Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 















Piero Ciampi - Testi

Ha tutte le carte in regola

Ha tutte le carte in regola
per essere un artista
ha un carattere melanconico
beve come un irlandese
se incontra un disperato
non chiede spiegazioni
divide la sua cena
con pittori ciechi, musicisti sordi,
giocatori sfortunati, scrittori monchi

Ha tutte le carte in regola
per essere un artista
non gli fa paura niente
tanto meno un prepotente
preferisce stare solo
anche se gli costa caro
non fa alcuna differenza
tra un anno ed una notte
tra un bacio ed un addio

Questo e' un miserere
senza lacrime
questo e' il miserere
di chi non ha
piu'
illusioni

Ha tutte le carte in regola
per essere un artista
detesta lavorare
intorno a un parassita
vive male la sua vita
ma lo fa con grande amore
ha amato tanto due donne
erano belle, bionde, alte, snelle
ma per lui non esistono piu'

E perche' e' solo un artista
che l'hanno preso per un egoista
la vita e' una cosa che prende, porta e spedisce

Te lo faccio vedere chi sono io

Una regina come te in questa casa
ma che succede, ma siamo tutti pazzi?
Ma io adesso sai che cosa faccio
che ore sono? le undici...
io fra, guarda, fra cinque ore sono qua
e c'hai una casa con quattordici stanze
te lo faccio vedere chi sono io

E che sono quei cenci che hai addosso, macch'e'?
ma fammi capire, ma senti, ma io, ma come, tu sei, sei la mia
e stiamo in questa stamberga coi cenci addosso?
Ma io adesso esco e sai che cosa faccio?
Ma io ti porto una pelliccia di leone
con l'innesto di una tigre
te lo faccio vedere chi sono io

Senti, intanto pero' c'e' un problema,
siccome devo uscire mi puoi dare mille lire per il tassi'
di modo che arrivo piu' in fretta a risolvere
questo problema volgare che abbiamo
te lo faccio vedere chi sono io, lascia fare a me,
lascia fare a me, lascia fare a me, perche'
ti devi fidare

Ma che cosa ti avevo detto, una casa?
Ma io sai che cosa faccio? Ma io ti compro un sottomarino
perche' se qui davanti a casa nostra quelli c'hanno la barca
e rompono le scatole, io ti compro un sottomarino
cosi' sai, li fai ridere tutti questi, hai capito?

Intanto facciamo una cosa, io fra cinque ore sono qua
tu metti la pentola sul fuoco
ci facciamo un bel piatto di spaghetti al burro
mentre aspettiamo il trasloco
poi ci ficchiamo a letto e te lo faccio vedere chi sono io,
ti sganghero, te lo faccio vedere chi sono io

Te lo faccio vedere chi sono io,
sono un uomo asociale ma sono un uomo che ti...
io non ti compro il sottomarino, io ti compro un transatlantico,
basta che tu non scappi, stai attenta che
se scappi col transatlantico
ti affogo nell'Oceano Pacifico
dai dai fuori, dai vai che ti sganghero,
te lo faccio vedere chi sono io, va'

Livorno

Un pianto che si scioglie
la statua nella piazza
la vita che si sceglie
e' il sogno di una pazza
la sera e' gia' calata
comincio a camminare
sperando di incontrare
qualcuna come te

triste triste, troppo triste
e' questa sera
questa sera, lunga sera
ho trovato una nave che salpava
ed ho chiesto dove andava
nel porto delle illusioni
mi disse quel capitano
terra terra, forse cerco una chimera
questa sera, eterna sera

Ho trovato una nave che salpava
ed ho chiesto, dove andava
nel porto delle illusioni
mi disse quel capitano
terra terra, forse cerco una chimera
questa sera, eterna sera

