Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


 

 

 

News Febbraio 2014
E' morto FreakAntoni

Roberto Antoni, alias FreakAntoni si è spento dopo lunga malattia, come si dice in genere
Non basta a ricordare quanto è stato geniale e quanto ha dato alla scena della cultura italiana


12/02 - E' morto Roberto Antoni. Forse vi dice di più se dico Freakantoni. Forse ancora qualcosa di più se parlo degli Skiantos? Oppure no? Eppure è stato uno dei più importanti artisti del post '77 e non solo in campo musicale. Su Wikipedia è definito così: "Cabarettista comico e poliedrico artista, ha vestito i panni di numerosi personaggi o creato formazioni come Astro Vitelli, Beppe Starnazza e i Vortici, i Ruvidi del Liscio, gli Avanzi di Balera, i Pollok.


Col gruppo Gli Skiantos fu esponente di punta del genere Rock demenziale, definibile come rock ironico e dissacrante. È anche autore di numerosi libri, a partire dalla sua tesi di laurea al DAMS intitolata Il Viaggio dei Cuori Solitari: temi fantastici sulle canzoni dei Beatles, poi edita da Il Formichiere di Milano". Ma al di là delle definizioni Freakantoni è stato comunque geniale e importante. Oltre ad avere segnato una lunga epoca. E' morto a mattina del 12 febbraio 2014 all'età di 59 anni a seguito di lunga malattia, come si dice in genere quando si ha paura delle parole più complesse. "Almeno la malattia mi ha fatto smettere con la droga”, scherzava recentemente. Ma nel campo degli aforismi il suo massimo è stato quello che ormai è un classico: "La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo". Ci ha visto bene anche questa volta. Riposa in pace.

Non c'è gusto in Italia a essere intelligenti. Sì, è una frase di Freakantoni, una delle sue moltissime uscite memorizzabili. Una delle parole d'ordine, delle tante parole d'ordine che la nostra generazione si è scambiata negli anni dopo il 1977. Anni di piombo, ma anche di ironia, di de-sacralizzazione, di destrutturazione, di demenzialità. Che, al contrario di quanto avvenuto poi, era un fenomeno molto profondo. "A volte il fumo è molto meglio dell'arrosto". "Dio c'è. Ma ci odia". "Si dice che una volta toccato il fondo non puoi che risalire. A me capita di cominciare a scavare".Tra il 1977 e il 1980 con gli Skiantos ci ha sfornato uno dopo l'altro brani che hanno fatto la storia: da "Panka rock" (brucia le banche) a "Hey hey ma che piedi che c'hai" da "Io ti amo da matti (Sesso e karnazza)" a "Mi piaccion le sbarbine", da "Gelati" a "Fagioli" da "Ehi sbarbo" a "Sgommavo sul piazzale" , ma ognuno ha le sue da citare e da ricordare. Nel 1980 l'avventura degli Skiantos era ormai conclusa e Freakantoni lo capì per primo andandosene dopo una trilogia meravigliosa come "Inascoltabile" (1977), "Mono tono" (1978) e "Kinotto" (1979). Le successive reunion del 1987 e del 2009 per "Dio ci deve delle spiegazioni" non aggiungono molto al tanto già seminato.

25/02 Creuza de Ma
Il remix di un capolavoro
Gian Piero Alloisio Ebbene sì, l’ho fatto ancora. Ci sono ricaduto con tutte e quattro le zampe. E’ quell’impulso che non sai frenare e che non porta mai a buone conseguenze. Confesso le mie debolezze, le confesso fino in fondo, mi batto il petto e dichiaro di essere pronto ad espiare. Insomma, ho comprato “Creuza de ma 2014 Remix”. Detto così sembra niente. Ma proviamo a fare un po’ di conti: ho comprato un disco di Fabrizio De André a 15 anni dalla sua morte. Ho comprato un disco di Fabrizio De André a a 50 anni esatti dal primo disco comprato, il 45 giri “La guerra di Piero”/”La ballata dell’eroe”. (segue)
24/02 Sanremo 2014
Il bello, oh che bello ...
Gian Piero Alloisio A poche ore dalla chiusura del nostrano e casalingo festival della canzone italiana, mi accingo a scrivere questa paginetta di frivolezze canore e non. Insomma mi sembra sempre che ogni anno debba succedere che il messia di turno porti il miracolo della qualità e del saper cantare nel festival più santificato e bestemmiato della nostra magnifica penisola. Così non è perché neanche Fabio Fazio sorretto dal partner Maestro Mauro Pagani ha portato quella qualità che dà credibilità alla professionalità musicale italiana. Non è un caso che forse il meglio è venuto sicuramente dai giovani e dagli osannati ospiti, fra cui un Cat Stevens in odore di ulteriore santità. (segue)
24/02 - Le luci della Centrale Elettrica
Esce "Costellazioni"
il 4 marzo sarà pubblicato ''Costellazioni'', il nuovo album de Le Luci della Centrale Elettrica. Registrato tra Ferrara, Bassano del Grappa e Milano, prodotto artisticamente da Vasco Brondi e Federico Dragogna, il disco si compone di quindici tracce: ''La terra, l'Emilia, la luna'', ''Macbeth nella nebbia'', ''Le ragazze stanno bene'', ''I destini generali'', ''I Sonic Youth'', ''Firmamento'', ''Un bar sulla via lattea'', ''Ti vendi bene'', ''Una cosa spirituale'', ''Padre nostro dei satelliti'', ''Questo scontro tranquillo'', ''Punk sentimentale'', ''Blues del delta del Po'', ''Una guerra lampo pop'', ''40 km''. (segue). (segue)
News Gennaio 2014
Nuovo disco per Massimiliano Larocca

A quattro anni da "Chupadero" iniziate le registrazioni del nuovo disco di inediti
Undici canzoni raggruppate sotto il titolo (molto promettente) di "Magnifici perdenti"


08/01 - Sono iniziate le registrazioni del nuovo disco di Massimiliano Larocca, a quattro anni di distanza da "Chupadero!", album accreditato alla Barnetti Bros Band (formata da Massimo Bubola, Jono Manson e Andrea Parodi oltre che da Larocca stesso) che si era anche guadagnato la copertina del "Buscadero".


Il disco si intitolerà "Magnifici perdenti" e conterrà 11 nuove canzoni del musicista fiorentino arrangiate e registrate con l'ausilio dei Sacri Cuori, la band romagnola capitanata dal chitarrista Antonio Gramentieri che ha già collaborato con artisti come Marc Ribot, Hugo Race, David Hidalgo (Los Lobos), Pan del Diavolo, Giulio Casale e che ha recentemente ha esordito al cinema con la colonna sonora del film "Zoran il mio nipote scemo" di Matteo Oleotto.

Si annuncia un disco elettrico e dal sound urbano, lontano dalle sonorità folk e di "confine" che avevano caratterizzato sia "Chupadero!" sia gli altri lavori di Larocca.
Ricordiamo che i precedenti album del cantautore toscano erano "Il ritorno delle passioni" (2005), "La breve estate" (2008) oltre a "Chupadero!" (2010) stesso.

Uscita prevista per metà Marzo/Aprile.

Di fianco un video dal vivo che anticipa la canzone che dà il titolo all'album, ossia "Magnifici perdenti". E se questo è l'antipasto ... ci aspetta un ghiotto banchetto.

Se "Chupadero!" è stato l'ultimo album, in realtà la storia di Massimiliano Larocca parte da molto più lontano (e con esiti artistici eccellenti). Dopo un primo album dedicato a Dino Campana nel 2001 ("Massimiliano Larocca canta Dino Campana"), passato sotto silenzio, anche se tutt'altro che banale, nel 2005 è uscito con quello che ancora oggi è il suo lavoro migliore: "Il ritorno delle passioni", bissato dopo tre anni da "La breve estate", magnifico, ma meno unitario de "Il ritorno delle passioni". Questo non toglie che Massimiliano resta un poeta e un autore da cui ci aspettiamo sempre il massimo. Acustico o elettrico che sia. Insomma a metà marzo saremo in attesa e con le orecchie aguzze. I "Magnifici perdenti" ci sono sempre piaciuti!

News Dicembre 2011
Ala Bianca ripubblica Jannacci

Dopo il set di sabato 12 novembre al Teatro Ariston di Sanremo si esibirà a Milano il 13 per un intero concerto al Circolo ARCI La Scighera


Di Nando Mainardi

Milano, 4 dicembre 2011 - In queste settimane "Ala Bianca" sta pubblicando per la prima volta su cd i quattro lp incisi negli anni '70 da Enzo Jannacci per "Ultima spiaggia". È un'opera meritoria: quegli album, reperibili ad oggi solo su microsolco, rischiavano di essere totalmente dimenticati e rimossi. E lo stesso Jannacci, per quanto ancora oggi popolarissimo e tra i maggiori esponenti della canzone d'autore, rischiava e rischia un destino simile.

"Quelli che" (1975) e "O vivere o ridere" (1976) sono per molti aspetti il colpo di coda della grande stagione del cabaret milanese, che si esaurirà definitivamente con l'arrivo degli anni '80. Qui la comicità surreale di Jannacci si confronta in modo diretto con la politicizzazione crescente di quegli anni e con una grande libertà creativa.

Jannacci, che in quegli anni svolgeva l'attività medica praticamente a tempo pieno e per questo non si esibiva più dal vivo, si muoveva a maggior ragione sganciato da qualsiasi logica commerciale. Se a tutto questo si aggiunge che per il cantautore milanese fu anche l'occasione per radunare alcuni tra i maggiori jazzisti milanesi e i suoi collaboratori "storici" (a partire dal giornalista sportivo e amico Beppe Viola), i piatti "Quelli che" e "O vivere o ridere" sono serviti.

Roberto Veccchioni

Del primo ricordiamo brani come la celebre title-track, lunghissimo elenco di luoghi comuni e situazioni paradossali declamato con voce impassibile e seriosa; Vincenzina e la fabbrica, un ritratto di solitudine proletaria composto per la colonna sonora del film di Mario Monicelli "Romanzo popolare"; Il monumento, pezzo antimilitarista e brechtiano ispirato da un manifesto murale contro la guerra.

