Ivan Della Mea

 

Mio dio Teresa tu sei bella

L'era li' piantaa' per tera
L'era li' ma senza rabia
Cont i oeucc color barbera
E la facia color nebia.
L'era li' ma come on can
Negher ne la neva bianca
El parlava cont i man
Cont la boca lofia e stanca.
Eco el tira su la testa
El me varda pian pianin
El me dis: "Incoeu l'e' festa,
te gh'et minga on poo de vin?"
"Ho ammazzato la mia donna,
no, non chiedermi perché.
Era bella, una madonna
Era bella era ....bella
Mio dio quanto era bella!"
Mio dio quanto era bella!"
"Era vispa la Teresa,
la farfalla mia di me
sull'erbetta io l'ho presa
e mi son sentito un re.
La Teresa la volava
Nott e di' come una stela
Tanti fior lee la basava
Era viva era ...bella
Mio dio Teresa era bella
Mio dio Teresa era bella"
"Come un fiore e' sfiorita
c'e' rimasto un po' di nome
se ne andava la sua vita
per un cancro ad un polmone".
Io ci ho detto :"sai Teresa.
Tu per me sei la mia stela
Questo male ti fa offesa
O Teresa tu sei ...bella
Dio mio Teresa tu sei bella
Dio mio Teresa tu sei bella"
"L'ho ammazzata e ora aspetto
ma che arrivi la pantera
l'ho ammazata e ho bevuto
una vita di barbera".
L'e' rivada on ambulanza
L'han traa su cont la barela
Luu el vosava la speranza.
"Oh Teresa tu sei bella
Mio Dio Teresa tu sei bella!
Mio Dio Teresa tu sei bella!
Mio Dio Teresa tu sei bella!


Traduzione
Era li piantato per terra,
era li' ma senza rabbia
con gli occhi color barbera
e la faccia color nebbia.
Era li' ma come un cane,
nero nella neve bianca,
e parlava con le mani,
con la bocca molle e stanca.
Ecco tira su la testa
E mi guarda pian pianino
E mi dice :"Oggi e' festa.
Non hai un po' di vino?
Ho ammazzato la mia donna,
no, non chiedermi perché.
Era bella, una madonna
Era bella era ....bella
Mio dio quanto era bella!"
Mio dio quanto era bella!"
"Era vispa la Teresa,
la farfalla mia di me
sull'erbetta io l'ho presa
e mi son sentito un re.
La Teresa volava,
la farfalla mia di me,
notte e giorno come una stella,
tanti fiori lei baciava
era viva era bella.
Mio dio .....
"Come un fiore e' sfiorita
c'e' rimasto un po' di nome
se ne andava la sua vita
per un cancro ad un polmone".
Io le ho detto :"sai Teresa.
Tu per me sei la mia stella
Questo male ti fa offesa
O Teresa tu sei ...bella
Dio mio Teresa tu sei bella
Dio mio Teresa tu sei bella"
"L'ho ammazzata e ora aspetto
che arrivi la pantera
l'ho ammazata e ho bevuto
una vita di barbera".
E' arrivata un ambulanza,
l'hanno caricata con la barella,
lui urlava la speranza.
"Oh Teresa tu sei bella
Mio Dio Teresa tu sei bella!
Mio Dio Teresa tu sei bella!
Mio Dio Teresa tu sei bella!

 

O cara Moglie

O cara moglie stasera ti prego,
di' a mio figlio che vada a dormire
perche' le cose che io ho da dire
non sono cose che deve sentire.
Proprio stamane la' sul lavoro,
con il sorriso del caposezione
mi e' arrivata la liquidazione,
mi han licenziato senza pieta'.
e la ragione e' perche' ho scioperato,
per la difesa dei nostri diritti,
per la difesa del mio sindacato,
del mio lavoro e della liberta'.
Quando la lotta e' di tutti per tutti,
il padrone vedrai cedera',
se invece vince e' perche' i crumiri
gli dan la forza che lui non ha.
Questo si e' visto davanti ai cancelli,
noi si chiamava i compagni alla lotta,
quando il padrone fa un cenno, una mossa:
l'un dopo l'altro cominciano a entrare.
O cara moglie dovevi vederli!
Quei poveretti facevano pena,
ma dietro a loro il porco padrone:
li ho maledetti senza pieta'.
O cara moglie io prima ho sbagliato:
di' a mio figlio che venga a sentire.
Deve capire che cosa vuol dire
lottare per la liberta'.


