Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


L'artista
Il suono
L'immagine
Archivio storico A-D / E-L
Archivio M-R / S-Z
RadioBielle
 
Le BiELLE RECENSIONI
Gli Ex: "Primavera, autunno, inverno"
Quando il vento solleva la sabbia del mare
di Giorgio Maimone
Ascolti collegati
Gli Ex
Canzoni della penombra

Caffè Sport Orchestra
Il Chihuahua storico non ha senso senza te

Domenico Fiumanò Violi
Il biciclettista

Caffè Sport Orchestra
E pensare che sono venuto ...

Piccola Orchestra Karasciò
Made in Italy

Yo Yo Mundi
Alla bellezza dei margini

Crediti:
Alessandro Casetti (voce e chitarra acustica), Massimiliano Amadori (chitarra elettrica), Valerio Corzani (basso semiacustico), Alessandro Ciuffo Ciuffetti (batteria e cianfrusaglie.

Ospiti: Erica Scherl (violino in Primavera, autunno, inverno e Vedo non vedo Dopodomai, viella ne L'olandese volante e Io vado a sud); Marco Salvucci (voce finale ne L'olandese volante); Nicola BRandi (chitarra acustica in Dopodomai); Mocambo (zucca ad acqua in Io vado aè sud, cembalo in Vedo non vedo e Rotaie Hardcore, cavo microfonico nel Il primo morso); Fabio Paglierani (zucca ad acqua ne L'olandese volante).

Testi Valerio Corzani; Musiche e arrangiamenti Massimiliano Amadori
Produzione artistica: Massimiliano Amadori
Produzione esecutiva: Gli Ex - Massimo Roccaforte (Interno4 records)
Registrato a Teatro Petrella Longiano, Vigna dellaLombardesca di S. PIetro in Bagno, House of Glam Studio di S.Agata Feltria (Fc)

Tecnico del suono: Alessandro Ciuffo Ciuffetti
Missato a: The house of love di Bivio Montegelli (Fc) da Massimiliano Amadori. Masterizzato da Stefano Cappelli presso il Creative Mastering Studio di Forlì
Foto copertina e foto booklet: Valerio Corzani (eccetto la foto degli Ex che è di Mariza Mazzi)

Su Bielle
Ascolti: "Io vado a sud"

Sul web
Sito ufficiale
MySpace
Facebook


Gli Ex
"Primavera, autunno, inverno"

Interno 4 / Nda press - 2011
Nei negozi di dischi

Tracklist

01 L'olandese volante
02

Vedo non vedo

03 Primavera, Autunno, Inverno
04 La zazzera leggera
05 Tempo al tempo
06 Io vado a sud
07 E' così che mi va
08 Il primo morso
09 Nuvole basse
10

Rotaia hardcore

11 Dopodimai
Gli Ex sono bravi. Anche perché hanno il coraggio di non lasciare da sole le canzoni, ma di accompagnarle a racconti. In questo modo torna ad avere senso accaparrarsi il disco, perché, agghindato a piccolo libro, contiene contenuti che solo così si possono gustare. E non dite che la confezione non ha il suo peso! E poi non è solo confezione. I racconti di Valerio Corzani sono belli e costituiscono un contraltare delle canzoni. In questo caso si tratta di un racconto lungo in più episodi: di un olandese che si è fermato a vivere sulla Riviera romagnola, delle sue due figlie e di "Summertime", sinfonia d'estate in quattro movimenti".

Se poi non vi piace leggere, me ne rincresco per voi, ma avete sempre l'album. E anche qui le note positive fioriscono. Gli Ex hanno il grosso vantaggio di somigliare a pochi, caratteristica quanto mai meritevole in un'epoca di repliche e replciabilità all'infinito. Le loro canzoni iniziano a scendere nella gola come gazzosa ed è solo dopo che ti arriva l'alcol. A quel punto ti prende alla testa una leggera euforia, ma il danno è fatto! Gli Ex vi hanno presi ed adesso scollarsi da dosso non sarà un compito semplice. Musica solare, che ha echi un po' di tutto e che al tutto riporta, ma con un gusto per la forma canzone che non bisognerebbe mai perdere. E infatti ...