L'amore e' tutto qui

Se sono solo come mai
non ho una lira e tu lo sai
perdono
sono uno strano uomo che
puo' frequentare solo te
abbracciami
non sono morto e tu lo sai
se ti procuro tanti guai
perdonami
il dolce non lo mangi mai
ma qualche volta ti rifai
abbracciami
tutte le cose che non hai
accanto a me le troverai
nel mondo dell'illusione
tu vai sicura, vai cosi'
perche' io sono sempre qui
qui

Tu no

Tu no, tu no
tu no, tu non puoi andare
tu non devi andare via
tu no, amore no
anche se ti ho fatto male
anche se ti ho esasperata
tu no, tu no, tu no
sono a tua disposizione
per la vita e per il cuore
tu no, tu no

Tu no, amore no
ti ricordi via Macrobio
qualche volta eri felice
tu no, tu no, tu no
sedevamo nel giardino e ascoltavi con amore
tu no, amore no
tu che sai tutto di me
tu che hai la mia fiducia
tu no, amore no
tu no

Tu no, tu no, tu no
si' lo so che non ho niente
si' lo so che ti ho delusa
ma tu, amore tu
hai amto i miei silenzi
hai capito i miei discorsi
tu no, tu no, tu no
e milioni di rinunce
che ti ho fatto sopportare
le ho pagate care

Tu no, amore no
e' difficile capirsi
e' difficile aiutarsi
lo so, e' colpa mia
io non ho mai fatto niente per condurre la tua vita
ma tu devi sapere
io non so piu' come fare
non capisco questa vita
tu no, amore no
tu no

Tu no, aspetta no
se non so farti felice
anche se continuo a bere
tu no, amore no
tu mi devi star vicina
perche' ormai sono fuori
tu no, amore no
qualche cosa te l'ho data
se mi guardi con quegli occhi
tu no, tu no
tu no

Andare camminare lavorare

Andare camminare lavorare
andare a spada tratta,
banda di timidi, d'incoscienti, di indebitati, di disperati
niente scoramenti, andiamo, andiamo a lavorare
andare camminare lavorare
il vino contro il petrolio,
grande vittoria, grande vittoria, grandissima vittoria
andare camminare lavorare

Il Meridione rugge
il Nord non ha salite
niente paura, di qua c'e' la discesa
andare camminare lavorare
rapide fughe, rapide fughe, rapide fughe

(coro)
Andare camminare lavorare
i prepotenti tutti chiusi a chiave
i cani con i cani nei canili
le rose su i balconi
i gatti nei cortili
andare camminare lavorare
andare camminare lavorare
dai, lavorare
(fine coro)

E che cos'e' questo fuoco?
Pompieri, pompieri, voi che siete seri, puntuali
spegnete questi incendi,
nei conventi, nelle anime, nelle banche
andare camminare lavorare
queste cassaforti che infernale invenzione
viva la ricchezza mobile
andare camminare lavorare
andare camminare lavorare
lavorare lavorare

(coro)
Andare camminare lavorare
il passato nel cassetto chiuso a chiave
il futuro al totocalcio per sperare
il presente per amare, non e' il caso di scappare
andare camminare lavorare
andare camminare lavorare
dai, lavorare
(fine coro)

Nutriamo il lavoro, ale'
gli agnelli a pascolare con le capre
fra i nitriti dei cavalli
questi rumorosi
vigilati tutti
da truppe di pastori,
andare camminare lavorare, niente paura
azzurri, azzurri, attaccare, attaccare
attaccatevi a calci nel sedere, attaccare
la domenica tutti sul Pordoi a pedalare
lavorare, pedalare, lavorare
con i contanti, nell'osteria con i contanti
con tanti, tanti, tanti, tanti auguri agli sposi
andare camminare lavorare

La penisola in automobile
tutti in automobile al matrimonio, ale'
la penisola al volante
questa bella penisola
e' diventata un volante
andare camminare lavorare

Io e te, Maria

Vado in giro nella notte
facendo soliloqui
talvolta sotto un ponte
scrivo una poesia