Se qualcuno ti fa morto

Se qualcuno ti fa morto un motivo c'e'
monumenti e lacrime, due parole e poi
un ricordo, un sorriso,
ma medaglia e niente piu'.
Costa poco piangere,
capir costa di piu'
e un ritratto appeso a un muro
lo si puo' levar.
Se qualcuno ti fa morto un motivo c'e'.
tanti quadri e un muro rosso, due parole e poi,
un ricordo, un sorriso:
Che Guevara e' un morto in piu'.
Costa poco piangere,
capir costa di piu'
e un ritratto appeso a un muro
lo si puo' levar.


C'e' l'ulivo e il sole

C'e' l'ulivo e il sole
ride dietro il poggio
dove il marmo
si fa piu' bianco,
cosa mai
puo' dire un prete
piu' che un requiem frusto e stanco...
Certo questa e' la vita
e io canto la fine.
C'e' l'ulivo e il sole
scema dietro il poggio
nel saluto
ognuno va
e anch'io torno a Milano
a cantare
la liberta'.
Certo questa e' la vita
e io canto la fine.
C'e' l'ulivo e il sole
muore dietro il poggio
con la sua
serenita'.
Questo e' il canto della morte
che non chiede
la pieta'.

Certo questa e' la vita
e io canto la fine.


SEBASTIANO
(I. Della Mea - E. Esposito)

Sebastiano l'operaio
il terrone da catena
licenziato stamattina
e stasera alla fontana.

Accusato di violenza
contro i capi, terrorista,
perchè oggi chi picchetta
quanto meno è brigatista.

Viva la FIAT.

Licenziato con sesanta
che con lui fa sessantuno
tutti quanti terroristi
mentre il terrorista è uno.

Terrorista è chi ci nega
il diritto alla ragione
alla lotta per la vita
contro la disperazione.

Viva la FIAT.

Controllare le assunzioni
poi schedare il personale,
concordare pseudo-lotte
e alla fine licenziare.

Incastrare il sindacato,
ingolfare la sinistra
è il progetto dichiarato
del padrone terrorista.

Viva la FIAT.

Col sorriso doppiopetto
il fumeè-democrazia
la mattina ci licenzia
e poi svelto corre via.
Lo ritrovi in quirinale
"Anche questa è una scelta",
per mostrare al presidente
la sua nuova lancia delta
una lancia per lo stato
nato dalla Resistenza
o per la Costituzione,
certo contro la violenza
di sessanta Sebastiano,
il terrone terrorista,
perchè oggi chi picchetta
quanto meno è brigatista,
liquidato con sessanta,
che con lui fa sessantuno,
tutti quanti terroristi
mentre il terrorista e uno.

Viva la FIAT

La classe morta

Tutti gli anni
tuoi i troppi affanni
preghiere che non ho
oh vita mia stupida aporia portami via
finire
e' il solo eterno che mi do
oh vita mia portami via
finire se si puo'

I vent'anni
tuoi chiusi e soli
bestemmie che non so
oh vita mia fede o eresia portami via
finire
e' il solo credo che mi do
oh vita mia portami via
finire e amare no

La gran classe
morta dei compagni
gia' libera i suoi no
oh anarchia della vita mia dammi poesia
potere
io neghero' e piu' frontiere non avro'
oh anarchia dammi poesia
e anch'io con te verro'
e anch'io con te verro'

TORNA AGLI ARTISTI

HOME