Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


L'artista
Il suono
L'immagine
Archivio storico A-D / E-L
Archivio M-R / S-Z
RadioBielle
 
Le BiELLE RECENSIONI
Massimo Donno: “Partenze"
Il ritorno a casa per mano al maestro Riccardo Tesi
di Alberto Marchetti
Ascolti collegati
Magot
Riccardi Tesi
Madreperla
giua
Riccardo Tesi
Sopra i tetti di Firenze
bonaffini treni
Riccardo Tesi
Lune

Franco Giordani
Incuintretimp


Maurizio Geri

Ancora un ballo

gianfilippo boni
Fabularasa
En plein air

Crediti:

Massimo Donno voce, chitarra acustica,
chitarra classica
Riccardo Tesi organetto
Marco Rollo pianoforte, Fender Rhodes
Stefano Rielli contrabbasso
Francesco Pellizzari batteria, percussioni
Roberto Chiga percussioni
Matteo Scarpettini percussioni
Emanuele Coluccia sax alto, sax soprano,
sax tenore, tromba, clarinetto
Andrea Doremi trombone, susafono
Valerio Daniele chitarra elettrica
Giulio Bianco zampogna
Redi Hasa violoncello
Michele Marini clarinetto
Maurizio Geri chitarra acustica, chitarra battente
Vincenzo Zitello arpa
Stefano Saletti chitarra elettrica, oud
Gigi Biolcati percussioni, batteria
Carla Petrachi cori
Alessia Tondo cori
Katerina Polemi cori
Testi e Musiche di Massimo Donno

eccetto: “La salita”, “Orazione” e “Vento e Polvere”, testi di Massimo Donno, Musiche di Massimo Donno e Riccardo Tesi. Arrangiamenti di Riccardo Tesi eccetto:“La grande Abbuffata - Atto I” (Daniele Biagini/Riccardo Tesi),“Il mio matrimonio (l’Amore ai tempi del mutuo)” (Emanuele Coluccia/Riccardo Tesi) Riprese e mastering di Valerio Daniele presso Chora Studi Musicali, Monteroni (LE) eccetto: Pianoforte e Fender Rhodes registrati da Stefano Manca presso Sudestudio, Guagnano (LE) Organetto, chitarre acustiche, chitarra battente, clarinetto in “Tienimi la mano”, percussioni in “Binario”, Tablas ne “La Salita”, percussioni in “Fontane di suoni” e “La grande abbuffata - Atto I” registrati da Riccardo Tesi presso La Rolanderia di Pistoia Violoncello registrato da Francesco Pellizzari presso Studio Pellizzari di Giuggianello (LE) L’Arpa di Vincenzo Zitello è stata registrata presso Telenn Recording Studio di Milano. L’Oud e la chitarra elettrica di Stefano Saletti sono stati registrati presso gli studi Four Winds di Roma.Editing di Riccardo Tesi. Missato da Valerio Daniele e Riccardo Tesi.


Su Bielle

Sul web
Sito ufficiale
Facebook

Massimo Donno: "Partenze"
Visage Music - 2015
Reperibile ai concerti
e online

 

Tracklist

01 Vento e polvere
02

Partenze

03 Tienimi la mano
04 La grande abbuffata Atto I
05 Attimi
06 Orazione
07 Passi
08 Il mio matrimonio (L'amore ai tempi del mutuo)
09

Fontane di suoni

10 La salita
11 La grande abbuffata - Atto II
12 Binario
Massimo Donno è arrivato al secondo album solista ma i suoi percorsi musicali hanno origine lontane e tracce certe e diverse lungo tutti gli anni duemila: dal progetto iniziale limitrofo alle sue geografie salentine, nell’Allegra Brigata Bodhran; attraverso una continua rilettura del maestro De André del quale studia vita, opere e pensiero portando in scena spettacoli di teatro musica complessivi o riletture dei suoi album maggiori; con una carriera personale che vede un rapido cambio di rotta verso uno swing ironico ma già da altri abusato e l’attuale ritorno a casa con un fardello di pensieri nuovi e il maestro Tesi al fianco capace di focalizzare meglio la materia world su cui plasmare le attuali e purtroppo effimere certezze.