Sono canzoni che parlano d'estate e di mare, ma non sono "luglio, con bene che ti voglio". Le liriche sono curate e le citazioni opportune. Che dire infatti della title track "Primavera, autunno, inverno"? "E la mia vita reclama stasera / le sue estati mancate / e mi urla, mastina, stasera / le sue afose pedate / Che strana mestizia mi prende stavolta / che strano, che stanco delirio / abortire un amore, a Rimini / in questo fragore", che combina l'imprevedibile di citare De André ("E un errore ho commesso- dice- / un errore di saggezza / abortire il figlio del bagnino / e poi guardarlo con dolcezza / ma voi che siete a Rimini / tra i gelati e le bandiere / non fate più scommesse / sulla figlia del droghiere") con tocchi di Bruno Martino ("Odio l'estate"), Peppino di Capri, il lounge e la musica latino-americana.

Ma questi sono Gli Ex, che vi piacciano o no, una band con pochi tentativi di imitazione, ma che, a sua volta, cercano molto poco di rifare il verso ad altri. In soli due dischi sono riusciti a crearsi uno stile orchestral-marinar-romagnolo di grande piacere. Cartizze avevamo detto la volta scorsa: aggiorniamo in Rabarbaro Zucca. Sapete? Quello col seltz e il ghiaccio tritato che d'estate è una benedizione per la sete, ma che, una volta finito lascia delle tracce pesanti. Sì, Gli Ex fanno questo effetto. Sembrano scorrere e invece si insinuano e insidiano le sacche della memoria con una serie di motivi che partono sempre semplici e poi ti lasciano il dubbio di avere molte più implicazioni di quelle che affiorano alla prima lettura. Certo non è musica che sa di inverno, ma che andrebbe tenuta da conto per l'estate, quando le canzoni sono state probabilmente composte, ma tant'è: un raggio di sole nell'inverno dà quasi più piacere.

Allora sono 11 pezzi, forse non tutti fondamentali, ma tutti interessanti, perché comunque sia
compongo un mosaico. Perché questo album, per quanto non lo dica espressamente, è in realtà un concept intrecciato attorno ad alcuni temi e il primo ed il principale è l'estate. Possiamo anche spingerci a dire che l'iptoetica facciata A (fino al sesto brano) è più accattivante della facciata B, ma sono sfumatore di gusto che non mette conto darne relazione. Pregnante "L'olandese volante", brano tosto che sembra riallacciarsi al racconto contenuto nel libretto. Ma è una storia di pirati, di ribelli: "Abbiamo solo una speranza, un alleato / la nebbia che discende / e rende incerte / le battaglie e le rappresaglie"



Gradevolissima "Vedo non vedo", la canzone più sixty del lotto, quella che anche nelle sonorità sembra risalire la corrente del tempo. Di sicuro "La zazzera leggera" è una piccola chicca
di leggerezza (è il brano che cita la gazzosa!). Ma tutto, dal titolo in poi, è brezza di vento: "Chissà cosa sei venuta a fare / con quella gonna corta / e la zazzera leggera / Chissà cosa stai cercando / in questa strada buia / col fuoco da bivacco". Massì si parla di prostituzione, ma col tocco del piumino da cipria: "Cosa? Cosa non ti fa dormire la notte? / Cosa che non sia un caffé? / Cosa? Cosa e quanto? / Dove? Dove ti stai spingendo adesso? / Dove ti stai voltando? / Dove? Dove e quando?". Ma si può lottare contro questa situazione? Forse, basta che ti ricordi che "se vuoi spostare un masso poi / poi non usi un bastoncino".

"Tempo al tempo", che nell'inciso sembra quasi la prosecuzione della canzone precedente ("Ma dove? Da dove a dove? A quando? / A quando?") è leggermente più mossa, narra invece tranquelle vicende d'amore ("se poi ti opponi alla mia mano morta") e di musica ("Se indugi nell'accordo della tua chitarra / se chiudi il chiavistello nella tua custodia / se quando l'accordo sta per ribaltare / il quieto andazzo del suonare").