Del secondo citiamo Vivere, rifacimento delirante della nota marcetta di Bixio, e Per la moto non si dà, brano composto con Dario Fo e palese presa per i fondelli de Il tempo di morire di Battisti-Mogol. "Secondo te che gusto c'è?" (1977), il terzo della serie, è un lavoro di minore impatto e probabilmente risponde più che atro ad un obbligo contrattuale. Non mancano però buoni spunti, come la cover della canzone di Chico Buarque La costruzione, e quache colpo di genio, come Jannacci, arrenditi.

"Fotoricordo" (1979) è un ritorno inequivocabile alla qualità, anche se ci troviamo in una fase nuova. Vale per Jannacci, vale per la canzone d'autore e vale per il mondo circostante. È un disco più amaro che comico, più ironico che nonsense. Jannacci canta disperazioni esistenziali in Io e te, Satimbanchi, Mario, Ecco tutto qui.


E omaggia l'allora emergente Paolo Conte, interpretandone magistralmente Bartali e Sudamerica. Jannacci minimizza la sua maschera comica e investe maggiormente sulla canzone. Ultima spiaggia chiuderà subito dopo, e Jannacci approderà alla Ricordi. In entrambi i casi c'era di mezzo il grande Nanni Ricordi, ma erano contesti ben diversi. Anche questo era un segno dei tempi: si preannunciava una vita grama per le piccole etichette discografiche e per chi si muoveva in contromano rispetto alle esigenze di mercato.

Quei dischi per molti aspetti irrepetibili, a trentacinque anni di distanza, riescono ancora a spiazzare, divertire e riflettere. Per questo non andavano e non vanno dimenticati.

07/01 Brunori Sas
Il cammino di Santiago ...
Gian Piero Alloisio Il 4 febbraio uscirà "Vol. 3 - Il cammino di Santiago in taxi", terzo album della Brunori SAS. Produttore dell'album di Dario Brunori è Taketo Gohara, che ha registrato il disco in un convento in Calabria. All'uscita dell'album, distribuito dalla Sony, seguirà un tour in Italia. L'album è stato anticipato dal singolo "Kurt Cobain". Il video relativo è stato girato da Giacomo Triglia, con Brunori Sas anche in altri clip.
01/01 Imperdibili 2013
Federico Sirianni e altri
Gian Piero Alloisio 01/01 - Mi metto all’ascolto. Ben disposto. Ho ritagliato un piccolo nucleo di album da ascoltare. Non sono gli imperdibili. Imperdibili non ce ne sono più. Ci sono stati certo: imperdibile è “Creuza de ma” di De André, è “Titanic” di De Gregori, “La pianta del tè” di Fossati, qualcosa non ancora ben identificato di Paolo Conte (sceglierei una raccolta), “Lucio Dalla” di Lucio Dalla (quello con “Anna e Marco”), “Radici” di Guccini, “The freewhelin’ Bob Dylan”, “Song from a room” di Leonard Cohen, “Nebraska” di Springsteen. Insomma, ci siamo intesi?
24/08"La musica è finita"
La musica è finita
24/08 - "Ecco, la musica è finita, gli amici se ne vanno e tu mi lasci solo ..."
La musica è finita, sì. La gioia che mi dava ascoltare a turno la voce di Bob Dylan, di Fabrizio De André, di Francesco De Gregori o di Van Morrison è sfumata in un silenzio che sa di morte, di funerale , di De profundis. La musica è finita nel senso che sono finite le canzoni, che non ci sono più spinte vitali, che nessuno scrive niente che possa interessare. Alcuni parlano del mondo, altri di sé. I primi hanno per referente le pagine dei giornali, i secondi il proprio ombelico. La musica è però finita, perché non sa più raccontare la società, non ci sa dire chi siamo, non ci sa fotografare. (segue)
HOME
Novembre 2011
Jaromir Nohavica, Il primo concerto in Italia

Dopo il set di sabato 12 novembre al Teatro Ariston di Sanremo si esibirà a Milano il 13 per un intero concerto al Circolo ARCI La Scighera


Di Alessio Lega

10 /11 - Nohavica - una leggenda vivente della canzone europea - si troverà per la prima
volta in Italia per ritirare il Premio Tenco 2010. Canterà nella serata di sabato 12 novembre al Teatro Ariston di Sanremo.


Il giorno dopo - Domenica 13 novembre alle 22 - regalerà all'Italia un intero concerto nel Circolo ARCI La Scighera, che si è sempre contraddistinto per una straordinaria attenzione alla canzone d'autore.

Nel corso dei concerti è prevista la proiezione in diretta delle traduzioni dei versi di questo straordinario poeta.

Sarà un’occasione unica per i cechi residenti in Italia, ma soprattutto per gli italiani appassionati di canzone d’autore, di ascoltare in un concerto intimo qu est’artista abituato alle grandi sale teatrali e agli spazi aperti del suo paese.

Il concerto di Milano (come anche l'esibizione al Tenco) sarà introdotto dal cantautore Alessio Lega, che di Nohavica è l’interprete italiano autorizzato.

Il Premio che quest’anno il Club Tenco ha deciso di assegnare a Jaromir Nohavica è un atto di giustizia, perché si tratta di uno dei più grandi cantautori europei, ma è anche un atto di coraggio, perché Nohavica, amatissimo nella piccola Re pubblica Ceca, è pressoché uno sconosciuto fuori di essa.

Nohavica è nato a Ostrava, vicino al confine polacco, il 7 giugno del 1953. Negli anni ’70 si guadagna la vita facendo l’operaio, il bibliotecario, il traduttore, l’autore teatrale, e scrivendo i primi testi per gruppi pop e rock.



Sono tempi difficili: pur non essendo esplicitamente un dissidente, come invece il suo maestro Karel Kryl, Jarek (diminutivo di Jaromir) è troppo esplicitamente ostile alla rigidità del potere per esserne amato. Le sue canzoni si diffondono clandestinamente coi mezzi del glorioso samizdat.

Dopo la rivoluzione di velluto (1989) i primi album, registrati dal vivo voce e
chitarra, rendono disponibili i brani che il suo pubblico ascolta già da anni. M
a è con i progetti discografici Mikimauzoleum (1993) e Divné stoleti (1996) che
Nohavica compone le pietre miliari della musica ceca. Capolavori in equilibrio f
ra ironia e disperazione, come i romanzi di Hasek o di Hrabal, come i primi film
di Milos Forman.

Nei concerti Nohavica esplora sonorità lavorando con gruppi country, hard rock o
di formazione classica. Torna a dedicarsi al teatro e nel 2002 interpreta il ru
olo principale in uno strano inquietante e buffo film Rok Dabla. Negli ultimi tempi lo si vede sempre più spesso come alle origini: organetto o chitarra fra le braccia, solo di fronte al pubblico, con la voce vissuta. Il giro è compiuto, le esperienze sono fatte, Jarek torna all’essenzialità nuda, alla pura poesia.

Le canzoni di Nohavica si richiamano alla musica popolare dell’est europeo, al folk anglo-americano, alla canzone francese, e non disdegnano qualche eco blues. Se nei suoi testi fanno capolino sovente temi sentimentali e sociali, il nocciol o della sua produzione è filosofica. Il sorriso di quest’uomo, il tono caldo, la dolcezza melodica della quale ha il dono, stemperano le riflessioni sul dolore
e sul vuoto dell’esistenza. Come uno stormo di rondini migranti, le canzoni di questo bardo del nord volano in cerca del sole e dell’umanità, volano perché per vivere è necessario il movimento, tornano perché niente di ciò che si è vissuto è indegno di un racconto, di una fiaba, di un canto.

09/11 - Fabrizio
De André
Omaggio a Faber della London Symphony Orchestra
Il 22 novembre esce "Sogno n°1", l'omaggio alla voce e alle canzoni di Fabrizio della London Symphony Orchestra diretta da Geoff Westley. Il cd contiene” contiene tra gli altrri “Le nuvole”; “Hotel Supramonte”; “Preghiera in gennaio”; “Rimini”; “Ho visto Nina volare”; “Disamistade”.
09/11 - Chico Buarque de Hollanda
Dopo 15 anni esce su cd "Ciao Ragazzo"
nohavica Esce su Cd "Ciao ragazzo", un'opera unica, di straordinario valore artistico e documentale, che vede protagonista Chico Buarque de Hollanda in un concerto esclusivo organizzato dal Club Tenco il 7 dicembre 1996 al Teatro Ariston di Sanremo a un anno dalla scomparsa di Amilcare Rambaldi.

30/10 Piero Milesi

Il musicista e produttore si è spento a Levanto
donna con chitarra « Il meno ideologico dei compositori della sua generazione, uno disposto a restare nell'oscurità di etichette esoteriche americane piuttosto che rivendicare con proclami l'attenzione (che sarebbe stata meritatissima) di editori e istituzioni concertistiche di casa nostra».

24/10 Bianca D'Aponte
A Claudia Angelucci il premio per le cantautrici
Grande successo di pubblico per la settima edizione del Premio Bianca d’Aponte - Città di Aversa. Due le caratteristiche a spiccare: l’impronta pop delle canzoni in gara e i numerosi big accorsi ad Aversa per la finale del concorso.
22/10 Giorgio Conte
Come quando Fuori Piove
donna con chitarraUscito il 18 Ottobre il nuovo lavoro del cantautore astigiano;
sul cd 13 brani inediti di cui 1 scritto dal fratello Paolo.
20/10 Premi Tenco
A Ligabue, Pagani e Nohavica
I riconoscimenti verranno consegnati durante una edizione straordinaria della “Rassegna della canzone d'autore” prevista dal 10 al 12 novembre al Teatro Ariston di Sanremo e tutti i tre artisti si esibiranno sabato 12 novembre.
03/10 Ivano Fossati
Il cantautore annuncia il ritiro
Vasco Rossi si dimette da rockstar, Teresa De Sio annuncia il suo ultimo disco e infine Ivano Fossati, a sua volta, annuncia il ritiro dalle scene. Per farlo sceglie la platea più ampia possibile: prima da Fazio a "Che tempo che fa".
HOME

Ottobre 2011
Ivano Fossati, il ritiro

Con grande dignità il cantautore ligure annuncia la fine della carriera. Chapeau


di Giorgio Maimone
03/10 - Vasco Rossi si dimette da rockstar, Teresa De Sio annuncia il suo ultimo disco e infine Ivano Fossati, a sua volta, annuncia il ritiro dalle scene. Per farlo sceglie la platea più ampia possibile: prima da Fazio a "Che tempo che c'è", ancipando con opportune soffiate di cosa parlerà e poi in un incontro con la stampa. questa mattina al Piccolo Teatro Studio. L'ìncontro con il pubblico è rimandato a domani alla Feltrinelli di Milano in piazza Piemonte alle 21, dopo di ché la prima tappa del tour sarà ancora a Milano al Teatro degli Arcimboldi il 9 novembre. Il tour italiano partirà a fine novembre e durerà fino a febbraio 2012.