Vento e polvere” è apertura di valore, composizione a quattro mani ricca di smanie, meditazioni di un viaggio verso sud in un paese alla deriva, visione rovesciata come la cartina in un bar del Sudamerica descritta da Erri de Luca, dove quello che sembra da qui un recesso del pianeta diventa la vetta di tutte le terre emerse, dipende solo da quale punto guardi il mondo: “Ecco, tutto quello che trasporto ce l’ho dentro / Come un fegato, una storia od un boccone / Che non scende e gonfia di risentimento / Vivo dentro l’astrazione di un pianeta senza centro”.

Partenze” è un andare d’autore pieno di melanconiche rimembranze, tra le avvertenze di vita inadeguata da ripercorrere comunque sulle tracce di avi consapevoli. “A soli quarant’anni di distanza / La stanza di mio nonno era la mia / Io facevo la dieta, lui faceva la fame / Ed il suo cinema era la ferrovia / Signori, signori si muore davvero di malinconia / Ruggiva da un sigaro spento fingendo di distrarsi / E mia nonna in un quadro colore di seppia / Da dietro un cappello sembrava la Sastri. / Amletico fu il dubbio e chi me lo trasmise / E ciò che non mi ammazza poi non mi fa dormire


Tienimi la mano”, è lo svelamento dell’illusione, la scoperta che certe storie ce le raccontano a/variate, i ruoli sono mutevoli come per l’imprenditore di “Una poltrona per due”, e non basta un motivatore per ricostruire illusorie bugie. “Attimi” è uno sguardo laterale a chi scartato si muove a passo dispari e fuori fuoco, è un’attenzione alla distonia vitale, alla marginalità.

Orazione”, anch’essa a quattro mani, è distratta visione di salotti tv dove tuttologi porporati vagano a vanvera senza sostanza, tassativamente escluso il divino: “Parla delle donne delle tasse sulla casa / Parla di lavoro dei programmi della Nasa / Parla di bambini degli asili in Mozambico / Parla di miseria post – moderno e falso antico / Parla di diritti, di preservativi e fame / Parla di conflitti, di mercati e di puttane / Parla di ottimismo, come un vero nobiluomo / Chiude la puntata si rifugia nel suo duomo”

Bellissima “Passi” che non consente ritorni completi, perché anche il passato cambia forma, o siamo noi che diversi non leggiamo più i segni di un alfabeto quasi dimenticato:
“Dolore che si gusta come sale / Quel cencio bianco al sole di una strada / Lampioni gialli, fuoco e ciottolato, / Mi sento uno straniero dentro casa / I passi sono lenti e cadenzati / Rintoccano campane lente e sorde / La lucida stradina apre le labbra / Silente come un’arpa senza corde”

Grande pezzo anche “Il mio matrimonio”, capitolo a seguire de “Il mio compleanno” passato, perché resistere al consumo oggi è anche, semplicemente, continuare a volersi bene. Concetto ripetuto in “Fontane di suoni” dove anche i luoghi consueti acquistano maggior valore nella condivisione: “Guarda quanta nebbia che avvolge questi ulivi / Che con i rami tesi disegna volti che sembran cattivi / Le foglie secche in terra disegnano un tappeto / Che porta nei sentieri di vino di olio e aceto / È questo il nostro regno di terra sole ed aria / Ti do questa mia vita solitaria dolcissimo disegno”.

Che poi i viaggi verso nord, verso una economica tranquillità, diventano spesso viaggi di rinuncia, di sacrificio, viaggi in “Salita” di inevitabile solitudine e di incompresi bisogni, di freddi non solo interiori perché, lo sguardo ai monti, il sole resta indietro.

Chiude la bella “Binario”, ogni partenza è uno strappo che lascia tracce: “Che se la storia insegna a bocca chiusa / Dovremmo avere orecchie dentro il cuore / Ed il progresso una scusa per continuare a dormire / E l’incubo che è un sogno necessario / Nasconde più di quanto ci rivela / La mia felicità si ferma sulla linea gialla di un binario”.

L’incontro virtuoso tra Massimo e Riccardo è maturato in anni di frequentazione e la collaborazione è nata dalla stima reciproca, il risultato è un album tra i migliori dell’anno. Ci sarà una nuova partenza, e un nuovo polo verso cui proseguire un viaggio vitale che non può in alcun modo finire.


7

Ultimo aggiornamento: 24-02-2016