella partita
Il lavoro, le donne, la gioia infinita
Canta a quel modo, si sgola è lo stesso
Tra il sole dei campi ritrovo me stesso
Ragazze gioiose che lanciano occhiate
È semplice e bello per loro l'amore
Il cane che gioca con ogni bambino
Il giro più lungo del fiasco di vino
Vuotato di un sorso, ma questo è l'eccesso
Tra il sole dei campi ritrovo me stesso
Ballare sull'erba con cento ragazze
Il cor cantato da mezzo paese
Scoprire tuo padre tornato ragazze
Che ride felice e corteggia tua madre
Sentirsi contenti ed averne possesso
Tra il sole dei campi ritrovo me stesso
La sera ti trova felice e sorpreso
Ritorni sereno abbracciando qualcuno
La voce che chiama a raccolta i bambini
Le luci lontane, festosi puntini
Il giorno è finito ma è festa lo stesso
Qui fra la mia gente ritrovo me stesso.

HO TROVATO L'AMORE

Nello sguardo di un uomo dei campi ho trovato l'amore
Nella faccia di un bimbo che dorme ho trovato l'amore
Tra le mani di un vecchio operaio ho trovato l'amore
Mi son chiesto che cosa ci manca
Dove l'uomo abbia fatto l'errore
La mia testa si chiede mai stanca chi ha nascosto l'amore

Nel sorriso di mamma che canta ho trovato l'amore
Nel cammino di un uomo che cerca ho trovato l'amore
Tra le aiuole di un verde giardino ho trovato l'amore

Mi son chiesto che cosa ci manca e che cosa è sbagliato
È bastato inventare una banca, l'uomo è stato imbrogliato
Nel calore di un tetto di paglia ho trovato l'amore
Nell'unione tra un uomo e una donna ho trovato l'amore
Nella forza di un braccio proteso ho trovato l'amore

Se è bastato trovare un sorriso per vedere sbocciare l'amore
Voglio aprire alla gente il mio viso e parlargli col cuore
Nell'ardore di un popolo in lotta ho trovato l'amore
Nell'abbattere un serpe che striscia ho trovato l'amore
Nell'avere un immenso ideale ho trovato l'amore

Se qualcuno ha nascosto l'amore derubandoci senza pagare
Oggi infine l'abbiamo trovato nella gloria del nostro ideale
Operai, contadini, studenti, ritroviamo l'amore
In un'unica bandiera rossa ritroviamo l'amore
In un popolo forte ed unito ritroviamo l'amore
Per erigere un mondo migliore ritroviamo l'amore.

MARISA

Focom Marisa cas qua ce lera fiau
E ma cu se cumà le bell la fer l'amaur
Andè tre sa in gir in besa pre sa le rivas
E a sasa che in mei sa sas
Focom Marisa camp a sera in bianc e rot
E un dè scurdè la colp a granch ca ier a port
Ai era smort com'era foss ammalè
E invece ai era innamurè
E quand ai vedra la metiva feinalvè
La unciva guerda che dei dube spina sé
Ai penseva de allargà la facia da coiòn
E intant can le feva zabaion
Me pedra al dè le ver dein non savera gnint
E aun parleva la partida li na mic
Ma insev la conda a un cateva de san panc
El so cravatt e un sel me franc
Focom Marisa gai imparea le fer l'amaur
E tut l'amic ma propr aniti i genitaur
E anch adess dop tutt l'acqua che passè
Ai sun anchera innammurè.

UN SOGNO

L'era una not come tanti l'er ner
Quan asfalè du fest lè
Ma a fest ai sentev come un re
Per quel che m'era insugner
Tutti operai chi lavurer, chi avea i sold a campèr
Quand avec in gniar nir pension
Nir na seta impugner
Tutti a ragazzi che a gniva in na ser
E ci venchi li venvein
Nint violere, nint bancher e gnint carabiner
I calabries cui piemontes gnira frater fra laur
E mariner cu rintebner gniv la caurt d'amaur
Un po' più vant l'era un tapet fat con la stera ripret
Nin sun mandeva in guer con la paura d'infern
Gnint più pegri, gnint allaur, gninta pasturi e padraun
Pochi paroli sempre più faut, gninta più furbi o coiòn
A un dè passeva una banda sul dè con di salam du brighè
In ve fauz in du faz a bvriser tutt qui liva mander
Che i capitani, lei genereil, con i teneint e i magiaur
E poi i minester e i sui pepa industriel dittataur
In fen la musa più gren deir sol
In fin che deint le onour
E poi viren di qui saca la mod
E gnin tutt quant in culau
Gnint più guera, salv la tera, ne indiffereint
Ghiera int ur zeri, gnier tut mon
Senza guarder i pareint
L'era una not come tanti l'er ner
Quan asfalè du fest lè
Ma ppaeina dess le senter come un re
Per quel che m'era insugner.

MARCIA D'AMORE

Quante volte mio padre ha visto i raccolti, quante stoppie riarse dal sole,
La sua pelle bruciata dall'arido vento, poco pane ma tanto sudore.
Poco amore, la guerra, l'emigrazione, poco tempo per vivere, e poi
Io suo figlio operaio, nessun cambiamento, poco pane e sudore per noi.
L'oppressione ci ha tolto il respiro, la rivolta ci esplode nel cuore,
Ma il Partito ci ha teso una mano e il futuro si è fatto migliore.

Fianco a fianco, da dentro è scattata una molla,
dopo un giorno eravamo una folla,
E' arrivato il momento di farci ascoltare, su compagni, corriamo a lottare.

Oggi, unite le mani a catena,
Marceremo per fare la vita migliore, canteremo, la faccia nel sole,
Urleremo e anche i sordi dovranno sentire la canzone di un nuovo avvenire,

Perché il giorno che allora saremo a guardare
Sia il più bello che il mondo abbia visto spuntare.
Ed un popolo immenso da sempre sfruttato
Alla fine sarà liberato.

TORNA A BERTOLI

TORNA AGLI ARTISTI

HOME