Nel corso degli anni (tanti), da Fossati ci hanno diviso alcune cose ed unite tante: quarant'anni di musica per lui e di ascolti per me, dai due lati opposti della barricata, prima con curiosità, poi con interesse, quindi con stime, infine con ammirazione che sfociava nell'adorazione, per chiudere con la delusione degli anni 2000 per la parte calante della carriera. Negli anni Novanta, IVano Fossati è stato sicuramente la stella polare del cantatorato in Italia, una stella più brillante di quella di De André, Guccini, De Gregori, Paolo Conte, altri ed eventuali, ma una stella che ha brillato poco: Dal 1986 al 1996 Fossati infila una sfilza di cinque album più due dal vivo, destinati a restare nella storia della musica italiana: "700 giorni", "La pianta del te", "Discanto", "Lindbergh", "Macramè", più i due album Dal vivo ("Buontempo" e "Carte da decifrare") e la colonna sonora del film "Il toro" di Mazzacurati. Negli anni 2000, a partire da "La disciplina della terra" la sua stella inizia un po' ad appannarsi. Ora, afferma Fossati, è venuto il tempo di dire basta: "Faccio canzoni da 40 anni esatti, ho scritto 460 canzoni. Queste sono le cause". "Dopo aver annunciato il mio ritiro daFazio ho dormito benissimo". Anche se "dirlo da Fazio, di fronte a milioni di spettatori, è stato pesante: perché è stato un modo per dirlo a me. E non perché non si può più tornare indietro. Non voglio tornare indietro. Non si può. E' una scelta che merita rispetto".

Ivano Fossati

E ne merita di sicuro. Chapeau per l'artista che ha saputo quando uscire di scena, con grazia, con decisione, con le idee chiare. Lo so che tutti vorremmo trattenerlo, ma non per fermare lui, per conservare la nostra giovinezza che è stata scandita dalle canzoni di Fossati a partire da quella "Jesahel" del 1971, passando da "La costruzione di un amore" del 1981, "La musica che gira intorno" del 1983, "Viaggiatori d'occidente" del 1984, "Una notte in Italia" del 1986, "Questi posti davanti al mare" del 1988, "Italiani d'Argentina" del 1990, "Mio fratello che guardi il mondo" del 1992, "Naviganti" del 1993, "Carte da decifrare" sempre del 1993, "L'angelo e la pazienza" del 1996, ma ancora oltre, fino a "Invisibile" del 2000, "C'è tempo" del 2003, fino alle nuovissime "Settembre" e "Tutto questo futuro", se i primi ascolti non tradiscono. Ma tanto è. Fossati ha deciso di appendere la chitarra al chiodo. "La veritica l'ho avuta in questi due anni da quando penso all'idea: tutte le volte che ci ho pensato, l'ìdea mi dava serentità".

E così Fossati se ne va con gran classe, senza pestare i piedi, senza avercela con nessuno in particolare, se non con la situazione esterna: "Il momento di confusione è notevole, ma se ne uscirà prima o poi". "Il mio concerto d'addio sarà comunque una festa. Che nessuno pensi di venire a una celebrazione, con tristezze o malinconie assortite. Si chiude in bellezza".

Certo non mancherà chi si farà attraversare dal dubbio che, con un disco nuovo in uscita e un libro appena edito ("Nessuno dei due autobiografico. Il disco racconta storie, quadri separati tra loro e il libro parla solo di musica") la notizia del ritiro dalle scene costituisce un lancio pubblicitario potentissimo. Inoltre Fossati non ha mai voluto fare un dvd dal vivo dei suoi concerti. Ora potrebbe uscire, al termine di questa nuova tournée, un dvd del concerto dell'addio, con vendite assicurate. Ma bisognava esserci, bisognava vedere Fossati che con voce calma e con molta lucidità e tranquillità raccontava le sue motivazioni, il suo distacco. "C'è chi dice che arriverà prima o poi la musica 2.0, un nuovo modo di fare e intendere musica, ma siamo fermi alla famosa triade degli intervalli tonica, terza e di quinta: le formule della musica sono uguali dagli anni cinquanta. Parlo della musica pop, il mio ambito. Qualcuno diche chele possibilità della musica sono finite, che la musica è finita. Non penso sia pazzo: penso che sia cosciente. Qualcosa bisogna fare, ma non sappiamo se la nuova musica arriverà mai". "Più di una volta - ha concluso Fossati - ho detto che sarei stato felice che le mie canzoni fossero più conosciute di me. Io sono contento della mia musica. Sono contento che le mie canzoni circolino, ma non miimporta che la gente sappia che la mia musica e mia. Quaranta anni di carriera sono tanti: se qualcosa deve restare resterà, altrimenti andrà bene ugualmente".

09/08 - Dallo Sciamano allo Showman
La leva cantautorale degli anni Zero in Val camonica
"La Leva" è la prima raccolta organica sulla nuova canzone d'autore, ma non solo. E' anche un progetto che vuole portare neIle piazze gli artisti che ne fanno parte. Il disco è un punto di partenza, non di arrivo, ua sorta di trampolino sonoro che vuole aiutare a lanciare una serie di nomi nuovi sul territorio. Dallo Sciamano allo Showman, da sempre attento alle nuove proposte della canzone d'autore, ha risposto all'appello.
16/08 - Queste Piazze Davanti al Mare
A Laigueglia la rassegna di artisti liguri
nohavica Giunge alla 5ª edizione la rassegna tridimensionale della canzone d'autore, ospite delle suggestive piazze di Laigueglia ("aquila", nell'antica accezione ligure) organizzata dall'Associazione Artenuvole per conto del Comune di Laigueglia.

19/08 - Queste Piazze Davanti al Mare

A Laigueglia
"Il Tenco ascolta"

nohavica Apparentemente in bilico tra una supplica e un avvertimento, "Il Tenco ascolta" è una delle conferme più attese di QUESTE PIAZZE DAVANTI AL MARE, per la sua capacità di proporre un rapido sguardo di insieme sulle giovani tendenze della canzone italiana, senza concorsi o competizioni ma in semplice degustazione 'estiva'.

08/09 Premio Tenco
In vista il trasloco a Milano?
La notizia è una di quelle che ti fanno sobbalzare sulla sedia. Il Tenco potrebbe traslocare a Milano, già da questa edizione.
10/08 Bianca D'Aponte
Scelte le10 finaliste
donna con chitarraAnnunciati i nomi delle 10 finaliste della VII edizione del Premio Bianca d’Aponte - unico concorso musicale nazionale rivolto a cantautrici - che in questa edizione Cristina Donà.
14/08 Dino Fumaretto
Al cantautore
la Targa Bigi Barbieri

Dino Fumaretto scrive le canzoni, Elia Billoni le canta. No, forse a cantare è Dino. No è Dino che è dentro Elia (Elia sente le voci?) e che lo ha nominato (Elia) suo unico interprete autorizzato. Elia Billoni è il profeta di Dino Fumaretto? O Dino è il profeta del cantante Elia?
25/08 Ivan Graziani
Orvieto canta...
Da qualche anno la popolare (nel senso stretto) “Festa di Santa Perduta” - che in questa edizione si svolgerà a Orvieto, TR, il 2 settembre -ha un suo prologo, noto come "In Cerca di Santa Perduta", che si svolge nella splendida e intima cornice di Piazza Simoncelli, nel cuore del quartiere medievale di Orvieto.

Settembre 2011
A Paolo Conte il Premio Chiara

Appuntamento con l'avvocato nel week end del 1 e 2 ottobre a Villa Ponti (Varese)


29/09 - "Con quella faccia un po' così", l'avvocato di Asti sbircia di sbieco, nelle locandine pubblicitarie, la sua venuta a Varese per la straordinaria due giorni che incomincerà sabato primo ottobre alle 21, con l'attesissimo concerto del decennale al teatro Apollonio, per proseguire il giorno dopo, Domenica 2 ottobre alle 17.30, presso la Sala Napoleonica a Ville Ponti, in Piazza Litta 2, con l'abbraccio della città e la consegna del premio "Le parole della musica", che vedrà il “Festival del Racconto - Premio Chiara” e il “Premio Tenco” insieme, per un omaggio alla forza della grande canzone d’autore italiana.

La premiazione vedrà l’intervento di Enrico De Angelis e Antonio Silva, esponenti del Club Tento e sarà condotto dal giornalista Vittorio Colombo.

Due giorni di festa per Varese, con il compleanno dell'Apollonio che proprio Conte inaugurò nel 2001 e il connubio tra Club Tenco e Amici di Piero Chiara che lo scorso anno fu assegnato a Francesco Guccini. “Tutto un complesso di cose che fa sì che” Paolo Conte si fermi a Varese per due giorni, un circolo virtuoso innescato dagli amici del Club Tenco, con il giornalista Vittorio Colombo ‘trait d'union’ con il Premio Chiara e l'Apollonio.

Paolo Conte premio Ciara

L'autore di "Nelson" ritorna nella città giardino in veste di affabulatore dopo l'ultimo incontro sotto il tendone di "Amor di libro", dove raccontò il suo modo di affrontare la vita, le passioni e i ricordi, l'amore per le storie di Piero Chiara, paragonate alla semplice complessità di un Simenon, la stessa facilità nel descrivere un mondo in poche righe.

