Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
 
Riccardo Tesi e Banditaliana: Thapsos

Tesi da 100 e lode
di Leon Ravasi

"Cuccurucu, camorre e putipu'". Ci sono dei dischi che, una volta saliti sul lettore, si rifiutano di scendere. Non c'e' niente da fare. Tu li tiri giu'. Passa qualche giorno, nei casi peggiori qualche ora, e li ritrovi su. E a poco a poco ti accorgi che hanno iniziato a diventare la colonna sonora della tua vita. E' il caso di Thapsos di Riccardo Tesi e della sua Banda Italiana. Piccoli gioielli sfavillanti affidati alle acrobazia dell'organetto diatonico di Riccardo, alla voce di Maurizio Geri (in solo 5 canzoni) e ai cori degli ormai leggendari fratelli Mancuso nelle tre canzoni piu' belle Se si aggiunge che tre delle canzoni (la superba Largo Walzer, la dolce Fammi Ballare e la canzone guida Thapsos) sono composte da Riccardo Tesi e Carlo Muratori si comprende come sia facile farsi prendere dall'entusiasmo e gridare al capolavoro.

Se si somma alla serie dei fattori di cui sopra anche la bravura strumentale di Claudio Carboni e Ettore Bonafe' (sax e percussioni), a cui si uniscono una serie di collaboratori di prestigio: Gabriele Mirabassi al clarinetto, Claudio Fossati alla batteria, Daniele Mencarelli al contrabbasso, Damiano Puliti al violoncello, ecco che il gioco è fatto.

"Thapsos e' un altrove dell'anima.Legata ad un sottilissimo filo viaggia da millenni nel Mediterraneo per rotte misteriose, inseguendo antiche memorie, in cerca di futuri approdi sicuri" riporta la copertina del disco. Siamo nell'ambito della musica popolare, di alto livello, del viaggio nei sapori del nostro sud e del Mediterraneo, sempre sulle stesse rotte aperte da Fabrizio De Andre' e Mauro Pagani con la traversata di Creuza de Ma, ma qui ci fermiamo alle forme italiane. Thapsos e' una penisola siciliana, unita alla terraferma da uno stretto istmo di terra, situata a nord di Siracusa e costituisce uno dei primi luoghi abitati dell'isola (1400 A.C.). Cosa abbia spinto Riccardo Tesi a appoggiarsi a Thapsos per il suo ultimo disco e' difficile da dire: forse proprio il tentativo di voler bagnare la sua musica nell'acqua salsa del Mediterraneo. Fatto sta che il disco consiste: e' sia prodotto alto, d'autore, sia prodotto popolare, suonato con organetto, scacciapensieri, triangolo e tamburello. Il clarinetto convive col violoncello e con le percussioni e il capobanda dirige con piglio sicuro ma senza pretenderla a protagonista, evitando quindi quell'effetto di noia di ritorno che l'organetto puo' indurre alle orecchie meno allenate (beh, diciamocelo, un intero disco di organetto mette alla prova la pazienza di chiunque).

Tesi ringrazia, a titolo diverso, Fabrizio De Andre', Ivano Fossati (ha suonato negli ultimi dischi di entrambi), Daniele Sepe, Vincenzo Zitello, Andrea Del Favero. Che altro c'e' da dire? C'e' solo da ascoltare….

"Largo valzer, vespro contadino
ruota di mulino che girera'.
Giglio profumato bianco fiorentino
Corda di violino che vibrera', danzera'".
"Canto e cantero' dritta e' la mia musica
gelida per tanti no, arco di guerriero.
Canto e cantero' e ritrovo l'anima
Col mio canto uccidero' l'ombra della sera"


Riccardo Tesi e Banditaliana
Thapsos

Manifesto Cd - 2001
Nei negozi di dischi e sul sito di Riccardo Tesi

   
Ultimo aggiornamento: 26-04-2001
 
   
Archivio recensioni
 

HOME