Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


Scarica le canzoni per la pace















Tancaruja

Tancaruja nasce da un'idea di Pino Martini, che vive fra Milano e Seneghe e che, nonostante la sua poliedrica attività artistica, ha sempre continuato ad occuparsi dello studio della musica e della poesia della sua terra.
Musica sarda, dunque, di proposta e non di sola riproposta, arricchita di nuovi contenuti: quelli del villaggio globale. Una musica priva di stereotipi e ricca di contaminazioni e di influenze in cui tradizione e nuovo si mescolano e si fondono. Una musica di confine, in equilibrio tra il rigore estetico della tradizione e la libertà dell’innovazione.
Il gruppo è composto da otto elementi che danno vita ad un diario di viaggio musicale dal volto mutevole e fascinoso, dove poesia dei tenores, ninnenanne logudoresi, antiche serenate, ballate e muttos si sposano con fremiti elettrici, danze senegalesi e crescendo world.
Attualmente collaborano al progetto Tancaruja: Pino Martini Obinu (chitarra, basso, mandola, trunfa, voce); Valeria Martini (voce); Giorgia Loi (voce); Antonio Neglia (chitarra classica, bandurria, mandola, bouzouki,flauto, voce); Gabriele Martini (basso, trunfa, voce); Claudio Corona (fisarmonica, tastiere); Cristiano Martini (batteria, percussioni); Sandro De Bellis (percussioni).
Per la realizzazione del CD In terra e in chelu, Tancaruja si è inoltre avvalso di collaborazioni importanti quali Beppe Dettori (voce), Uccio Soro (chitarra e voce), Paolo Zannin (batteria), nonché l'originale firma arrangiativa di Paolo Erre. Bellissima voce del gruppo è stata Elena Nulchis

 

Abba muda

Musica di Pino Martini,
testi di Michele Pio Ledda


In su mare meu ses nae
In sas undas mias bae
Bentu e alenu intra a mie dae
Neula in sos ojos mios
Deo mi sorvo in milli utios
Intra e bessi intr'a mie dae
Donzi utiu est unu riu
Donzi riu est una camba e mare
Abbamuda

Laras mias che fogu sue
Torram'a su chelu nue
Intra e bessi intra a mie ae

Donzi alenu est unu donu
Donzi donu est una camba e mare

Abbamuda

Donzi asu est unu donu
Donzi donu est una camba e mare
Soe abba

Abbamuda

(Traduzione letterale)

Nel mare mio sei nave
Nelle mie onde vai
Vento e respiro dentro me
Nebbia nei miei occhi
Io sciolgo in mille gocce
Entra ed esci dentro di me

Ogni goccia è un fiume
Ogni fiume è un pezzo di mare

Abbamuda

Succhia le mie labbra come il fuoco
Rendimi al cielo, nuvola
Entra ed esci dentro di me

Ogni respiro è un dono
Ogni dono è un pezzo di mare

Abbamuda

Ogni bacio è un dono
Ogni dono è un pezzo di mare
Sono acqua

Acqua senza voce



Pino Martini ha fatto ancora una volta centro. Forse, così su due piedi, il suo nome non dirà molto a qualcuno, ma la verità è che questo compositore, scrittore, bassista, arrangiatore e produttore (dimentichiamo qualcosa?) ha fatto la storia di un certo tipo di musica. D'altra parte, questo "eterno ragazzo" di Carbonia nella musica è nato e cresciuto. Suo nonno era musicista e gran suonatore di ballo sardo, così come suo padre Ugo. Dopo le prime esperienze legate alla musica della sua terra, alla quale segue un'esperienza milanese di avant-jazz con il gruppo dei Capricorno, Pino approda al rock impegnato e schierato degli Stormy Six e con il gruppo milanese costruisce il sodalizio più lungo. Poi, nel 1998, l'amore per la Sardegna e le sue tradizioni lo riporta "a casa" e nasce così il progetto Tancaruja. Oggi Pino si divide equamente tra Milano e Seneghe, anche se (a nostro modesto avviso) il suo cuore è tornato a battere il ritmo della sua terra. D'obbligo, quindi, la prima domanda: dove ti abbiamo pescato, Pino?
"In questo momento sono a Milano, dove tengo un corso di canto sardo per un'associazione che vuole studiare i nostri canti popolari".

- Come si fa a trovare un punto d'incontro tra la Sardegna e Milano?
"Mah, è sufficiente che le città abbiano maggior interesse per la campagna e viceversa. C'è sempre bisogno di un rapporto di azione e reazione, in modo che si crei una scintilla che possa innescare ricerca, innovazione, cultura".                         - segue -

Si trovano, insieme a molto altro, sul sito ufficiale dei Tancaruja.

" Aspettando Godot "

Isettande
- CNI - 2001
Produzione Pino Martini,
Rosaria Distefano



In terra e in chelu -
CNI - 1998
Produzione Pino Martini,
Salvatore Corona, Paolo Erre

I cd sono in vendita qui