A 74 anni, Conte ha gli occhi di un fanciullo curioso, non si muove senza Egle, la donna «dalla bellezza brasiliana» conosciuta nello studio di avvocato, si aggira annusando l'aria, nascondendo la congenita timidezza dietro un sorriso o una smorfia, cercando la voce nella soffitta dei ricordi.

Paolo non scrive poesie ma la poesia è il suo vivere, ciò che sa trasmettere con un accordo, un giro di frase, con quei suoni colorati che trafiggono come il sole d'agosto e non se ne vanno più.

Trascinato sul palcoscenico a rappresentare con la sua voce «oscura e nascosta» un immaginario ricchissimo e senza tempo, rimane un uomo che si diverte di più quando sta solo, attento come pochi alla vita semplice di ogni giorno, un «borghese di provincia», con la passione divorante per il disegno ancor prima della musica.

09/08 - Dallo Sciamano allo Showman
La leva cantautorale degli anni Zero in Val camonica
"La Leva" è la prima raccolta organica sulla nuova canzone d'autore, ma non solo. E' anche un progetto che vuole portare neIle piazze gli artisti che ne fanno parte. Il disco è un punto di partenza, non di arrivo, ua sorta di trampolino sonoro che vuole aiutare a lanciare una serie di nomi nuovi sul territorio. Dallo Sciamano allo Showman, da sempre attento alle nuove proposte della canzone d'autore, ha risposto all'appello.
16/08 - Queste Piazze Davanti al Mare
A Laigueglia la rassegna di artisti liguri
nohavica Giunge alla 5ª edizione la rassegna tridimensionale della canzone d'autore, ospite delle suggestive piazze di Laigueglia ("aquila", nell'antica accezione ligure) organizzata dall'Associazione Artenuvole per conto del Comune di Laigueglia.

19/08 - Queste Piazze Davanti al Mare

A Laigueglia
"Il Tenco ascolta"

nohavica Apparentemente in bilico tra una supplica e un avvertimento, "Il Tenco ascolta" è una delle conferme più attese di QUESTE PIAZZE DAVANTI AL MARE, per la sua capacità di proporre un rapido sguardo di insieme sulle giovani tendenze della canzone italiana, senza concorsi o competizioni ma in semplice degustazione 'estiva'.

08/09 Premio Tenco
In vista il trasloco a Milano?
La notizia è una di quelle che ti fanno sobbalzare sulla sedia. Il Tenco potrebbe traslocare a Milano, già da questa edizione.
10/08 Bianca D'Aponte
Scelte le10 finaliste
donna con chitarraAnnunciati i nomi delle 10 finaliste della VII edizione del Premio Bianca d’Aponte - unico concorso musicale nazionale rivolto a cantautrici - che in questa edizione Cristina Donà.
14/08 Dino Fumaretto
Al cantautore
la Targa Bigi Barbieri

Dino Fumaretto scrive le canzoni, Elia Billoni le canta. No, forse a cantare è Dino. No è Dino che è dentro Elia (Elia sente le voci?) e che lo ha nominato (Elia) suo unico interprete autorizzato. Elia Billoni è il profeta di Dino Fumaretto? O Dino è il profeta del cantante Elia?
25/08 Ivan Graziani
Orvieto canta...
Da qualche anno la popolare (nel senso stretto) “Festa di Santa Perduta” - che in questa edizione si svolgerà a Orvieto, TR, il 2 settembre -ha un suo prologo, noto come "In Cerca di Santa Perduta", che si svolge nella splendida e intima cornice di Piazza Simoncelli, nel cuore del quartiere medievale di Orvieto.

Agosto 2011
Club Tenco

Si aggiudica il “Premio Artigianato della canzone 2011” del Bindi, ma Ia rassegna 2011 è in serio pericolo. Ancora una volta Sanremo ha tagliato i fondi


07/08 - La notizia arriva come un fulmine a cielo mediamente nuvoloso. Enrico Deregibus, sul palco del Bindi, sta annunciando il programma degli incontri pomeridiani che prevede, tra l'altro, la consegna del “Premio Artigianato della canzone 2011” al Club Tenco, premio che verrà ritirato dal responsabile artistico Enrico de Angelis. "E la rassegna, quest'anno, non ci sarà". Silenzio. Pio continua 'Trovo che sia una cosa assolutamente scandalosa che Sanremo abbia deciso ancora una volta di tagliare i fondi alla cultura - continua - e, stando così le cose, sarà impossibile realizzare la rassegna". Ma ci parlerà meglio della cosa domani Enrico de Angelis.

Chiediamo conferma al diretto interessato che, con tristezza, ammette le difficoltà. "Forse riusciremo a fare una serata. Ma senza premiazioni - spiega de Angelis - è triste vedere un Comune così patrigno". E aggiunge: "Tanto più che quest'anno ricorre il centenario della nascita di Amilcare Rambaldi".



Il “Premio artigianato della canzone” è un riconoscimento destinato a coloro (musicisti, addetti ai lavori, operatori culturali, associazioni) che affiancano i protagonisti della canzone d'autore svolgendo un ruolo prezioso. In precedenza era andato al pianista Marco Spiccio (che fra l'altro è socio del Club Tenco) e alla manager Adele Di Palma.

Un riconoscimento che arriva in un momento difficile per la vita del Club Tenco, dal momento che ad oggi la “Rassegna della canzone d'autore” (comunemente chiamata Premio Tenco) non ha i finanziamenti necessari per lo svolgimento della prossima edizione.

09/08 - Dallo Sciamano allo Showman
La leva cantautorale degli anni Zero in Val camonica
"La Leva" è la prima raccolta organica sulla nuova canzone d'autore, ma non solo. E' anche un progetto che vuole portare neIle piazze gli artisti che ne fanno parte. Il disco è un punto di partenza, non di arrivo, ua sorta di trampolino sonoro che vuole aiutare a lanciare una serie di nomi nuovi sul territorio. Dallo Sciamano allo Showman, da sempre attento alle nuove proposte della canzone d'autore, ha risposto all'appello.
16/08 - Queste Piazze Davanti al Mare
A Laigueglia la rassegna di artisti liguri
nohavica Giunge alla 5ª edizione la rassegna tridimensionale della canzone d'autore, ospite delle suggestive piazze di Laigueglia ("aquila", nell'antica accezione ligure) organizzata dall'Associazione Artenuvole per conto del Comune di Laigueglia.

19/08 - Queste Piazze Davanti al Mare

A Laigueglia
"Il Tenco ascolta"

nohavica Apparentemente in bilico tra una supplica e un avvertimento, "Il Tenco ascolta" è una delle conferme più attese di QUESTE PIAZZE DAVANTI AL MARE, per la sua capacità di proporre un rapido sguardo di insieme sulle giovani tendenze della canzone italiana, senza concorsi o competizioni ma in semplice degustazione 'estiva'.

08/09 Premio Tenco
In vista il trasloco a Milano?
La notizia è una di quelle che ti fanno sobbalzare sulla sedia. Il Tenco potrebbe traslocare a Milano, già da questa edizione.
10/08 Bianca D'Aponte
Scelte le10 finaliste
donna con chitarraAnnunciati i nomi delle 10 finaliste della VII edizione del Premio Bianca d’Aponte - unico concorso musicale nazionale rivolto a cantautrici - che in questa edizione Cristina Donà.
14/08 Dino Fumaretto
Al cantautore
la Targa Bigi Barbieri

Dino Fumaretto scrive le canzoni, Elia Billoni le canta. No, forse a cantare è Dino. No è Dino che è dentro Elia (Elia sente le voci?) e che lo ha nominato (Elia) suo unico interprete autorizzato. Elia Billoni è il profeta di Dino Fumaretto? O Dino è il profeta del cantante Elia?
25/08 Ivan Graziani
Orvieto canta...
Da qualche anno la popolare (nel senso stretto) “Festa di Santa Perduta” - che in questa edizione si svolgerà a Orvieto, TR, il 2 settembre -ha un suo prologo, noto come "In Cerca di Santa Perduta", che si svolge nella splendida e intima cornice di Piazza Simoncelli, nel cuore del quartiere medievale di Orvieto.
Luglio 2011
Dallo Sciamano allo Showman

Tutto pronto per la nona edizione del festival. Fitto e variegato come sempre il programma che si snoderà da luglio a ottobre su e gù per la Val Camonica



25/07- La manifestazione anche quest'anno si caratterizza per coniugare l'attenzione per lo sciamanesimo (ispirato ai riti millenari raffigurati nelle celebri incisioni rupestri della zona) con proposte artistiche che fondono umorismo e musica.


Un festival innovativo che porta l'immagine della Valle Camonica alla ribalta nazionale per la scelta del tema, per un partner di grande valore come il Club Tenco e per la peculiarità e ricchezza delle sue sezioni: spettacoli, concerti, le Pagine di Musica curate da Enrico de Angelis, incontri, convegni, percorsi guidati, un rito sciamanico e un concorso gastronomico. Un Festival di qualità, per la gente e della gente.

Tra gli ospiti dell'edizione 2011 compaiono grandi "shomani" come Paolo Hendel, Simone Cristicchi, Leonardo Manera, Dario Salvatori, Alberto Patrucco, Sergio Staino, Dario Vergassola, Mauro Ermanno Giovanardi, Davide Van De Sfroos, Roberto Vecchioni, Le Sorelle Marinetti, Peppe Voltarelli. E Antonio Ricci, Targa Shomano 2011, che sarà assegnata nel corso della manifestazione.



Dallo Sciamano allo Showman

Molti altri artisti, forse meno noti ma di alto livello, si esibiranno nei vari appuntamenti: Gli Inadatti, Roberta Carrieri, Dino Fumaretto, Piji, Zibba, Duo Sbilenco, Quartetto Euphoria, Alessio Lega, Freddy Colt. La conduzione delle serate è di Bibi Bertelli e Antonio Silva.
Nel corso della manifestazione verranno assegnati, oltre alla Targa "Shomano", i tradizionali riconoscimenti: Targa "Dallo sciamano allo showman", Targa "Bigi Barbieri - la proposta del festival" e Targa "Cuoco Shomano". Tutte le Targhe del Festival sono realizzate da Mauro Felter, orafo cesellatore le cui opere, esposte in numerose mostre e gallerie d'arte, si ispirano alle incisioni rupestri camune.

