Luca Bonaffini

Luca Bonaffini nasce il 28 ottobre 1962 a Mantova. Fin da giovanissimo si dedica al disegno, alla recitazione ed al canto. Inizia il suo cammino professionale nel 1984 come autore di testi e nel 1986 vince il Premio Rino Gaetano come "miglior autore". Nello stesso anno viene contattato da Pierangelo Bertoli, che inserisce una sua canzone (Barbablù) all'interno di un album dedicato ai cantautori italiani storici e a quelli nuovi. Nel 1988 pubblica "Astrologia", il suo primo album solista, lavoro ricco di contaminazioni che vanno dalla canzone italiana al jazz-blues. Il 1990 è l'anno della consacrazione per l'autore Bonaffini: prima Patrizia Bulgari interpreta alcune sue canzoni, poi l'amico Bertoli lo chiama come alter ego musicale per realizzare un album a quattro mani: nasce "Oracoli", che contiene, tra le altre, Chiama piano, interpretata dal cantautore emiliano con Fabio Concato. Nel 1993 Caterina Caselli produce "Blez", il secondo album di Bonaffini, per l'occasione in duo con Ermanno Zanfi. Poi Luca decide di esplorare nuove strade e nel 1996 inventa il Rock 'n roll biblico: con la complicità di Gianni Mocchetti -chitarrista storico di Franco Battiato- musica i testi sacri del Vecchio Testamento Ebraico, attualizzandone il contenuto a suon di chitarre e melodie in stile Elvis e Lee Lewis. Il cd si intitola "Cronache Minora". Qui Bonaffini decide di concludere il ciclo, da lui definisto "adolescenziale", con un omaggio ai colleghi illustri: esce nel 1997 con "Prima di oggi era già domani": dieci canzoni di Vasco, De Andrè, Bennato, ed altri rivisitate alla sua maniera, a metà tra la nostalgia e la parodia, tra il flamenco di El Talisman e la ballata di Bob Dylan. Nel 1998 Luca pubblica il suo primo album antologico in cui riprende alcune delle canzoni più rappresentative del suo percorso per farle "nuove".

"Scialle di pavone" è un particolarissimo progetto musicale che da cd si trasforma in un viaggio metamorfico di morte e rinascita. La simbologia circolare del rosone romanico dipinto dal padre molti anni prima, gli suggerisce la canzone trainante, unico inedito del disco che dà il titolo all'album. Luca racconta l'amore per la storia dell'arte e per la creatività trasmessi da suo padre (pittore e insegnante) in diverse fasi: prima con l'uscita del cd, poi con una serie di concerti in luoghi d'arte e in disuso (forti, musei, gallerie d'arte), e ancora con un rifacimento con orchestra classica del singolo Scialle di pavone, un video clip e infine con il racconto autobiografico, narrato attraverso la simbologia del "cerchio paterno". Nel 1999 realizza il suo sesto album, "Il Ponte dei Maniscalchi", inevitabile tributo al Novecento, ma soprattutto al Secolo Breve di Hobsbown: una drammatica visione del dopo guerra dalla bomba di Hiroshima, alla pulizia etnica della ex Jugoslavia, dal trionfo delle scienze tecnologiche al pensiero underground. Il cd ospita Claudio Lolli, in veste di attore, autore e interprete, che, con toni apocalittici, apre e chiude l'album forse più bello e complesso di Luca Bonaffini.

" Aspettando Godot "

Astrologia 1988
Blez 1993
Cronache Minora 1996
Prima di oggi era già domani 1997
Scialle di pavone 1998
Il ponte dei Maniscalchi 1999
Treni 2002


Una serie di articoli sull'artista mantovano, apparsi su differenti giornali (quotidiani e non).


Chiama piano
(Bertoli - Bonaffini)

Quando credi d'essere sola
su un atollo in mezzo al mare
Quando soffia la tempesta
e hai paura di annegare

Chiama, chiama piano
Sai che non sarò lontano
Chiama, tu, chiama piano
Ed arriverò io in un attimo, quell'attimo anche mio

Quando crolla il tuo universo
tra le righe di un giornale
Quando tutto intorno è perso
e hai finito di sperare

Chiama, chiama piano
Sai che non sarò lontano
Chiama, tu, chiama piano
Ed arriverò io in un attimo, quell'attimo anche mio

Quando il fuoco sembra spento
e non pensi d'aspettare
Quando il giorno resta fermo
e decidi di volare

Quando certa d'aver vinto
sulla nube di veleno
E il tuo cielo è già dipinto
di un crescente arcobaleno

Chiama, chiama piano
Sai che non sarò lontano
Chiama, tu, chiama piano
Ed arriverò io in un attimo, quell'attimo anche mio


Scialle di Pavone

"Scialle di pavone: un racconto, la canzone e il video clip". E' composto da un cd rom contenente il video della canzone in due versioni all'interno di un libretto formato cd e racconta la sua autobiografia artistica e musicale attraverso l'opera esistenziale del padre Giorgio.


E' uscito "Treni" il nuovo lavoro di Luca. Presto alcuni spezzoni audio

Se vuoi ascoltare un breve pezzo di "E così nasce una canzone",
qui lo puoi trovare
(e non solo quello).

LOLLI E BONAFFINI: CANTA LA PROTESTA

Pubblichiamo l'intervista che Claudio Lolli e Luca Bonaffini rilasciarono in occasione del loro Concerto a Mantova il 27/8/98. Intervista raccolta da Stefano Bagnoli per il quotidiano "La Nazione

Ma chi l'ha detto che la canzone impegnata è morta? Certo non Claudio Lolli e Luca Bonaffini. Due generazioni diverse sullo stesso palco per un appuntamento con trent'anni di canzone d'autore con il "vecchio" leone bolognese animato dallo spirito che nel '72 ispirò il suo primo sttorico album "Aspettando Godot" ed il più giovane collega mantovano che non ha lasciato cadere nel vuoto il suo messaggio.

Come nasce "la protesta e l'amore", il concerto che vi unisce sul palco di Mantova?
LB: Alla base c'è una visione comune della canzone
non solo come passatempo o evasione, ma come modo per esserci, per esprimere sentimenti e urgenze.

Canzoni di protesta e di rivolta come trent'anni fa?

CL: I tempi cambiano, e anche le persone. Non è più una denuncia diretta, ma la musica continuo a viverla e a concepirla come allora. E' la possibilità di un'immersione in uno spazio in cui ritrovare un certo spessore umano. Musica da scoltare per riflettere, in cui riscoprire il significato delle parole, senza il bisogno di urlare solo per vincere il rumore che ci circonda.

(continua)

Torna alla pagina degli artisti

HOME