Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 
Le BiELLE RECENSIONI
Filippo Nigro: "Dell'isola che non c'era"
... prima che aprissimo gli occhi
di Corrado Sciò


Ascolti collegati


Alessandro Mannarino
Bar della rabbia

Giancarlo Frigieri

Chi ha rubato le strade ai bambini?

Alessandro Fiori
Attento a me

Cristiano Angelini
L'ombra della mosca


Samuel Katarro
Halfduck mistery


Giubbonsky
Storie di
non lavoro...

Tracklist

01 Rom
02 L’autunno e la mendicante
03 Gian Burrasca
04 La goccia
05 Fides
06 La bella sciagurata
07 Ninna nanna Esedra
08 Peter Pan (live)
L’Isola che non c’era è un posto diverso. Luogo dove non esistono approssimazioni comunicative e conviviali. Un luogo dove si spalanca l’ombra delle nostre maledettissime e insostenibili congetture: ecchimosi di genere, caratteri condizionati, cicatrici inconfondibili da buoni ascoltatori troppo conformati. Questo disco non è leggero, essendo pregno di essenzialità matura, è piuttosto un disco leggiadro. Intriso di umanità ma non di umanitarismo ipocrita (favoleggiato nei precetti di chi si disarma e arma una poltiglia ebete di sgherri guerrafondai a basso costo). Se proprio si deve parlare di favole ebbene che si parta dalla rivendicazioni.

Filippo Nigro attraverso l’arpeggio della chitarra, quasi un montacarichi per la sua torre linguistica (luogo inattaccabile, faro che essendo faro se ne infischia dei trattati territoriali, rendendo conto solo alla sua significazione storica che becca il punto di mare a disposizione), ci porta a passeggio fra i convenevoli e gli “sconvenevoli” della vicenda umana, finora putridi ma ancora ammirabili, a volte incantevoli o non perdonabili. Il rapporto fra uomo e natura, fra uomo e uomo, fra spiritualità (inclinazione all’autolesionismo) e l’orbita razionale che per male punta al bene, ci coinvolgono non in quanto parti cogenti della nostra vita degna di essere vissuta, quanto piuttosto come situazioni fisiche, presenze fisse nei luoghi della socialità: socialità descritta in maniera paesaggistica.

Questo è un disco di luoghi, per nostra fortuna non comuni, un disco che vale la pena visitare: visto che girare il mondo si è fatto noioso… immaginarlo diverso credo sia un lusso che valga la pena ostentare.


Crediti:
Testi e musiche di Filippo Nigro, ad eccezione di “Fides” testo di Giovanni Pascoli (Myricae, 1891, “sezione Creature”). Tutti i brani sono stati eseguiti da Franco Pietropaoli ed Andrea Belli. Arrangiamenti di Franco Pietropaoli, Alessandro Belli al contrabbasso in “Rom” e “Gian Burrasca”. Registrato da Franco Pietropaoli presso il suo studio tra giugno 2009 e Febbraio 2010. La canzone “Peter Pan” è stata registrata al Teatro Piccolo Re di Roma il 13 marzo 2005 con Andrea Belli e Alessandro Belli alla chitarra e contrabbasso. Progetto grafico di Luca Carboni. Il dipinto in copertina “Wanderer above the Sea of Fog” è di Caspar David Friedrich, 1818.


Filippo Nigro
"Dell'isola che non c'era"
Autoprodotto - 2011
Per mail

Su Bielle


Sul web
MySpace

Ultimo aggiornamento: 14-04-2011
HOME