L'organizzazione e l'ideazione sono del Centro Culturale Teatro Camuno con la direzione artistica di Nini Giacomelli, il patrocinio del Club Tenco di Sanremo e il sostegno di Regione Lombardia (Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie), Provincia di Brescia, Comunità Montana di Valle Camonica, Consorzio Comuni BIM, Comunità Montana del Sebino Bresciano Comuni di Edolo, Bienno, Borno, Breno, Capo di Ponte, Cividate Camuno, Esine, Marone, Sale Marasino; Pro Loco di Bienno e di Breno, Fondazione CARIPLO, Industrie Bandini e altri sponsor.

01/07 - Luci della Centrale Elettrica
Al Traffic Festival
Sarà un'edizione speciale quella di quest'anno per il TRAFFIC FESTIVAL di Torino, speciale per la location (Piazza San Carlo), ma soprattutto perché sarà dedicata ai 150 anni dell'unità d'Italia. Un cast tutto italiano quindi, tre serate di grande musica e l'ambizione di mettere in collegamento artistici storici del nostro paese con artisti più giovani che si sono messi in luce in questi ultimi anni.
08/07 - Premio Bindi
Al via la VII edizione
La nuova edizione del Premio Bindi si terrà dall’8 al 10 luglio prossimi a Santa Margherita Ligure. Per il settimo anno consecutivo la canzone d'autore è protagonista nello splendido palcoscenico della città levantina, con la rassegna-concorso dedicata all’indimenticato cantautore, indetta dal Comune di Santa Margherita Ligure e organizzata dall'Associazione Culturale Le Muse Novae di Chiavari .
22/07 - Premio
Via Del Campo
A Finardi il riconoscimento
nohavicaTutto pronto per la terza edizione del Premio Via del Campo, che si terrà sul lungomare di Rapallo il prossimo 3 agosto.

28/07 Blogfoolk

Associazione con Bilelle in nme della buona musica
Il 1 gennaio 2000 è la data ufficiale di nascita della Brigata Lolli (Bielle, come è ormai generalmente conosciuta), portale della canzone e della musica d'autore. Lo scopo è di allargare gli ambiti dove si possa parlare e conoscere le canzoni e gli artisti di questo ristretto ambito. In realtà di buona musica attorno ce n'è tanta. Il problema era, oggi come allora, farla conoscere.

05/07 Amanda e la Banda
Nuovo disco in uscita
The First and the Last, disco d'esordio di Amanda e la Banda, si presenta con un sound di grande impatto e forza che, pur collocandosi nel solco della migliore tradizione blues, la rilegge in chiave moderna, proponendo una dozzina di brani originali. Caratteristica peculiare dell'ensemble è la voce di Amanda Tosoni, anima musicale di tutto il progetto, supportata con maestria dalla Banda.
27/07 Ricaldone
Tutto pronto per
L'Isola in Collina

donna con chitarra Quasi al via la nuova edizione dell'Isola in collina, la storica manifestazione nata per omaggiare Luigi Tenco nel paese del Monferrato in cui è cresciuto e sepolto, Ricaldone, in provincia di Alessandria.
28/07 Premio Loano
John Turturro tra gli ospiti
Grande attesa accompagna la serata conclusiva del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana, organizzata dall'Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l'Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Fondazione A. De Mari e il patrocinio della Regione Liguria, della Provincia di Savona, dell'ANCI e del MEI.
28/07 Gian Maria Testa
Nuovo disco a ottobre
A cinque anni dall’uscita di “Da questa parte del mare”, il 17 ottobre esce “Vitamia”, il nuovo lavoro discografico di Gianmaria Testa. Prodotto da Paola Farinetti, il cd sarà distribuito in Italia da Egea Records e nel resto del mondo da Harmonia Mundi - Le Chant du monde.
Giugno 2011
"Sotto i tetti di Firenze"
vince il Premio Loano

L'omaggio a Caterina Bueno di RIccardo Tesi e Maurizio Geri

04/06 - La giuria del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana ha assegnato il Premio Miglior Album 2010 al disco “Sopra i tetti di Firenze – omaggio a Caterina Bueno” di Riccardo Tesi e Maurizio Geri (Materiali Sonori).
Il riconoscimento alla migliore produzione musicale del 2010 è stato decretato da una prestigiosa giuria composta da oltre sessanta giornalisti musicali.


Caterina Bueno ha rappresentato per oltre trent’anni la cultura toscana più popolare che ha diffuso in Italia e all'estero con impegno vibrante e appassionato. Le sue esecuzioni, sempre riconducibili a precedenti esperienze di ricerca sul campo, le hanno consentito di affermarsi come la più importante interprete della musica toscana di tradizione orale.
In questo progetto d’autore Maurizio Geri e Riccardo Tesi, che hanno mosso i loro primi passi nel mondo dello spettacolo proprio al fianco della cantante toscana, rileggono in maniera personale alcune delle pagine più importanti del suo repertorio, dando una nuova veste a canzoni che hanno ancora molto da dire e voglia di essere cantate.
L’organico di base, pensato per l’occasione, è formato dal solido nucleo di musicisti che frequentano Banditaliana: Claudio Carboni (sax), Filppo Pedol (contrabbasso), Stefano Melone (pianoforte), Marco Fadda (percussioni). A essi si aggiunge la voce di una fra le più acclamate interpreti di musica popolare italiana: Lucilla Galeazzi.
Al progetto discografico hanno preso parte ospiti prestigiosi, toscani e non, tutti entusiasti di rendere omaggio a una figura così importante per la musica popolare italiana:
Piero Pelù, Gianna Nannini, Nada, Davide Riondino, Carlo Monni, Francesca Breschi, Daniele Sepe, Custodio Castelo, Riccardo Tarlini e il Coro delle mietitrici di Scansano.

riccardo Tesi Maurizio Geri

ll Premio Miglior Album 2010 sarà consegnato a Riccardo Tesi e Maurizio Geri il 26 luglio. I due artisti saranno ospiti insieme a Banditaliana del festival, in programma nella cittadina ligure, dal 25 al 29 luglio p.v.

La direzione del premio ha annunciato anche l’attribuzione del Premio alla Carriera e il Premio Realtà Culturale dell'edizione 2011.

Il Premio alla Carriera 2011 è stato assegnato ai Calicanto, con la seguente motivazione:
“da un trentennio i Calicanto uniscono efficacemente la passione per la ricerca sul territorio con l’avventura della musica contemporanea. La costante attenzione alla filologia e alla strumentazione non si è mai allontanata dalla voglia di calarsi nel presente: il Veneto che il gruppo attraversa è millenario e odierno, senza soluzioni di continuità. L’apertura al mondo del teatro e a quello del cinema hanno in qualche modo completato un percorso sempre vivace e curioso, arricchendo una storia già avvincente”.
Gli artisti ritireranno il riconoscimento il 27 luglio p.v.

Il Premio Realtà Culturale 2011 è stato conferito a “Passione”, il docu-film di John Turturro con la seguente motivazione: “con una prospettiva diversa da quella puramente documentaristica, John Turturro ha avvicinato in Passione la canzone napoletana nei suoi colori attuali e nei suoi legami fra città e musica, oltre che nei soggetti, pure diversissimi fra di loro, che la compongono. Una storia recente con un retrogusto antico, raccontata con testimonianze quasi corali, in cui il quadro di insieme conta più delle singole personalità. Senza regole prefissate, la pellicola riesce a coinvolgere e a restituire un’immagine in movimento di una scena indefinibile e vorticosa, con i suoi mille rivoli, visibili e non”.
Il premio sarà consegnato il 29 luglio p.v.

Nato sette anni fa, il Premio Città di Loano promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali.

Il Premio Città di Loano è organizzato dall'Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l'Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano.

07/06 - Voci per la Libertà
Anteprima a Rosolina Mare
"Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty", giunto quest'anno alla 14° edizione, intende riconfermare il proprio ruolo: un appuntamento ormai irrinunciabile, dedicato alla promozione dei diritti umani attraverso la cultura musicale.
14/06 - Sursum Corda
il video "L'infinito"
in concorso a "I've seen films"

nohavica Esce su Cd "Ciao ragazzo", un'opera unica, di straordinario valore artistico e documentale, che vede protagonista Chico Buarque de Hollanda in un concerto esclusivo organizzato dal Club Tenco il 7 dicembre 1996 al Teatro Ariston di Sanremo a un anno dalla scomparsa di Amilcare Rambaldi.
20/06 Concorsi
Per Romeus Musicultura
e a Zibba l'artista
che non c'era

donna con chitarra   Carmine Tundo, in arte Romeus, è il vincitore assoluto della XXII edizione di Musicultura, ad Sergio Vallarino in arte Zibba va invece il premio 'artista che non c'era. La stagione degli pseudonimi?

27/06 Mei

Assegnate le Targhe Supersound
La giuria selezionata dalla stampa musicale nazionale, e composta da: Luca Valtorta (XL - Repubblica), Luca D'Ambrosio (Musicletter.it), Andrea Diani (RadUni), Fabrizio Galassi (Repubblica.it/Kataweb, Wired), Orazio Martino (Gli Osservatori Esterni), Luca Minutolo (Fuori dal Mucchio), Giorgio Moltisanti (Rumore), Antonio Oleari (Jam), Gianluigi Peccerillo (Dance Like Shaquille O'Neal), Davide Rolleri (The Breakfast Jumpers), Hamilton Santià (Il Mucchio), Jacopo Tomatis (Il Giornale della Musica) ed Enrico Veronese (Italian Embassy, Blow Up), con la supervisione e il coordinamento di Chiara Caporicci e Giordano Sangiorgi del MEI - Meeting degli Indipendenti ha emesso il suo verdetto.

