Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
Le BiELLE RECENSIONI
 
Fabrizio Poggi: "Armonisiana"

L'armonica del diavolo, il blues dell'angelo
di Leon Ravasi

Fabrizio Poggi, uomo di poche, pochissime parole, ma di grande fiato, ci soffia un disco intero dentro al suo “violino dei poveri” e ci costringere a battere le mani per seguire il ritmo, a scandire il treno sonoro con i piedi e a dedicargli un’altra recensione adorante. Con un piccolo cappello: non è un disco per tutti. Se non vi piace l’armonica risparmiate i miseri 5 euro di prezzo di costo di questo prodotto, se almeno un po’ non vi interessa il blues lasciate perdere e volgete altrove i vostri interessi. Se invece vi attira farvi un giro nelle botteghe sonore che Fabrizio allinea per voi con prodotti originali, ma di pura musica “americana”, allora non c’è modo migliore di investire i vostri soldi.

Dodici brani senza un attimo di respiro per proseguire quella esplorazione delle potenzialità dell’armonica che Fabrizio aveva portato già al suo apice nel cd allegato al libro “L’armonica a bocca: il violino dei poveri”, con brani presi integralmente dalla tradizione popolare italiana e suonato esclusivamente con l’armonica. Disco per puristi oltranzisti, adatto a circolare solo con il libro, come sorta di documento. “Armonisiana” invece è un disco vero, con canzoni e strumentazione adeguata. Fabrizio ha suonato su “backtracks” incise in America da artisti locali, in questo caso volutamente anonimi, e concede pochissimo al gusto facile del pubblico.

La confezione è meno che spartana per mantenere il costo del cd praticamente al puro prezzo di produzione: una busta di plastica morbida che contiene un quartino di carta ripiegato dove vengono spiegati i motivi dell’operazione. La copertina (uno dei quattro lati del foglietto) riporta una vecchia chitarra elettrica graffiata a consunta su cui poggiano due armoniche incrociate. Un iconografia che mi riporta alla testa la vetero-comunistissima falce-e-martello. Stesso rigore, stessa esibizione muscolare, stesso richiamo alle radici del comune agire. Già con “Bone” siamo perfettamente in tema e la successiva “Train” non fa che confermare quello che ci aspettavamo.

“Il blues – scrive Fabrizio nell’introduzione – non è una legge o una religione, ma qualcosa che appartiene all’intimo dell’essere umano: alla passione. E la passione essendo qualcosa che sta dentro al cuore di ciascuno di noi, non ha regole e ,soprattutto, non si può spiegare”. Siamo lontani un oceano dalle arie e dai climi di “Turututela”, splendido viaggio di Poggi alle radici della musica della sua terra nella bassa Lombardia, ma la passione che si respira nei solchi è identica. E’ l’altra faccia dell’anima di Fabrizio.

Non tutto e non sempre scorre liscio: “Zz” dall’inequivocabile dedica, non mi piace; la trovo risaputa e già sentita, ma immediatamente “Walkin” ha un incedere di pura simpatia. Intendiamoci, i brani sono tutti inediti e sono tutti di Poggi che ha voluto incidere il disco dal vivo senza togliere note sporche, finali improvvisati e tutto quello che può capitare sul palco a un artista vero. Ecco, più che il violino dei poveri, in queste note, in questo ascendere faticoso al cielo e penetrare cauto i gironi infernali si avverte il soffio dell’anima, si avverte che c’è qualcuno che ci crede e che soffia in quell’insieme di lamelle metalliche come ne andasse della sua vita e anche della nostra. Soffia per la nostra redenzione e la sua dannazione (o viceversa).

E’ il suono “viscerale” dello strumento quello che più prende, in una vertigine che, in fondo, spaventa. E proprio per questo la notizia secondo cui Fabrizio Poggi vedeva questa suo lavoro come una sorta di “testamento” musicale poteva spaventare. Ma non è come si temeva: Fabrizio per adesso non molla e ce lo teniamo così, come ci piace: intenso, viscerale e irrimediabilmente “blues”.

Fabrizio Poggi
Armonisiana

Autoprodotto - 2003
Non in vendita nei negozi - www.chickenmambo.com (info: megange@libero.it)

   
Ultimo aggiornamento: 26-12-2003
 
   
Archivio recensioni
 

HOME