Claudio Lolli e i Gang a Osimo CHIUDI
Fotografie di Andrea Muti
L
Claudio Lolli e i Gang: un ponte fra generazioni. Li accomuna la musica militante unita a un percorso artistico complesso e completo. Il “burattinaio di parole” Lolli da Aspettando Godot (1972) al recente La scoperta dell’America (2006) ha raccontato lo scontro generazionale, l’amicizia, l’ecologia, la vita e la morte, con cifra poetica e sguardo personale e introspettivo. I Gang da Le radici e le ali (1991) al loro ulimo nato, Il seme e la speranza (2006), hanno affermato la rivoluzione del rock tra storia e letteratura e riscoperto le radici della cultura popolare e contadina marchigiana. Ancora una volta insieme sul palco per ricordare che dal fuoco nasce il calore, che nel dolore si insinua la speranza, che nelle parole vive una forza speciale, che la rivolta filtrata dalla poesia e dalla tenerezza genera incontro ed emozione. Solo chitarre. Sei corde a testa, brani vecchi e nuovi rivisitati per un colloquio intimo, sorrisi aperti e pensieri grandi, il canto della poesia che si apre. Poesia e rivolta per portare a compimento un processo storico e personale di emancipazione e libertà.