01/06 Teresa de Sio
Esce "Inno nazionale"
Dopo quasi quattro anni dal lavoro discografico “Sacco e Fuoco”, Teresa de Sio è tornata in sala di registrazione. “Inno Nazionale”, composto da Luca Carboni nel 1995 e qui reinterpretato e riarrangiato da Teresa in maniera forte e personale, sarà in radio dal 2 giugno (un giorno importante, la Festa della Repubblica) e sarà disponibile su iTunes insieme ad altri due brani che anticipano il nuovo album, la cui pubblicazione è annunciata per metà settembre.
16/06 Artista che non c'era
Il 19 la finale
donna con chitarraMancano pochi giorni alla serata finale de L’Artista che non c’era, il concorso ideato otto anni fa dall'Isola allo scopo di dare un palcoscenico (e non solo) a progetti di spiccato interesse artistico e musicale.
La manifestazione è riuscita nel tempo a far convivere nuove proposte con artisti navigati e a proporre spettacoli di ottima qualità.
21/06 Mei
Successo a Parigi alla Festa della Musica
In occasione della Festa della Musica a Parigi, domenica 19 giugno, il Mei - Meeting degli Indipendenti è stato portavoce della musica italiana, ottenendo un grande successo di pubblico e di mediai. Annelise Demantké, giornalista della Radio francese Aligre FM, l’emittente radiofonica parigina che ha trasmesso in streaming tutta la manifestazione, con interviste e curiosità sugli artisti italiani, ha dichiarato “Sono appena tornata dal concerto, e mi è piaciuto davvero molto, sono stati davvero tutti bravissimi. Nella speranza di rivedervi tutti presto a Parigi”.
25/06 Michele Gazch
In concerto a Brescia
La nave è salpata ancora. Michele Gazich è arrivato alla terza tappa, o al terzo porto, del suo viaggio con "La Nave dei Folli", una sorta di collettivo musicale nato nel 2008 con il quale ha intrapreso un percorso musicale in forma di cantautorato innovativo, quello che dà risalto, oltre alle parole, anche alla musica di qualità.
Maggio 2011
Isa in finale al "Pigro 2011"

La XIV edizione della rassegna terrà il 28 e 29 maggio 2011 a Bolognano (PE)



11/05 - Certe notizie sono una soddisfazione. È un piacere annunciare che Isa parteciperà alla finale della 14ma edizione del "Pigro 2011 - Cantautori in vigna", che si terrà il 28 e il 29 maggio a Bolognano.

Isa presenterà in anteprima alcuni brani del suo repertorio in piemontese. "Il mio legame con il piemontese ha radici profonde - ci racconta la cantautrice - Dal momento che a casa si parlava in italiano, l'ho imparato dagli amici in strada e l'ho studiato sui libri. Mi è rimasto solo il rimpianto di aver trovato tardi le risposte per le domande che i nonni mi facevano ogni volta che si scendeva in vigna".

" Il piemontese per me ha una componente di convivialità e di forte ironia
- continua - è la lingua del recupero delle radici per costruire il futuro ed è anche la lingua delle emozioni. Certe cose che canto in piemontese non riuscirei a dirle in altro modo".

Il piemontese non è comunque una novità per Isa: già Disoriente - il suo primo album pubblicato nel 2003 - contiene il brano

isa e Marco Spiccio

Rosa rosetta, un valzer il cui testo, scritto nel dialetto di Mongardino d'Asti, ripercorre i racconti dei nonni che lanciavano segnali da una collina all'altra accendendo o meno le luci alle finestre per organizzare le loro uscite serali verso il ballo al palchetto.

A proposito della canzone piemontese, vista come strumento culturale per raccontare l'identità e il territorio, Isa - nelle sue vesti di ricercatrice (Isabella Maria Zoppi) - ha pubblicato un ricco saggio intitolato "Dalla città, le montagne, Torino e il Piemonte attraverso la canzone" (Geos cdbook Nota 2009) in cui si tratta del rapporto tra un territorio e la canzone (d'autore) che lo esprime. L'opera parte dal canto popolare fra Otto e Novecento e arriva a oggi, disegnando i confini di un'inedita geografia del Piemonte, una vera e propria mappa di un'identità fatta di parole cantate.

Arricchiscono l'opera due saggi (di Franco Castelli sul "Canto popolare in Piemonte" e di Alessio Lega sulla "Canzone che fa (la) storia") e un compact disc in cui la stessa Isa ripropone in una originale versione acustica, diretta da Roberto Bartoli, un vasto repertorio "piemontese", dalla tradizione a Buscaglione, dai Mau Mau a Paolo Conte, passando per Testa, Farassino, i Cantacronache, Amodei, Dalla, Isa, Lega, Yo Yo Mundi, Maolucci e Cantovivo.

17/05 - Piccola Bottega Baltazar
In finale a Musicultura
Dopo mesi di selezioni, la Piccola Bottega Baltazar entra nella rosa degli otto vincitori della XXII edizione di Musicultura. La formazione veneta salirà quindi sul palco dell’Arena Sferisterio di Macerata (17, 18 e 19 giugno), dove verrà proclamato il vincitore assoluto.
25/05 - Premio Bindi
Scade il 31 maggio il concorso per la VII edizione
nohavicaE' fissata al 31 maggio la scadenza per le iscrizioni al concorso del Premio Bindi di Santa Margherita Ligure (GE), il prestigioso evento di canzone d'autore intitolato all'indimenticato cantautore genovese e rivolto a talenti italiani emergenti.

23/05 Parola cantata

Torna il Festival di Mauro Ermanno Giovanardi
donna con chitarra Reduce dal successo ottenuto a Sanremo con il brano “Io confesso”, Mauro Ermanno Giovanardi, storica voce dei La Crus, ritorna alle porte di Milano - a Brugherio, sua città natale - come direttore artistico della seconda edizione di “Parola Cantata”: una tre giorni dedicata alla Parole d’autore con incontri, performance, presentazioni e concerti che vedrà tra i suoi protagonisti Franco Battiato, Enrico Ruggeri, Cristina Donà, Manuel Agnelli, Paola Turci e molti altri.

17/05 Artista
che non c'era
Scelti i 30 semifinalisti
La Redazione dell'Isola che non c'era ha scelto i trenta artisti che accederanno alla seconda fase del concorso. Un lavoro lungo e accurato reso ancora più delicato dall'elevata qualità dei brani proposti: ben 225 le iscrizioni a questa 8ª edizione, con progetti provenienti da ogni parte d'Italia e portatori di sensibilità musicali spesso distanti tra loro per genere e influenze.
21/05 Artista
che non c'era
Scelti i 16 semifinalisti
La Redazione dell'Isola che non c'era ha concluso anche la seconda fase del Concorso. Sono ormai passati due mesi da quando la redazione de L’Isola ha dato il via all’ascolto dei 225 artisti iscritti e dopo averne selezionato 30, ha ulteriormente ristretto la scelta individuando i 16 semi-finalisti
31/05 Ivano Fossati
In arrivo un nuovo album
A tre anni più o meno esatti dall'uscita di "Musica Moderna", uscito nell'ottobre del 2008, Ivano Fossati è tornato in studio di registrazione per preparare il suo nuovo album che sarà pronto in autunno, una sorta di regalo per il compleanno del cantautore ligure che è nato il 21 settembre 1951 a Genova e che adesso vive tra Lievi e la Provenza. Proprio in Provenza Fossati ha deciso di trovare l'ambienta adatto per registrare il disco nuovo.

Aprile 2011
Vinicio Capossela, un disco fuori misura

Presentazione di "Marinai, profeti e balene" all'Acquario di Milano: "il marinaio è il viaggio, il profeta l'enigma e la balena qualcosa di più grande"


Di Giorgio Maimone
26/04 - Arriva vestito da marinaio. Anzi, da Capitano di lungo sorso: giacca blu e cappello bianco. Sul tavolo degli oratori, in ordine sparso, alcune balene: le più attente ascoltatrici. “E’ un disco epico”, attacca e dai primi brani che si diffondono nella sala già lo avevamo avvertito.


"Tutto viene dalla letteratura per rappresentare il nostro viaggio nell'esistenza". "Il marinaio rappresenta il nostro viaggio nell'esistenza. Il profeta è l'enigma: si occupa di interpretare i segni. La balena è qualcosa di fuori misura, qualcosa più grande di noi". "É venuto fuori un disco doppio, fuori misura, che ha una fisicità come il vinile. É un concept. Ma che motivo può avere uno per comprare un disco se non perché è qualcosa di bello, qualcosa che rimane? Non può essere un file su un computer".

Poche parole e già abbiamo definito i concetti base dell’album, anzi del disco, come continua convinto a chiamarlo Vinicio (e noi con lui). “Mi piace pensare a questo album come a un vecchio doppio vinile. Tra l’altro i vinili doppi spesso erano dei concept album. Mi piace pensare alla sua fisicità e al fatto che, come nei vecchi album, a un certo punto si deve cambiare disco. Come girare la facciata. E allora diciamo che il primo lato è biblico e anglosassone: risente della lettura di Melville, di Conrad. Il secondo invece punta più sul senso del ritorno. Che è l’eterno ritorno, ma anche una prigione: il nostos, la nostalgia, il desiderio della terra. Sentimenti che fanno parte dell’uomo. E’ un disco antropologico”.


L’impressione, da subito è di avere a che fare con un disco che è tanto. Con testi ispirati a Louis Ferdinand Celine, a Guido Ceronetti, a Moby Dick di Melville nella versione epocale di Cesare Pavese, a Lord Jim di Conrad, alla Bibbia (“il libro più saccheggiato di tutta la storia del rock & roll!”) ma anche all’Odissea, Compresa quella televisiva degli anni ’60. "Il disco è dedicato a Bekin Fehmiu, il grande interprete dell'Ulisse televisivo. Un eroe che si è tolto la vita l'anno scorso, perché si era trovato senza patria: il Kossovo. La guerra del Kossovo è una guerra imperialista come quella di Troia".

Sono diciannove pezzi inediti in ottantasei minuti di musica: un’ora e mezza, compreso il tempo per scartare la confezione. Che è elegante come un piccolo libro e gonfia altrettanto. All’interno della confezione i dischi spingono come per uscire, per l’urgenza di essere suonati.