(coro)
Maria, Maria, Maria, Maria
Maria
(fine coro)

Maria
e fischio melodie
che un vecchio musicista
ascolta con pazienza
e poi non va piu' via

(coro)
Maria, Maria, Maria, Maria
Maria
(fine coro)

Maria
Gesu', Gesu',
quanto amore
Gesu', Gesu'
quanto bene
Gesu', Gesu'
l'amore e' andato
Gesu', Gesu'
io sono uno sbandato
senza lei

Sono vestito non so come
i pantaloni alla rovescia
la gamba destra non funziona
chi mi incontra scappa via

(coro)
Maria, Maria, Maria, Maria
Maria
(fine coro)

Maria
vado a letto col maglione
e non m'importa piu' di niente
se la mia testa non funziona
e perche' sei andata via

(coro)
Maria, Maria, Maria, Maria
Maria
(fine coro)

Maria
Gesu', Gesu'
quanto amore
Gesu', Gesu'
quanto bene
Gesu', Gesu'
io sono un fortunato
ad avere una persona
come te

Gesu', Gesu'
quanto amore
Gesu', Gesu'
quanto bene
Gesu', Gesu'
l'amore e' ritornato
l'amore e' ancora qui
vicino a me

Bambino mio

Piano piano
per la strada
tu mi tieni
per la mano
caro caro
nel giardino
tu mi vieni
piu' vicino
forte forte
con amore
tu ti stringi
sul mio cuore
senti senti
vuoi tornare
da quell'uomo
dei palloni
piano piano
dici si'
poi finisce
tutto qui
lento lento
passa il tempo
non so proprio
cosa fare
tu capisci
e vai a giocare
col bambino
piu' vicino
quando vedi
che ti guardo
tu fai finta
di volare
fai due passi
tocchi terra
per il mio
compiacimento
io ti guardo
faccio si'
poi finisce
tutto qui
piano piano
viene sera
tu mi tieni
per la mano
senza dire
una parola
noi sappiamo
ritornare
forte forte
con amore
tu ti stringi
sul mio cuore
senti senti
mi fai tu
c'e' la mamma
vieni su
torna presto
faccio si'
poi finisce
tutto qui


Il merlo

Merlo mi canti qualcosa
tristezza fra noi
sono disteso sul letto
e qualcosa non va
tu merlo cantami una canzone
da portare all'editore
perche' sono senza una lira

Merlo ripetila ancora
e' bella lo sai
ripeti lento che vado al piano a suonare
sono contento di non aver dato
alcun seguito a quel peccato
di volerti un giorno mangiare

Io sono felice per questa collaborazione
corro a fissare la sala per un'incisione
beviamo insieme un po' di champagne
il mio cuore mi dice che va
i problemi finiscono qua

Ma che buffa che sei

Sei come un purosangue
che non ha mai perso una corsa
sei tu
che vieni avanti
sei rara come una sorpresa
ma che buffa che sei
ma che buffa che sei
il denaro per te
e' un giornale di ieri
ma che buffa che sei
ma che buffa che sei
ogni cosa che fai
ha troppi strani motivi
tranne una e la sai
l'amore, ma che amore che sei
ma che cara che sei
qunado dici son due
le anime mie
quel pugno che ti detti
e' un gesto che non mi perdono
ma il naso
ora e' diverso
l'ho fatto io e non Dio
ma che amore che sei
ma che cara che sei
quei ragazzi laggiu'
sembrano noi

L'incontro

Domani
la mia camicia sara' pulita
le mie pupille bianche
il mio passo fermo
e calzoni stirati
e scarpe lucide
e la mano non deve tremare
costi quel che costi

Non ti potro' baciare
perche'
anche tra noi due
l'attesa e' sacra
e la diffidenza necessaria
adesso incominciero'
a prenderti la mano
poi non sapro'
come continuare

