Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.


 
Le BiELLE RECENSIONI
Davide Giromini Redelnoir: "Ballate postmoderne"
Un urlo munchiano sotto la patina bubble gum
di Mario Bonanno
Ascolti collegati

Davide Giromini
Ballate di fine comunismo

Apuamater indiesfolk
Delirio e castigo

Davide Giromini
Apuamater

Marco Rovelli
Libertara

Del Sangre
Ad un passo dal cielo

Apuamater Cyberfolk
Il ritorno di Kirsto

Crediti:
I Redelnoir sono
Davide Giromini: Voce fisa sinth
Lavinia Mancini: Voce piano
Flavio Andreani: Batterie
Nicola Bellulovich: Sax
Alessandro Cucurnia: Chitarra elettrica Esraj, Hulusi
Daniele Pedrazzi: Basso

Ospite: Alessio Lega

Testi e musiche: Davide Giromini
Arrangiamenti: Redelnoir
Produzione: Ribéss Records
Distribuzione: Audioglobe
Ufficio stampa e edizioni: Abuzz supreme


Su Bielle
Giromini: la pagina

Sul web
MySpace


Davide Giromini Redelnoir
"Ballate postmoderne"

Ribéss Record - 2011
Nei migliori negozi
o sul web

Tracklist

01 Arco di tenebra
02 Stalker
03 Socialismo
04 1980 ... il buio
05 Enea
06 Radionx
07 Postmodernismo
08 La ma generzione
09 Tomba per le lucciole
10 Rambo
11 Schighera
12

Il ritorno dello Jedi

Non lasciatevi incantare dallo sfavillio rosa fuxia della cover. “Ballatepostmoderne” ha anima neropece, e un’aria decisamente poco raccomandabile. Sotto la patina bubble gum della copertina è l’analisi più lucida e disillusa sugli Ottanta che sia mai stata messa in canzone. Questo cd è un porto-franco per fantasmi scomodi, per ideologues non pacificati, anime alla deriva, collassi interiori, e altri sociali.

Il de profundis della generazione-Vasco Rossi, intonato senza commiserazione e nemmeno un briciolo di compiacimento. I prodromi del collasso della civiltà in dodici stazioni, quelle di una via crucis senza redentori, né false promesse di salvezza.

La verità nuda e cruda in bella mostra, signore e signori: nemmeno un refolo di speranza in questo (post)disco di Davide Giromini-Redelnoir. Tutto è transustanziato in “poi”, superato, mercificato: ideologie (socialismo, craxismo-reaganismo), miti (Lorella Cuccarini, Rambo, Obi Wan Kenobi), modernismo, punk (certi influssi del primo Ruggerii), con il coraggio di una scrittura anti-melodica che sbrindella pillole di saggezza ontologica (“siamo soltanto pidocchi attaccati alla terra/ pidocchi coi calli alle mani”), accenni di j’accuse, ironia, filosofia, cronaca, storie artificiali, crittogrammi della serie “bravo chi riesce a scovarci tra le righe citazione alte e basse”.

Come una corsa notturna sulle montagne russe della post-modernità, si passa da Nietzsche (non a caso) a Bearzot, da Eraclito a Pasolini a Benjamin a Tarkowskij a Heidegger. Si usa, oggi, nella pop music? “Ballatepostmoderne” va accolto, dunque, come un urlo munchiano nella calma piatta della discografia contemporanea. Come una felice anomalia. Il contraltare atteso e maleducato al sound tuttigusti, “facce da bambino & cuori infranti” di finardiana memoria, per intenderci. Un pugno allo stomaco alla (cattiva) coscienza collettiva, una requisitoria a tinte fosche, di gran lunga più incisiva delle coazioni a ripetersi di alcuni cantautori storici del nostro scontento.




Un concept-album disalienato sull’alienazione, che sin dai cancerogeni Ottanta, ci avvince tutti come l’edera di nillapizziana memoria. Una partitura per voce sola (che grida nel deserto) che assembla piano e suoni campionati, punk duro & puro e accenti cantautorali, in un crossover musicale straniato, ipnotico, irresistibile, balsamo per le nostre orecchie affrante da giusiferrerismo espanso.

Sterile svilire il senso ultimo di un album da assumere nel suo insieme, e addentrarsi nello specifico delle singole tracce (volete essere così bravi da fottervene, per una volta, dei brani-pilota?). Che questo è un cd che va ascoltato e riascoltato tutto. Traccia dopo traccia, capitolo dopo capitolo, se ancora vi è rimasto un poco di coraggio e di amor proprio per guardare alla realtà dal lato peggiore “Ballatepostmoderne” è il disco che fa per voi.



Ultimo aggiornamento: 10-08-2011