Sono canzoni che cambiano come il mare. Piene di enigmi: più di domande che di risposte. Da giovani ci piace ascoltare le canzoni struggenti, perché pensiamo prima o poi di poter superare quei momenti. Andando avanti con l’età sempre meno. E diventa anche più difficile scriverle. Diventa personale, doloroso. Con l’età di passa dalla lirica all’epica”.

E che questo sia un disco epico non è lecito nutrire dubbi. Lo è per l’impatto, per la forma, per la sostanza. Lo è perché Vinicio ormai ci ha insegnato che nulla di quello che fa è destinato semplicemente a passare. Va ascoltato e con attenzione. Magari anche per rifiutare. Ma solo dopo avere ascoltato e ascoltato bene. Come si compete a un libro, a un film, a un quadro che prima di uscirsene con un giudizio serve prestare attenzione. (segue)

26/04 'Per dignità e non per odio...'
Note e parole resistenti stasera a Romal
Si svolgerà a Roma il 26 Aprile, ore 21:30 al Circolo degli Artisti ( ingresso a offerta libera) l'evento-concerto rigorosamente live dal titolo "Per dignità e non per odio", promosso dal Dipartimento Cultura del Partito Democratico, dai Giovani Democratici, che mira a riportare alla luce le gemme musicali e letterarie che hanno accompagnato e scandito la lotta dei Partigiani durante la Resistenza.
26/04 Andhira

Nakitirando, secondo
disco della
band sarda
Dopo l'opera prima "Sotto il vento e le vele" (patrocinio Fondazione De Andrè), arriva il nuovo lavoro della band sarda. Insolite sonorità vocali (3 voci femminili+3 maschili) e strumentali (pianoforte + 2 percussioni e ospiti d'eccezione come Mauro Pagani, Madya Diebate, Alberto Cabiddu, Sergio Pira e Pietro Lorrai.

06/04 Piccola bottega Baltazar

Tra i 16 finalisti di Musicultura 2011
donna con chitarra Pochi i personaggi sono così amati che non si smette di sentirne la mancanza. Fabrizio De André riusciva a entrare nel cuore delle cose, estrapolando personaggi e situazioni, mettendo il dito al centro della piaga, ma sempre senza giudicare..

30/04 Primo maggio 2011
Il concertone dei 150 anni
Conto alla rovescia per il concerto del 1 maggio 2011 a Roma, che si terrà domani a partire dalle ore 15 circa. Per quanto riguarda il programma definitivo, il tema dominante saranno i 150 anni dell’Unità d’Italia con il titolo “La storia siamo noi”. Un ampio spazio dedicato a Ennio Morricone con un'inedita "Elegia all'Italia" e per la prima volta saranno presenti sul palco Lucio Dalla e Francesco De Gregori
05/04 Amilcare Rambaldi
Il secolo lungo del fondatore del "Club Tenco"
donna con chitarraLa guerra di Libia compie cent'anni. Fosse rimasto qui, oggi li avrebbe compiuti anche Amilcare Rambaldi, fondatore e presidente per 23 anni del Club Tenco di Sanremo. Era nato invatti a Sanremo il 5 aprile 1911. Lo ricorda il Club Tenco con un comunicato.
05/04 Simone Cristicchi
"Genova brucia" vince il Premio Amnesty Italia
donna con chitarra Simone Cristicchi, con “Genova brucia”, è il vincitore della nona edizione del Premio Amnesty Italia, indetto nel 2003 dalla Sezione Italiana di Amnesty International e dall’Associazione culturale Voci per la Libertà per premiare il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell’anno precedente.

11/04 Vinicio Capossela

Programma su radio Rai
Radio 2 presenta un nuovo programma radiofonico che ha come protagonista Vinicio Capossela.

"Marinai, profeti e balene" è il titolo della striscia quotidiana in onda alle 19.50, dal lunedì al venerdì per due settimane, dall'11 al 22 aprile.

 

HOME
Marzo 2011
Fabrizio De André a Milano

Partita da Genova, dopo aver toccato Nuoro, Roma e Palermo arriva
alla Rotonda della Besana la mostra interattiva su vita e le opere di Faber

10/03 - Sono pochi i personaggi così amati che non si smette di sentirne la mancanza per lucidità, la capacità di saper leggere e descrivere il contemporaneo, per la loro poesia che sa far sorridere, sa commuovere piangere e soprattutto sa far riflettere. Fabrizio De André riusciva a entrare nel cuore delle cose, estrapolando personaggi e situazioni, mettendo il dito al centro della piaga, ma sempre senza giudicare.

La mostra che ne ripercorre vita e carriera, dal semplice titolo Fabrizio De André - ideata e curata da Vittorio Bo, Guido Harari, Vincenzo Mollica e Pepi Morgia - dopo la prémière di Genova nel 2009, e dopo aver toccato Nuoro, Roma e Palermo arriva anche a Milano. Non è una mostra che si limita a esporre foto e cimeli ma, grazie allo straordinario allestimento progettato dallo Studio Azzurro, spalanca una porta sul mondo dell'artista, con video ed elementi interattivi. Camminando di stanza in stanza si incontrano i personaggi delle sue canzoni raffigurati nei tarocchi, ci si pone davanti a un tavolo magico che partendo dai suoi dischi "evoca" le persone che hanno collaborato ai lavori, la contestualizzazione dell'opera nel periodo storico, e ancora interviste, musica e spezzoni di concerti. E ancora, grazie a una moderna versione della lanterna magica, si viaggia nei luoghi del cuore di Fabrizio: dalla cascina di Revignano d'Asti, quella dove volava Nina, ai vicoli di Genova, fino alla Sardegna. Non mancano, infine, i manoscritti, le locandine, gli strumenti musicali. Le sei sezioni della mostra (la poetica, la musica, i personaggi, la vita, Fabrizio in video e i documenti) accompagnano il visitatore nel mondo deandreaiano.

Fabrizio De André
Dall'11 marzo al 15 maggio 2011
Milano, Rotonda di via Besana
Via Enrico Besana 12

Orari:
Lunedì dalle 14.30 alle 19.30
Da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30
Giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30
Ingresso € 9,00 - Ridotto € 7,50
Per informazioni: /www.fabriziodeandrelamostra.com

26/04 'Per dignità e non per odio...'
Note e parole resistenti stasera a Romal
Si svolgerà a Roma il 26 Aprile, ore 21:30 al Circolo degli Artisti ( ingresso a offerta libera) l'evento-concerto rigorosamente live dal titolo "Per dignità e non per odio", promosso dal Dipartimento Cultura del Partito Democratico, dai Giovani Democratici, che mira a riportare alla luce le gemme musicali e letterarie che hanno accompagnato e scandito la lotta dei Partigiani durante la Resistenza.
26/04 Andhira

Nakitirando, secondo
disco della
band sarda
Dopo l'opera prima "Sotto il vento e le vele" (patrocinio Fondazione De Andrè), arriva il nuovo lavoro della band sarda. Insolite sonorità vocali (3 voci femminili+3 maschili) e strumentali (pianoforte + 2 percussioni e ospiti d'eccezione come Mauro Pagani, Madya Diebate, Alberto Cabiddu, Sergio Pira e Pietro Lorrai.

06/04 Piccola bottega Baltazar

Tra i 16 finalisti di Musicultura 2011
donna con chitarra Pochi i personaggi sono così amati che non si smette di sentirne la mancanza. Fabrizio De André riusciva a entrare nel cuore delle cose, estrapolando personaggi e situazioni, mettendo il dito al centro della piaga, ma sempre senza giudicare..

05/04 Simone Cristicchi
"Genova brucia" vince il Premio Amnesty Italia
donna con chitarra Simone Cristicchi, con “Genova brucia”, è il vincitore della nona edizione del Premio Amnesty Italia, indetto nel 2003 dalla Sezione Italiana di Amnesty International e dall’Associazione culturale Voci per la Libertà per premiare il migliore brano sui diritti umani pubblicato nel corso dell’anno precedente.

30/04 Primo maggio 2011
Il concertone dei 150 anni
Conto alla rovescia per il concerto del 1 maggio 2011 a Roma, che si terrà domani a partire dalle ore 15 circa. Per quanto riguarda il programma definitivo, il tema dominante saranno i 150 anni dell’Unità d’Italia con il titolo “La storia siamo noi”. Un ampio spazio dedicato a Ennio Morricone con un'inedita "Elegia all'Italia" e per la prima volta saranno presenti sul palco Lucio Dalla e Francesco De Gregori
05/04 Amilcare Rambaldi
Il secolo lungo del fondatore del "Club Tenco"
donna con chitarraLa guerra di Libia compie cent'anni. Fosse rimasto qui, oggi li avrebbe compiuti anche Amilcare Rambaldi, fondatore e presidente per 23 anni del Club Tenco di Sanremo. Era nato invatti a Sanremo il 5 aprile 1911. Lo ricorda il Club Tenco con un comunicato.
11/04 Vinicio Capossela
Programma su radio Rai
Radio 2 presenta un nuovo programma radiofonico che ha come protagonista Vinicio Capossela.

"Marinai, profeti e balene" è il titolo della striscia quotidiana in onda alle 19.50, dal lunedì al venerdì per due settimane, dall'11 al 22 aprile.
HOME
Febbraio 2011
Vinicio Capossela trionfa a Londra
Ad aprile il nuovo disco

Si è chiuso con un trionfo al Barbican di Londra il minitour europeo
del cantautore "a manovella"


24/02 - "Favoloso, semplicemente favoloso" - così in un'appassionata recensione sul Times, Clive Davis descrive lo spettacolo che ha chiuso il minitour europeo di Vinicio Capossela al Barbican di Londra il 15 febbraio.


Di ritorno dal suo "20 Years Show" che ha toccato oltre a Londra anche Parigi, Zurigo e Colonia, Capossela annuncia il nuovo doppio di inediti "Marinai, profeti e balene", in uscita il 26 aprile (La Cupa/Warner), a tre anni dal suo precedente lavoro "Da solo". E sarà subito in tour: partirà dal mare il nuovo show fortemente caratterizzato dai temi del disco. Primo approdo sarà infatti Genova, al Teatro Carlo Felice il 27 aprile. Il viaggio proseguirà nei teatri di molte città italiane.