Faro' di tutto
perche' tu non capisca
l'indifferenza
che in questo mondo ci perseguita
stanotte
allenero' le mie labbra sorridere
e dovro' quindi pensare
a lavarmi fino alla morte
i denti
vorrei piacerti come un tempo
ma la mia pelle e' stanca
e non posso nascondere il mio volto
dovresti essere forte e dirmi
lasciandomi alla mia vita di sempre
che ormai, per te
sono un estraneo
e che ha ragione la gente
quando dice che merito la solitudine
ma guarda tu che cosa ti dico
sarebbe molto meglio per te
che te ne andassi
prima di incontrarmi

In un palazzo di giustizia
Siamo seduti in una stanza
di un palazzo di giustizia
ci guardiamo di sfuggita
io ti sparo tu mi spari
io ti sparo tu mi spari
tu ti alzi all'improvviso
non sei piu' quella di prima
un usciere indisponente
ti sospinge tra la gente
ti sospinge tra la gente
ti sospinge tra la gente
tu mi provochi di nuovo
tu mi guardi spaventata
mi coinvolgi un'altra volta
la tua astuzia e' misteriosa
forse tu non ne sai niente
forse tu non ne sai niente
forse tu non ne sai niente
ho chiamato una carrozza
che si porti via il passato
sei salita con rancore
uno sguardo e tu sei scesa
uno sguardo e tu sei scesa
dopo un attimo sei scesa
qui ci prende la paura
ci sembrava tutto strano
e' tra ben diverse mura
che cercavi la mia mano
che cercavi la mia mano
che cercavo la tua mano
siamo seduti in una stanza
di un palazzo di giustizia
tu sei pazza vuoi spiegare
una vita con due frasi

L'assenza e' un assedio

Una vita
a precipizio
l'esistenza
senza un senso
e' la discesa
niente ritorno
poi la salita
viene crudele
con un miraggio
mentre il giorno
tramontando
lascia un solco

Le parole
giocano strane
e il tramonto
guarda in silenzio
esperienza
forse e' in mano
di altri
poi la memoria
nascondendo il presente
diventa ladra

Passeggiate
tra milioni di sguardi
tutti folli
la domenica stanchi
e il riposo
rimandato
ad un domani
nell'estate
e' bello un ballo
tutti soli

Nella notte
la tentazione
di sedersi
per non piu' rialzarsi
ma poi per caso
da una sottile fessura
si ripropone
con due occhi tristi
un problema
eterno amore

Amore
valutavamo
va la vita va, amore
va cosi' la vita, amore
va la vita, va

Adius

Il tuo viso
esiste fresco
mentre una sera
scende dolce sul porto
tu, mi manchi molto
ogni ora di piu'
la tua assenza
e' un assedio
ma ti chiedo
una tregua
prima
dell'attacco finale
perche' un cuore giace inerte
rossastro sulla strada
e un gatto se lo mangia
tra gente indifferente
ma non sono io
sono gli altri
e cosi'
vuoi stare vicina
no?!

Ma vaffanculo
ma vaffanculo
sono quarant'anni che ti voglio dire "ma vaffanculo"
ma vaffanculo
te e tutti i tuoi cari, ma vaffanculo
ma come
ma sono secoli che ti amo
cinquemila anni
e tu mi dici di no
ma vaffanculo
sai che cosa ti dico
vaf-fan-cu-lo
te, gli intellettuali e i pirati vaffanculo

Vaffanculo
non ho altro da dirti
sai che bel vaffanculo che ti porti nella tomba,
perche' io sono bello, sono bellissimo, e dove vai?
ma vaffanculo
e non ridere
non conosci l'educazione, eh?
Portami una sedia e vattene

Hai lasciato a casa il tuo sorriso

Hai lasciato a casa il tuo sorriso
forse sopra un libro
o nel vetro del tuo specchio
hai lasciato a casa
quasi tutto del tuo viso
senza una parola
stringi la mia mano stasera
tu hai lasciato a casa il tuo sorriso
forse in fondo a un quadro
o tra i fiori del giardino
mentre ci lasciamo
sento ormai che son perdute
quelle cose tanto piccole
quelle frasi cosi' semplici
che chiedevano soltanto
il tuo sorriso

