Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 
BiELLE Libri
"La mano" di Henning Mankell


Titolo originale: "Handen"
Nazione: Svezia
Data di uscita: ottobre 2013
Genere: Giallo scandinavo
Traduttore: Laura Cangemi
Casa Editrice: Marsilio
Pagine: 157
Euro: 12,00

Booktrailer



 

Dove sta il Mankell migliore? Certo non qui
di Erica Arosio

Un racconto lungo, scritto qualche anno fa, che è anche l'unico libro di Mankell con Wallander protagonista assoluto: il commissario vorrebbe allontanarsi dal lavoro e prendersi una casa in campagna.


Ma al karma non si sfugge, visto che non fa in tempo a guardare la casa sognata che subito inciampa, letteralmente, in un cadavere: lo scheletro non è nell'armadio, ma in giardino e i morti diventano presto due, perché il commissario scopre un altro mucchio d'ossa sotto un cespuglio di ribes.

L'indagine è pacata, lineare, senza effetti speciali, anche perché i due presunti omicidi risalgono a cinquant'anni prima e il tempo tutto raffredda. Un po' di storia nordica, un po' di storia personale e un intreccio che regge. Ma il Mankell migliore non sta sicuramente in questo racconto, benché lo scrittore svedese abbia le carte in regola per meritarsi il prestigioso premio Raymond Chandler che gli verrà assegnato a dicembre al Noir di Courmayeur.


Un estratto:
"La casa di <Kark Eriksson sorgeva al centro di un giardino in abbandono. Era un vecchio casolare tipico di quella zona, in passato formato da due ali. ora una delle due mancava, bruciata o forse demolita. Era in posizione isolata, in mezzo a un grande campo aperto. In lontananza si sentiva il rumore di un trattore. La terra arata aspettava la coltre invernale.

Wallander aprì ilc ancello cigolante ed entrò. Sicuramente la ghiaia del vialetto non veniva rastrellata da molti anni. Uno stormo di conracchie gracchiava da un alto castagno che svettava davanti alla casa, forse un albero custode, di quelli che in passato si usava pianta per tradizione. Immobile, rimase in ascolto. Per poter prendere in considerazione l'idea di abitare in una casa, doveva decidere se gli piacevano i suoni che la circondavano. Se il sibilo del vento o il silenzio non gli avessero trasmesso la sensazioe giusta, tanto valeva dare deitrofront subito e andarsene.

Ma quello che senì gli infuse un senso di calma. Era la serenità dell'autunno, l'autunno della Scania che aspettava l'inverno"
.

Da leggere: Wallander è ormai un personaggio mitico e questo racconto è tutto basato su di lui e la sua malinconia leggera. C'è poco giallo. Se è quello che cercate non è qui.

Personaggi; Kurt Wallander (commissario della polizia di Ystadt); Linda (sua figlia, in polizia a sua volta); Martinsson (collega di Wallander); Stina Hurlèn (medico legale); Nyborg (il capo della scientifica).


 

Sul web  

Ultimo aggiornamento: 05-11-2013
HOME