Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
BiELLE LIBRI
Enzo Gentile: "Legata a un granello di sabbia"
di Giorgio Maimone

Libretto gentile (appunto, di Enzo Gentile) e perfettamente intonato alla stagione. E come una canzone del "Disco per l'estate", costruito in modo da non turbare o conturbare. Semmai affascinare con il filo lieve dei ricordi che si dipana a costruire trame che sono molto più nell'immaginario di chi legge che nelle righe e nelle parole scelte da chi scrive. Ma certamente nelle intenzioni di Gentile c'era questa voglia leggera, che ogni tanto tutti ci prende, di fare una cavalcata sul filo dell'onda, tra gli spruzzi salati di salsedine e la sabbia arsa dei ricordi, per rispolverare motivetti e canzoncine (o canzonette e motivini?) che davano un tempo, un senso e una colonna sonora alle nostre estati anni '60 sulle riviere di entrambe i mari.

Chiaramente il libro è d'epoca (anche se getta propaggini fin oltre il duemila) e si rivolge agli ascoltatori dell'epoca che però hanno figliato, come pure hanno "figliato" quei motivetti, riscoperti vent'anni dopo grazie al lavoro interessante e furbo di Ivan Cattaneo che con "Italian Graffiati" e il successivo "Bandiera gialla" ha tolto la polvere a un buon numero di canzonette, dando la stura, più o meno inconsapevole al fenomeno del revival.

Fenomeno che si è poi arricchito di tanti, tantissimi episodi: che Gentile ricorda tutti. Da Gianni Minà a "Blitz", innamorato tenace di quel periodo, a Red Ronnie e a "Una rotonda sul mare", fino ad arrivare ai realitry show attuali che ancora danno spazio e visibilità a persoanggi scomparsi da anni o da anni caduti in una sorta di "dimenticatoio attivo" da cui possono essere estratti a uso e consumo di un singolo momento.

Dicevo che il tema è di per sé sfizioso e Gentile lo tratta con padronanza e con la necessaria levità. interpellando anche molti protagonisti d'epoca: da Ricky Gianco, a Gino Paoli, a Edoardo Vianello, a Caterina Caselli, a Shel dei Rokes, a Mino Reitano, a Renzo Arbore per una serie di brevi interventi, quasi flash di memoria su una canzone o un periodo, più di rado su una carriera.

Quasi struggente, a questo riguardo, l'intervento di Edoardo Vianello che, mentre valuta positivamente il suo lavoro ("ho seguito l'indole più che una strategia", "che le mie canzoni non fossero cretinate, l'ho sempre creduto") rivela però come egli stesso fosse sopportato a fatica anche dalla propria casa discografica che guadagnava a raffica con i suoi motivetti ("Abbronzatissima", "I Watussi", "Il Peperone") ma un po' se ne vergognava. Molto più lustro dava essere la casa discografica di Endrigo o Paoli o Tenco. "Nanni Ricordi mi accettava - dice Vianello - ma la stima come artista è un'altra cosa". Conclude Vianello riconoscendo che i suoi brani sono diventati dei veri e propri standard "ma io sono un artista datato, fuori sintonia; se anche la indovinassi non andrei da nessuna parte" e poco prima afferma "poi è arrivato il '68 e il capitolo, per uno come me, si chiude senza discussione ... Io perdo il contatto e forse non ho più niente da dire". Lucidità di analisi impressionante che poco oltre gli fa dire: "non sono mai stato un personaggio televisivo. La mia faccia, il mio nome spesso non dicevano nulla. Mentre il ritornello delle canzoni spiegava tutto". Chapeau a Vianello!

Il libro parte con un'analisi sulle principali manifestazioni dell'estate, un po' di sociologia di massa sparsa tra le pagine, poi le interviste ai protagonisti, un po' di copertine d'epoca (a colori!) e una summa ragionata dei principali motivi per l'estate. Da cui, bisogna dire, ne mancano veramente pochi, però alcune inclusioni sembvrano in parte pretestuose: "Dio è morto" sarà anche stata venduta d'estate, ma con l'estate non c'entrava nulla. Se è solo per quello anche "Il pescatore" di De André è stato un successo estivo, ma nessuno lo metterebbe assieme al "Peperone" o "Vamos a la playa"!

Unica piccola critica a un libro di grande facilità di lettura è la fretta che a tratti si percepisce, soprattutto nel passaggio tra un capitolo e l'altro. D'altra parte un libro simile mica poteva uscire a settembre? Non avrebbe battuto chiodo. Con un po' di calma in più si sarebbe potuta evitare qualche ripetizione e qualche secca nel racconto e l'analisi delle singole canzoni avrebbe potuto essere approfondita meglio. Ma sono dettagli. Questioni di margine. Quasi come le canzoni che parlano di mare e di spiaggia.


Enzo Gentile
"Legata a un granello di sabbia
"
Editrice Melampo - Pag 169 - Euro 10,00
Finito di stampare nel maggio 2005
Nelle librerie

Ultimo aggiornamento l'08-06-2005

HOME