Quelle cose tanto piccole
quelle frasi cosi' semplici
che chiedevano soltanto
il tuo sorriso

Fino all'ultimo minuto

Fino all'ultimo minuto
ti ho tenuta accanto a me
fino all'ultimo minuto
non volevo dirti addio
ma
non ci sei mai quando piangono i miei occhi
nelle sere senza fine non ci sei
fino all'ultimo minuto
ho sperato che laggiu'
fino all'ultimo minuto
sarei stato insieme a te
ma
tu non ascolti quelle voci senza suono
che si cercano sul mare
e han bisogno di qualcuno
fino all'ultimo minuto

Ma
tu non ascolti quelle voci senza suono
che si cercano sul mare
e han bisogno di qualcuno
fino all'ultimo minuto

Fra cent'anni

Gira la ruota
e la fune del tempo
ci fa far l'altalena
e un bel giorno si spezza

Fra cent'anni
sotto il cielo
qualcuno baciera'
due occhi come i tuoi per me
fra cent'anni
la' nel cielo
il mare finira'
il sole morira' in mezzo ai fiori
quel giorno tutti piangeranno
laggiu' sul grande lago
dove le nostre illusioni
saranno cose perdute
ma stasera
vieni amore andiam a passeggiar
tra ulivi e oscurita' senza pensar

Quel giorno tutti piangeranno
laggiu' sul grande lago
dove le nostre illusioni
saranno cose perdute
ma stasera
vieni amore andiam a passeggiar
tra ulivi e oscurita' senza pensar

Non so piu' niente

Non so piu' niente
della tua vita
non so neppure
se mi vuoi bene
se io ti manco
se vivi sola
se hai la pace
non so piu' niente
e questa vita che continua
amara senza di te
continua sempre
questa esistenza
continua anche
senza di te
senza di te

E questa vita che continua
amara senza di te
continua sempre
questa esistenza
questo deserto
pieno di voci

Il tuo ricordo

Il tuo ricordo
e' una strada
piena di luce
una comet luminosa
mi segue sempre
ovunque vada
sempre
ora che non ci sei piu'
credo ancora
di averti vicina
e torno ogni sera
dove tu
stringevi la mia mano
e il tuo viso
e' una sera
piena di ombre
in ricordo dei tuoi passi
mi segue sempre
ovunque vada
sempre
ora che non ci sei piu'
io desidero
silenzi infiniti silenzi
infiniti deserti
usignoli tutti bianchi
e pensieri sereni
su una strada
piena di luce
che non ha mai fine

E il tuo viso
e' una sera
piena di ombre
e il ricordo dei tuoi passi
mi segue sempre
ovunque vada
sempre
ora che non ci sei piu'
io desidero
silenzi infiniti silenzi
infiniti deserti
usignoli tutti bianchi
e pensieri sereni
su una strada
piena di luce
che non ha mai fine

Quando il giorno tornera'

E una nave
lontana passera'
vicino a quelle cose
che abbiamo sempre sognato
e che mai abbiamo avuto

Quando il giorno tornera'
noi saremo ancora qui
ed un sogno fiorira'
sulla spiaggia accanto a te
e due ombre dietro a noi
quando il giorno tornera'
si diranno il loro amore
come te come me
e nel nostro mattino
noi pensiamo ad un'altra sera
e siamo cosi' commossi
che non sappiamo piu' parlar
poi la sera scendera'
torneremo ancora qui
sulla spiaggia ad aspettar
una lunga notte tutta per noi

E nel nostro mattino
noi pensiamo a un'altra sera
e siamo cosi' commossi
che non sappiamo piu' parlar
poi la sera scendera'
torneremo ancora qui
sulla spiaggia ad aspettar
una lunga notte tutta per noi