Bella "Io vado a Sud", canzone leggermente più ambiziosa anche dal punto di vista musicale, dove andando a sud si riprendono anche sonorità che ricordano l'area mediterranea, sull'onda della viella suonata da Erica Scherl. Sfumato ma intenso il testo: "Io vado a sud / per oggi, non so domani / Devo dimenticare le tue mani / le tue mani ... / Io mi incammino / mi piego, aspiro e prego / inseguo i miei mulini a vento / e son contento, e son contento". "Io vado a sud / ancora non ho deciso / se cerco un vento o un paradiso" e nel dubbio il vento ce lo regalano. E' forse il brano più forte del lotto.

"E' così che mi va" rispetta in pieno il titolo: è un divertissement, leggero, leggero, un ritmo che ti si inchioda nel cervello con lo stesso ritmo dell'onda sul bagnasciuga: "E' così che mi va / un'inutile idea / mi scompiglia ogni notte irrefrenabile". Nulla più e nulla meno. Ma le canzoni di questo album hanno ancora una loro particolarità: valgono di più se inserite nel contesto ed ascoltate una dopo l'altra. Quando il disegno della trama emerge nitido. Altrimenti, sì, alcune sono canzonette, ma piacevolissime.

"Il primo morso" è la prima canzone hard del disco: ce ne sono due, l'altra è "Rotaia hardcore". Si entra subito al centro del tema: "Sei il primo sorso d'acqua dopo un gelato / se il primo morso di una vipera assopita / sei la prima mossa del ciclista in fuga / sei la sola cosa che si merita una sega". E poi si precisa meglio: "Sei culo, tette, fianchi, sei soddisfazione" oppure "sei la quarta taglia di un sinuoso reggiseno". "Ed è per tutto questo che ti rimetto in lista / Per il tuo talento unico / per la tua freschezza / per la tua frangia e per il tuo sorriso / Ehy bambola sexy". Ma contrariamente alle apparenze è una canzone tutt'altro che trucida, anzi, dotata di una grazie sghemba che la trasforma in un altro gioiellino, una piccola perla nello scrigno dell'estate.

"Nuvola basse" è carina, ma un po' troppo carina, tanto che scivola via senza lasciare grossi graffi dentro, al di là di un "andirivienì" con l'accento sulla i che dà un po' fastidio. Meglio allora passare al secondo pezzo hard: "Rotaia hardcore" che è un pezzo volutamente comico, costruito su un viaggio in treno che si trasforma in un'avventura erotica: "E una tipa lì davanti mi sorride / imitando il ghigno della jena ridens / un laccio sta spunando dalla fibbia verde arancio / il seno le deborda sul riflesso di un vetro che riflette su se stesso / Aiuto, ho capito la missione / della tipa che accavalla le sue cosce / ed insieme scopre / una giarrettiera". Come va a finire è facile intuirlo con lei che "mi dice solo cose molto molto molto zozze / in una lingua strana / latinoamericana". Si sorride: specie quando dice "io la seguo, satanasso".

"Dopodomai" è invece una canzone di fastidio, un contropelo messo a fine disco come a ricordare che non è tutto solo estate. "Intanto voi vivete / ridere e vi abbuffate / pensare alle bollette, al Pil e alle stronzate". "Ho visto i cortigiani di questi tempi duri / genuflessi al dio dei supermercati / Ho visto licenziati che in men che non si dica/ si sono riciclati nella malavita / ... / vi vedo consenzienti, davvero pronti a tutto / perfino a dar la paga ai deliri di una maga". Finisce su una nota seria, che ci voleva dopo questa sbornia di storia di sole e di brezze leggere. L'ultimo vento che passa sulle cose è un vento meno lieve, un vento che solleva polvere e sotto la polvere c'è poco di bello da guardare. Si chiude come si è iniziato. In mezzo c'è stata l'estate.

L'abbiamo detto: un rabarbaro Zucca contro il sole cocente, il ghiaccio e la vaniglia che contrastano l'amaro del rabarbaro. Il denso del fluido che nasconde l'alcol che ti colpirà poi, soprattutto se lo bevi sotto il sole. Perché sotto le cose, sotto le frasi, sotto le musiche, sotto l'estate c'è sempre ancora qualcosa da tenersi stretti. Fosse anche solo la nostalgia degli anni Sessanta. E Gli Ex sono abbastanza unici in questo loro procedere divertente ed erratico.


Ultimo aggiornamento: 24-01-2012