Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


 
Le BiELLE RECENSIONI
Susanna Parigi: "La lingua segreta delle donne"
Nu Shu, la lingua segreta delle donne per esprimere emozioni
di Lucia Carenini
Ascolti collegati

Susanna Parigi
L'insulto delle parole

Susanna Parigi
In differenze

Cristina Donà
Torno a casa a piedi

Carmen Consoli
Elettra

Paola Turci
Attraversami il cuore

Patrizia Laquidara
Camto de l'Anguana

Crediti:
Susanna Parigi( (voce, pianoforte, clavicembralo e fisarmonica); Matteo Giudici (chitarre); Ivan Ceccarelli (percussioni e batteria); ROberto Olzer (pianoforte); Nicola Stranieri (batteria); Roberto Mattei (contrabbasso); Massimo Mariani (chitarra); Mercello Schena (batteria); Aurora Bisanti (violino); Aurora BIsanti (viola); Valentina Corvino (violino); Yuriko Mikami (violoncello):

Ospiti: Lella Costa (voce recitante in "Liquida"); Arké String Quartet (archi in "Una certa esaltazione del vivere"); Ferruccio Spinetti (pianoforte in "Il suono e l'invisibile")

Testi e musica di Parigi/Kaballà, tranne 1 (Parigi), 6 (Parigi/Michele Vasseur), 9 (Ferruccio Spinetti/Parigi):.

Produzione artistica Susanna Parigi e Stefano Barzan.

Registrazione e mix Sduio Barzan, Stefano Barzan. Mastering: Nautilus Studio, Aldo Baglio. Progetto creativo: Maurizio Pirero (Oltre), Andrea Coppola (Studio Ata). Foto: Stefano Videtta. Traduzioni: Claude Adrian Caponnetto. Riprese video: Lucilio Santori

Su Bielle
Intervista: "Tra indifferenza e comunicazione"
Intervista: "Indifferenza impossibile"
La lingua segreta delle donne

Sul web
Sito ufficiale
MySpace
Susanna Parigi su Facebook


Susanna Parigi
"La lingua segreta delle donne"

PromoMusic/Corvino/Edel - 2011
In tutti i negozi di dischi

Tracklist

01. Liquida
02. Così è se vi pare
03. Crudo
04. Ma tu dormi
05. Una certa esaltazione di vivere
06. Petite Madone
07. L'uomo senza qualità
08. La città senza porte
09. Il suono e l'invisibile
10. Volesse il cielo

11. Contenuti multimediali con Gianna Schelotto, Teresa De Sio, Pamela Villoresi, Ottavia Piccolo, Curzia Ferrari, Nerina Mirotti, H.E.R.

Videoclip: Liquida

“Davanti ad un pozzo non si muore di sete. Quando si è con le sorelle non c’è posto per la disperazione“. Così recitava un detto cinese. Ma la particolarità di questo proverbio sta nella sua lingua: solo le donne conoscevano. Una lingua ignorata e trascurata dagli uomini da sempre. Più scritta che orale, si chiama Nu Shu ed è tornata alla ribalta all'inizio del 2010, con la ristampa del primo dizionario Nu Shu, per l’inaugurazione di una scuola rigorosamente femminile con corsi per imparare l’antico linguaggio perduto delle donne e per un costume che si sta diffondendo sempre più nella Pechino e nella Shanghai bene.

Quella che in passato era il simbolo della discriminazione femminile, oggi sta diventando simbolo della femminilità d’élite. Una rivincita per le spose bambine e le concubine. Per le donne a cui non veniva insegnato a parlare per impedire di poter esprimere le loro emozioni.

Susanna Parigi se ne è appropriata, per questo suo nuovo lavoro. Un disco di una donna che parla di donne. E quale occasione migliore dell'8 marzo per parlare di un'opera che ha come tema la riflessione sul linguaggio femminile? Linguaggio inteso non solo come concetto circoscritto di parola, ma anche come linguaggio del corpo, del sentimento, dello spirito.

A partire dal brano iniziale, "Liquida", che, sostenuto dalla voce recitante di Lella Costa, racconta ciò che le donne si tramandano, soprattutto nel campo dello spirituale, inizia un viaggio che solleva veli sull'intimo universo femminile. Si esplora così un mondo fatto principalmente di sensazioni e di emozioni, ma anche di valori, di spiritualità e di carne.

Così la storia della mujer Ramera, prostituta-amante, donna dono lascia spazio a quella della donna violata di "Crudo" e si alterna ancora alla donna che cerca amore nel suo uomo che nemmeno se ne accorge. E dorme. Proprio come quell'altro, cantato da Isa, che pensava soltanto alla leva del cambio e all'autoradio.

