Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
 
Filippo Gatti: "Tutto sta per cambiare"

Un esordio che spiazza e conquista
di Dodo

Filippo Gatti e' un autore che non troveremo in classifica nonostante pubblichi il suo album per una Major.
Scrive parole e versi intelligenti, ha uno stile compositivo innovativo e riferimenti alti (da Fossati ai Radiohead - ma ha un suo stile personalissimo).

Il suo canto e' un sussurro che spacca, irrita e conquista ("gli idioti con la sindone di Che Guevara, una "pr" laurea in comunicazione..." da Un idiota).

Chiama a fianco a se personaggi imprevedibili, da Bruno Lauzi (preciso controcanto ne "La memoria libera") all'emozionante pianoforte di Vittorio Nocenzi del Banco (in "Kaya"), fino all'episodio dall'invettiva piu' pungente ("Requiem per i grandi numeri") con Riccardo Sinigallia.

Ex voce e mente degli Elettrojoyce, qui accompagato dai Diaz Ensemble ci presenta uno dei migliori esordi degli ultimi tempi.

Un disco asciutto che sa essere forte senza mai urlare, che spiazza e conquista, dai toni leggeri e la ricerca musicale attenta, dalle parole misurate e i pensieri pe(n)santi.

Un disco originalissimo che non colpira' l'ascoltatore in cuffia nel megastore ma che dara' molto a chi si lascera' coinvolgere.

Filippo Gatti: "Tutto sta per cambiare" (Sony 2003)"
Sony 2003

Nei negozi di dischi

       
   
Ultimo aggiornamento: 15-01-2004
 
   
Archivio recensioni
 

HOME