Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace
 














 
BiELLE Film
 

"A history of violence":
la doppia vita di Tom Stall

Cronenberg scopre la luce e gli spazi aperti. E stavolta indaga i menadri dell'animo umano con un approccio più reale del solito
di Alfredo Ranavolo
Chi l'avrebbe mai detto che alla veneranda età di 62 anni David Cronenberg avrebbe scoperto la luce? È sicuramente uno dei primi aspetti che colpisce: un regista che ha costruito una carriera intera sull'oscurità (e pure nelle rare eccezioni, vedi "Il pasto nudo", aveva fatto scelte piuttosto estreme in fatto di colori), stavolta punta molto sulla luminosità.

E sugli spazi, altro che il senso d'oppressione, di claustrofobia che sono cifra di fondo di alcuni dei suoi ultimi lavori come "eXistenZ" e "Spider". Quasi a voler sottolineare la "normalità" della vita di Tom Stall (Viggo Mortensen) rispetto ai suoi precedenti eroi. Salvo farci poi scoprire piano piano che la realtà è un bel po' diversa. E guarda caso proprio nel suo ritorno verso il passato tutta quella luce scompare.

Detto ciò, in breve la storia, che accantona i consueti canoni di irrealtà e/o di analisi dei più oscuri meandri della mente, propri del cinema di Cronenberg. Qui c'è un padre di famiglia, Tom Stall, appunto, con sua moglie Edie (Maria Bello) e due figli. Conducono una normale vita di provincia americana, gestendo un piccolo bar.

Una sera, però, Tom sventa un tentativo di rapina con strage e l'evento lo trasforma in eroe. Non solo locale. L'involontaria pubblicità porta sulle tracce del nostro tale Carl Fogarty, convinto che in realtà colui che ha assunto l'identità di Tom Stall sia Joey Cusack, gangster di Philadelphia che gli ha fatto perdere un occhio.

Se, da un lato, come si è detto, Cronenberg spazia fuori dai suoi confini abituali, dall'altro alcuni suoi pallini sono ben presenti: il mutamento, anche se questa volta maledettamente "reale", la doppia personalità.

La frase: ti sforzi tanto di sembrare un altro uomo che fai pena a vederti

Da vedere: per scoprire un Cronenberg in qualche misura inedito

   
Ultimo aggiornamento: 19-12-2005
 
   
Archivio film
 
e dan

HOME