Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


L'artista
Il suono
L'immagine
Archivio storico A-D / E-L
Archivio M-R / S-Z
RadioBielle
 
Le BiELLE RECENSIONI
Giulia Tripoti: "Arrovesciata"
Uno sguardo rovesciato oltre le pieghe del quotidiano
di Alberto Marchetti
Ascolti collegati
Magot
Lassociazione
A strapiombo
giua
Mè Pek e Barba
La scatola magica
bonaffini treni
Gang-Priviero
Storie dell'altra Italia

I Cranchi
Volevamo uccidere il re
baustelle
Giulia Millanta
Dropping down
gianfilippo boni
Giulia Anania
Giulia Anania

Crediti:
Lucio Graziano (batteria acustica, batteria sinth e coro in "fischia il vento", "scendo in piazza", "questa valle che resiste", "acqua controcorrente", "i ribelli della montagna/partigiani", "tango dentro", "stai a dormì", "stasera escort", "questo mio amore") ; Marco Migliarino (basso, chitarra elettrica, combus saz, coro in "fischia il vento", "scendo in piazza", "questa valle che resiste", "acqua controcorrente", "i ribelli della montagna/partigiani", "tango dentro", "stai a dormì", "stasera escort", "questo mio amore", "ninna a Gaza", "la torre di Valerio"); Luca Proietti (chitarra acustica, chitarra elettrica e coro in "questa valle che resiste", "cuore-guaina", "acqua controcorrente" ninna a Gaza", "questo mio amore"); Giulia Tripoti (voce); Steven Wilson (batteria in "gli elefantini arrovesciati", "cuore-guaina", "ninna a Gaza"); Leonardo Li Vecchi (viola e violino in "gli elefantini arrovesciati", "ninna a Gaza", "stai a dormi"); Fabiano Mormile (sax tenore e soprano in "cuore-guaina", "acqua controcorrente", "stasera escort"); Giancarlo Grevi (tastiera e pianoforte in "scendo in piazza", "stai a dormì"; mixaggio e masterizzazione dell'intero disco assieme a Giulia Tripoti); Andrea Pullone (oud in "ninna a Gaza", "stai a dormì"); Giuliano Contardo (voce in "questo mio amore"); Daniele Contardo (fisarmonica in "fischia il vento", "tango dentro"); Fabrizio Tripoti (testi in "gli elefantini arrovesciati", "la torre di Valerio"); Claudio Spadola (testi in "ninna a Gaza", "tango dentro", "stai a dormì", "stasera escort"); Guido Celli (testi in "cuore-guaina"); cori per Giulia Tripoti: Marco, Migliarino, Fabrizio Tripoti, Claudio Spadola, Federico Tripoti, Lucio Graziano, Luca Proietti, Franco Urbani, Salvatore Natali, Giancarlo Grevi (cori in "questa valle che resiste", "acqua controcorrente")Lucio Villani (tutti i disegni del disco).

Ospiti: Tony Levin (basso e stick bass nelle canzoni "gli elefantini arrovesciati" e "cuore-guaina"); Markus Reuter (Touch Guitars® U8 nelle canzoni "gli elefantini arrovesciati" e "cuore-guaina"); Orhan Osman (bouzouki, cura, laouto nella canzone "scendo in piazza"). Francesco Fry Moneti (violino in "Fischia il vento").

Su Bielle

Sul web
Sito ufficiale
Facebook

Giulia Tripoti
"Arrovesciata"

Terre Sommerse - 2013
In qualche negozio di dischi
e online

Tracklist

01 Gli elefantini arrovesciati
02

Questa valle che resiste

03 Fischia il vento
04 Cuore guaina
05 Scendo in piazza
06 Acqua controcorrente
07 I ribelli della montagna/Partigiani
08

Ninna nanna a Gaza

09 Tango dentro
10 Stai a dormì
11 La torre di Valerio
12 Stasera escort
13 Questo mio amore
La prospettiva giusta per questi tempi sbandati forse è proprio quella scelta dalla cantautrice Giulia Tripoti, uno sguardo rovesciato, inusuale e scomodo, di quelli che disconoscono il già visto per evidenziare i segni nascosti, oltre le pieghe del quotidiano che proclama calma glaciale tra le comode visioni di mulini bianco sporco e fuoristrada che corrono solitari in mezzo a nature snaturate.