Si sposterà poi al Palais di Saint Vincent di Aosta il 6 maggio. Dopo le due esibizioni di Firenze al Teatro Verdi il 10 e l'11 maggio, Capossela suonerà il 13 maggio al Teatro Ventidio Basso di Ascoli e il 16 maggio al Teatro Regio di Torino. Seguiranno due date al Teatro degli Arcimboldi a Milano il 21 e 22 maggio e il 23 maggio sarà la volta del Teatro Ponchielli di Cremona. La prima parte della tournée si concluderà all'Auditorium Conciliazione di Roma il 27 maggio per poi riprendere in estate con nuovi concerti che troveranno la loro cornice naturale nei luoghi di mare e del mito. Marinai, profeti e balene è un’opera sul fato, sul viaggio e il mare come metafora e scenografia del destino umano. Da Omero a Dante, da Melville a Conrad, è un disco che trova ispirazione nella letteratura di tutti i tempi e in cui risuonano il mito, le voci di marinai, di profeti e balene.

Sanremo 2010
Roberto Vecchioni vince il Festival
20/02 - Ha vinto Roberto Vecchioni! Quello che non ti aspetti: il professore ha vinto il 61esimo Festival di Sanremo con la canzone "Chiamami ancora amore". E, fatto ancora più paradossale, l'ha vinto cantando (e scrivendo) una bella canzone, una canzone di testo e di significato, una canzone che, vivaddio, dice anche qualcosa di sinistra (e niente di sinistro)!
Premio Bindi
L'edizione invernale
11/02 - Sabato 12 febbraio al Covo di Nord Est di Santa Margherita Ligure torna il Bindi Winter, l'edizione invernale "formato club" del Premio Bindi per la Canzone d'Autore che si tiene ogni estate nella cittadina rivierasca. L'iniziativa è nata per creare un fil rouge che unisca due edizioni successive del premio.

Ernesto De Pascale

Ci ha lasciato l'autore de "Il popolo del blues"
donna con chitarra 13/02 - Ci ha lasciati Ernesto De Pascale, storica figura del giornalismo musicale, voce radiofonica e inventore del "Popolo del Blues". "La scomparsa di Ernesto ha aperto un vuoto enorme nell’anima del popolo del blues, che poi siamo tutti noi - ci scrive Fabrizio Poggi.

Sulutumana

In concerto a Milano al Teatro Delfino
donna con chitarra 10/02 - Finalmente una ghiotta occasione milanese per andare a scoprire cosa bolle nel pentolone dei Sulutumana. L'appuntamento è sabato 12 febbraio al Teatro Delfino di via Dalmazia dove il gruppo si esibirà in una serata all'insegna della musica gentile che lo contraddistingue

Sanremo 2011
Rapahel Gualazzi vince tra i giovani
donna con chitarra 18/02 - Si avvicina lo Sherwood: un mese di musica, arte, concerti e tanta gente. E ce n'è davvero per tutti i gusti: dall'electro addicted al rockettaro, dalla canzone d'autore allo ska-punk. Perché è proprio questa la forza del festival: ballare, vivere, cantare insieme. 
Vinilmania
Il 12 e il 13 febbraio la 73ma edizione
28/05 - Sabato 12 e domenica 13 febbraio 2011 i 6.000 mq del centro esposizioni di Novegro ospitano ancora una volta “Vinilmania”, l’importante fiera internazionale che mette in mostra e in vendita vinili, cd e memorablia del mondo musicale. 
Giuseppe Righini
Nuovo album "In apnea"
04/01 -
A tre anni dall’esordio con Spettri Sospetti, arriva In Apnea, il nuovo album di Giuseppe Righini. Un lavoro che verrà presentato nella sua città, Rimini, con un concerto-evento al Teatro degli Atti il 6 gennaio 2011 alle ore 21. Una serata davvero speciale, che prevede anche le letture dei racconti di Giuseppe Righini, testi raccolti nel libro che accompagnerà il cd nel cofanetto in distribuzione con il nuovo anno.
HOME
Gennaio 2011
Digital Music Report 2011
Cresciuti del 6% i ricavi nel 2010

In Italia il download legale lo scorso è aumentato del 12%
Un mercato che ormai vale 4,6 miliardi di dollari

Frances Moore, Amministratore Delegato di Ifpi ha dichiarato: “molti governi si stanno rendendo conto che è fondamentale attuare dei provvedimenti che siano in grado realmente di ridurre l’impatto della pirateria. Nell’ultimo anno Francia e Sud Corea hanno promosso azioni incisive, chiedendo la collaborazione degli Isp Provider al fine di ridurre il fenomeno dell’illegalità sulle reti internet. Simili azioni sono in corso di valutazioni di Gran Bretagna, Nuova Zelanda e Malesia. Anche l’Europa sta rivedendo le proprie norme in materia di tutela del diritto d’autore e questo non può che costituire un elemento di ottimismo”

Alcune delle statistiche riportate nel rapporto: -77% è la stima delle vendite di album di esordienti nei primi 50 posti tra il 2003 e il 2010, -12% è il calo delle entrate nei primi 50 tours del 2010; -17% nel numero delle persone occupate come musicisti negli Usa tra il 1999 e il 2009. 1,2 milioni sono i posti di lavoro che si perderanno in Europa nell'industria creativa entro il 2015. Zero: è il numero dei debutto di artisti locali nelle classifiche spagnole del 2010

20/01 - E’ stato presentato questa mattina a Londra da Ifpi - International Federation of Music Phonographic Industry - il nuovo Digital Music Report 2011 che evidenzia una forte crescita e la scelta da parte dei consumatori nell’utilizzo tra le ormai più di 400 piattaforme che a livello mondiale permettono di fruire ed acquistare musica attraverso il web.

I ricavi derivanti dalla musica digitale sono stati nel 2010 pari a 4,6 miliardi di dollari, con una crescita del 6% a livello mondiale. Sono ormai oltre 13 milioni le tracce disponibili a livello mondiale negli store digitali il che ha permesso, nel giro di 6 anni, un incremento del 1000% dei ricavi derivanti dalla musica online. La crescita del mercato della musica digitale ha visto coinvolta anche l’Italia dove, nell’ultimo anno, i download sono stati oltre 12 milioni con un incremento del 12% rispetto all’anno precedente.


Il documento Ifpi mette poi anche in risalto come la lotta alla pirateria e lo sviluppo di nuovi modelli di business, uniti alla cooperazione con gli Isp Provider e alla crescita costante dello streaming, audio e video, siano elementi fondamentali per un continuo sviluppo di un mercato che ancora non riesce completamente a coprire le perdite relative al mercato tradizionale.

Tra i singoli artisti le migliori vendite digitali appartengono a Kesha con "Tik tok" con 12,8 milioni di pezzi, seguita da Lady Gaga con "Bad Romance", Eminen featuring Rihanna con "Love the way you lie". ancora Lady Gaga feauturing Beyoncé con "Telephone" e al quinto posto Usher feuturing Will.i.a.am con "Omg".

26/01 Bielle in radio
Arrivano gli Sprassolati
"Era da un po’ di tempo che volevamo confrontarci con qualcuno che fosse addentro alle faccende della canzone d’autore, un timoniere che ci guidasse nel mare tempestoso dei nuovi tempi, forieri di segnali contrastanti, e chi meglio di Giorgio Maimone, delle gloriose ed invitte “Brigate Lolli”? Così scrivono Andrea Caponeri e GianMarco Fusari sul loro blog Arrivano gli sprassolati introducendo il link dove ascoltare l'intervista realizzata con Giorgio,
20/01 Chelsea Hotel

In vendita lo storico hotel di Cohen e altri
Rifugio per artisti, un simbolo dei Boehemien di New York dagli anni ‘50 ai ‘70, il mitico Chelsea Hotel, in vendita da quattro mesi, non ha ancora trovato un acquirente. Aperto fin dal 1884, l’edificio di 11 piani dalla facciata in mattoni rossi in stile Queen Anne che si illumina al calar della sera, l'insegna al neon "Chelsea Hotel", la grande scala in legno, i balconi in ferro battuto, mantiene intatto il suo fascino

15/01 Mei

Paolo Benvegnù
Top Indies 2010

donna con chitarra Terminate le votazioni dello speciale concorso lanciato dal MEI che ha eletto il "Miglior brano indipendente del 2010"."Solo io e il mio amore" di Paolo Benvegnù. Ecco la miglior canzone indipendente italiana del 2010 secondo le vostre votazioni. Subito dopo la sorprendente Debora Petrina con "I fuochi d'artificio" e i Fonokit con "Chi sono io".


19/01 Banditaliana
"Madeperla", arriva il nuovo album
Madreperla è una nuova tappa del viaggio che Banditaliana ha iniziato 18 anni fa e contiene un mix di canzoni e brani strumentali nei quali è stata approfondita la collaborazione anche a livello compositivo attraverso una scrittura collettiva che mette ancor meglio a frutto la ricchezza di ispirazioni e riferimenti di tutti i suoi componenti.
17/01 Più vendutii
E' il Ligabue al primo posto nel 2010
donna con chitarraSono usciti oggi i dati ufficiali certificati dalla Fimi, la Federazione industria musicale italiana e raccolti dalla Nielsen. Sono Ligabue e Shakira i dominatori delle classifiche di vendita del 2010, rispettivamente negli album con “Arrivederci Mostro” e nei singoli più scaricati dal web con “Waka Waka”. Negli album domina la musica italiana con nove artisti su dieci. Dopo Ligabue, la classifica vede Emma, Antonacci, Carone, Amoroso, Zucchero, Negramaro. .
04/01 Cristina Donà
"Torno a casa a piedi" esce il 25 gennaio
-
Il 25 gennaio esce il nuovo album “Torno A Casa A Piedi”. 10 brani inediti firmati da Cristina Donà e Saverio Lanza. In radio arriva intanto il nuovo singolo “Miracoli”. E’ l’ottavo album in studio di Cristina, il primo dopo “Piccola faccia” del 2008
HOME