E ancora si va dal desiderio di amore e di vita, tema di Una certa esaltazione di vivere al crudo ritratto di una certa becera maschilità appunto dell'Uomo senza qualità.




Ma su tutto trionfa la speranza. Quella della "Città senza porte". Luogo ideale dove vive un flusso di amore costante e acqua che scorre per tutta la gente. Città dove la legge ascolta la gente e ci sono navi di donne e uomini nuovi. Dove passi veloci accolgono amici e si cosegnano monete di tempo.

La parte musicale, come sempre è curatissima e raffinata. L'impianto è classico, totalmente acustico. Susanna suona pianofarte, fisarmonica, clavicembalo e naturalmente canta. La sostengono, tra gli altri e di volta in volta, gli archi dell'Arké String quartet, il pianoforte di Ferruccio Spinetti, Il violino e la viola di Alice e Aurora Bisanti e tutti gli altri che vedete a lato.

Un disco "bianco", come i toni su cui sono giocati libretto e digipack, con la suggestiva metafora della striscia di pizzo a coprire la bocca. Disco che si conclude non a caso con "Volesse il cielo" di Toquinho, de Moraes e Bardotti. Canzone di speranza, totalmente in tema e a chiosa del lavoro. Canzone scritta da uomini, a dire, se ce ne fosse bisogno, che esistono uomini dotati di sensibilità, che essa non è prerogativa femminile, ma alberga nelle persone vere. Di qualunque sesso esse siano.

E che la lingua segreta non è un disco "contro", piuttosto, se è vero che "Quello che non è detto o non si vede, agli occhi dei più non esiste" questo disco è una buona, anzi ottima occasione per provare a farli aprire, questi occhi. E che possa essere l'augurio che gli occhi, di uomini e di donne, si aprano anche su altro.

Vivamente consigliato.




La lingua segreta delle donne

"Esiste in Cina una lingua segreta delle donne. Solo le donne sapevano leggerla e tramandarla. La lingua si chiamava Nushu. E' dove l'amore non c'è, forse, che il segreto va custodito. Certe donne affidano le loro vite solo a coloro che conoscono il giusto peso della Farfalla e la formula delle coincidenze. Sono loro le protagoniste di questo disco, le abitatrici della "Città senza porte".

"Sono donne capaci di passione prepotente verso l'altro, ma anche verso la propria creazione. Conoscono il valore della loro parte intima e la difendono da un mondo senza ombre. Sono capaci di immaginare. Sanno che quello che non è detto, o non si vede, agli occhi dei più non esiste e quindi non rischia di venire distrutto. Può darsi che in attesa di tempi migliori la loro lingua rimarrà sconosciuta, come il silenzio perfetto della neve o il suono invisibile delle pietre che cantano".

Il Nu Shu nasce dalla trascrizione di versi e canzoni tradizionali che le donne Yao delle province di Jianyong e Yongming (Hunan) cantavano durante i lavori di tessitura. Furono proprio queste donne, analfabete e senza educazione, le donne paesane dai piedi fasciati, a inventare questo sistema di scrittura. Per contrasto definirono la scrittura cinese “Nan Shu”, ovvero “scrittura dei maschi”. I mariti non erano in grado di comprendere i significati della scrittura delle loro mogli, anzi non la tenevamo minimamente conto perché le consideravano esseri inferiori. E fu proprio per questa profonda discriminazione a rendere sconosciuto il Nu Shu per secoli: una sub-cultura tutta al femminile in un mondo patriarcale.

Il Nu Shu trovava espressione nella vita quotidiana delle donne e fu integrato nel lavoro di routine. Veniva cantato e in questo modo accompagnava la vita di ogni giorno. Era usanza riunirsi a cantare leggendo uno scritto Nu Shu mentre cucivano e ricamavano, e le loro scritture e canzoni sono diventati il più importante elemento delle cerimonie, inclusi i matrimoni. Il Nu Shu aveva la funzione di rinforzare la sorellanza e di trasformare la vita quotidiana in una sorta di fuga profumata di libertà, opposta ai grigiore e all’oppressione quotidiano. Ne sono testimonianza le toccanti lettere ritrovate scritte in forma poetica in modo da liberare le loro emozioni più profonde, in cui si rivela il grande risentimento nei confronti della dominanza maschile. Le donne a cui veniva imposto di sottomettersi ai mariti trovavano una sorta di sfogo attraverso proprio il Nu Shu, con il quale potevano esprimere tutta la loro malinconia e tristezza in maniera liberatoria. (segue)


Ultimo aggiornamento: 08-03-2011