Qualcuno tornera'

Qualcuno tornera'
per sentire la tua voce
devo dirti che la vita
e' un gioco in mezzo ai prati
che il tempo non ha fine
se vivi per qualcuno
qualcuno tornera'
per amarti tutti i giorni

Il tempo non ha fine
se vivi per qualcuno
qualcuno tornera'
per amarti tutti i giorni

Lungo treno del sud

Lungo treno del sud
che a mezzogiorno passi accanto al mio campo
distruggendo il silenzio
lungo treno del sud
dove hai portato
quella dolce fanciulla
che tanto amai
ti prego quando tu la vedrai
dille che l'aspetto quaggiu'
lungo treno del sud
al tuo passare sento i fiori e il mare
dire al mio cuore
piangi chi mai piu' rivedrai

Ti prego
quando tu la vedrai
dille che l'aspetto quaggiu'
lungo treno del sud
al tuo passare
sento i fiori e il mare
dire al mio cuor
piangi chi mai piu' rivedrai

La polvere si alza

La polvere si alza
nasconde la tua ombra
e chiude i miei ricordi
in fondo a questa strada
col viso tra le mani
come una volta
sono solo con la pioggia
che bagna le mie lacrime
la polvere si alza
nasconde queste pietre
e copre la mia voce
che non ha piu' parole
ora so che si puo'
continuare senza sapere
dove andare, cosi'
per sempre senza di te
abbracciato col silenzio

La polvere si alza
nasconde queste pietre
e copre la mia voce
che non ha piu' parole
ora so che si puo'
continuare senza sapere
dove andare, cosi'
per sempre senza di te
abbracciato col silenzio

Non chiedermi piu'

Non chiedermi piu'
chi di noi due ha ragione
ma pensa a quel tempo
che abbiamo vissuto insieme
pensa alla pazienza
che ho dovuto avere
sono anni che parli
con quella tua testa
piena d'incomprensione
sono anni che taccio
e non dico niente
per non farti del male
forse era il destino
ed e' finita cosi'

Sono anni che guardi
con quegli occhi grigi
e non ti dico niente
sono anni che sento
che penso che piango
e non ti dico niente
forse era il destino
ed e' finita cosi'

Confesso

Io confesso
che non ho fatto la guerra
ed ho parlato alla gente
come se fossi un eroe
confesso
ho parlato per anni
perche' qualcuno capisse
quello che sento
stasera ti confesso
che sono entrato in un porto
ed ho cercato una nave
che mi portasse lontano
non voglio piu' vedere le cose
che mi hanno fatto sentire
questo silenzio
e sappi che per me passera'
la vita cosi' ad aspettare
stasera ti confesso
non ci capisco piu' niente
io voglio solo dormire
per non vedere nessuno
e' tardi per pensare all'amore
e per andare sui monti
a parlare col sole di noi due
e per svegliarsi al mattino
con la pace nel cuore
Autunno a Milano

Il Duomo e via Manzoni
si coprono di grigio
e dolci innamorati laggiu'
si stringono le mani
e cercano nella nebbia
un posto solitario per dir
il sole il mar la luna i fior
li trovo negli occhi tuoi
restiamo qui ancora un po'
e presto per ritornar
e sulle strade grigie
non restano che i passi
che son dolci promesse d'amor

Il sole il mar la luna i fior
li trovo negli occhi tuoi
restiamo qui ancora un po'
e presto per ritornar
e sulle strade grigie
non restano che i passi
che son dolci promesse d'amor

Piero litaliano

"ho scritto queste dodici canzoni
per una donna
che ho amato e che ho perduto.
questi dodici ricordi
sono la bastiglia del mio cuore.
per la mia donna
ho fatto cose ben piu' grandi
di queste canzoni.
ma quelle cose sono ormai perdute.
ora
restano soltanto dodici canzoni"

HOME