Sono tredici le tracce tra scorribande rock, elettronica, musica etnica e folk, di questa sua opera prima che si completa nel tempo e nello spazio mentre la romana vola da un luogo all’altro dell’impegno resistente, tra i valsusini contrari alla violenza della Tav, uomini e donne di tutte le età trasformati dai media in pericolosi terroristi, tra i siciliani anti Muos che combattono contro le prevaricanti decisioni di ciechi gestori della cosa pubblica, e tutte le altre mille lotte che tentano di difendere pezzi di paese e di libertà, mentre l’’Italia resta distratta e sopravvive ripiegata sull’emergenza dell’individuo incapace di solidarietà.

L’apertura è lasciata al ritmo sincopato di “Elefantini arrovesciati”, il manifesto dell’album, propedeutica al viaggio musicale, evidenti i contributi del bassista Tony Levin (King Crimson, Peter Gabriel, etc..) e il suo chitarrista Markus Reuter (entrambi provenienti dagli Stick Men Trio).

Segue “Questa valle che resiste” un rock dall’incedere deciso con le voci dei valligiani in azione, consapevoli di avere di fronte una macchina del malaffare potente e ormai senza opposizione, sorretti proprio dalla rabbia delusa di chi sa bene di non avere molte chance di vittoria ma comunque determinati a rendere quei lavori più lunghi e faticosi possibile.


E’ a suo nonno partigiano, che combatté proprio sulle montagne piemontesi tra Canelli, Nizza Monferrato e Agliano Terme, che Giulia dedica “Fischia il vento”, in una originale versione combat folk, con il violino dissonante del bravo Francesco Moneti dei Modena City Ramblers. Ancora il rock, contaminato, corrosivo e potente, domina “Il cuore guaina”, a descrivere l’incomunicabilità emotiva.

Scendo in piazza” è riuscita commistione di generi, rock, reggae, sperimentazione, jazz, Orhan Osman al bouzouki, con l’invito a partecipare nelle piazze alla nuova resistenza, insufficienti quelle virtuali quando bisogna assolutamente esserci e metterci la faccia.

In piazza infatti si sono vinte certe battaglie fondamentali, come quella ricorrente contro il nucleare, o per mantenere il fondamentale controllo pubblico sui beni comuni come l’acqua, tema appunto di “Acqua controcorrente”.

Ancora splendidi gli arrangiamenti de “I ribelli della montagna”, altro canto partigiano, trasportato con coraggio e ardita perizia nel terzo millennio.

A Vittorio Arrigoni e ai bambini straziati dalla guerra infinita che stringe da decenni le terre del medio oriente è dedicata la world “Ninna a Gaza”, scritta durante quell’orribile operazione dal terribile nome “Piombo fuso”.

Molto bella “Tango dentro”, storta e intrigante, ricca di bei vocalizzi e suoni moderni.

Stai a dormì” ritmica e ipnotica, con Andrea Pullone all’oud che crea attimi di sospensione dell’anima.

La torre di Valerio” arrabbiata e di grande forza, è stata scritta dal padre di Giulia dopo un attacco fascista al centro sociale “La Torre” proprio mentre si parlava di Valerio Verbano, ucciso in casa nel 1980 davanti alla madre costretta ad assistere al massacro, e morta senza avere giustizia, squallida prassi di questo paese a democrazia sospesa.

Chiudono l’album “Stasera escort” satirica e in vernacolo, e la emozionante “Questo mio amore”, di Fausto Amodei, riarrangiata e attualizzata con gusto e garbo, con la calda voce di Giuliano Contardo:

Vorrei dirtelo tutto d’un fiato
e gridartelo questo mio amore,
come grida il bambino ch’è nato,
come grida la gente che muore,
come grida chi s’è ribellato,
come grida chi chiede vendetta;
ed invece son qui senza fiato
e ti dico una cosa già detta…..
Te beata che riesci ad amarmi
alla buona, così come viene,
come quando sorridi a guardarmi
e mi mormori che mi vuoi bene.



Ultimo aggiornamento: 13-06-2013