Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

Le BiELLE RECENSIONI
Francesco Ferrazzo: "Goccia dopo goccia"
Esordio con qualche lampo viaggiatore e qualche tuono
di Giorgio Maimone


Ascolti collegati


Giuseppe Cucé
La mela e il serpent

Fabrizio Frabetti

Uh!
Paolo Andreoni
La caduta delle città del nord

Cristiano Angelini
L'ombra della mosca


Filippo Andreani
La storia sbagliata


Fabrizio Consoli
Musica per ballare

Tracklist

01 Guardarsi dentro
02 Goccia dopo goccia
03 A faccia in giù
04 Di cosa ha bisogno la gente
05

Stai sereno

06 Tranne che a te
07 Departure
Festeggiamo sempre la nascita di un nuovo cantautore. Anche quando, accanto alle luci ci sono delle ombre. Qui qualcosa c'è, ma purtroppo è confusa. E impaginata male. Francesco Ferrazzo è un esordiente di lungo corso che ha assemblato un album d'esordio che alterna piccole cose di gusto ad accidenti di percorso. L'impressione principale è che si tratti di un disco stratificato con materiale più recente ed altro risalente a periodi precedenti. Se ci fosse stato il coraggio di staccarsi dagli episodi più decisamente pop, da un uso delle rime non particolarmente innovativo e dal cantare concentrati sul proprio ombelico, il giudizio sarebbe decisamente positivo. In questo caso invece è un'opera prima di cui è indispensabile attendere il secondo episodio.

Per risolvere in fretta l'equazione avrei espunto dal progetto la prima canzone del cd, "Guardarsi dentro", che invece fa da presentazione al progetto, preparando al peggio, e la centrale "Cosa ha bisogno la gente". "Guardarsi dentro" è la classica canzone dell'ombelico: una canzone più adatta a un adolescente che a un giovane autore, che, per quanto giovane, veleggia oltre i 30 anni (è del 1976). "Ho perso quell'elemento che mi tenevo dentro / tutti i sogni miei appesi / ... / guardari dentro / ritornando indietro nel passato che non fugge mai / guardarsi dentro / se si vuol cambiare in qualche modo realizzare". No, non ci siamo proprio col testo, ricco di luoghi comuni ("un sole che sorge sempre a metà" per far rima con "un uomo che cerca la sua identità". "Ho una grande volontà di guardarmi dentro / ho una grande volontà di rinnovamento") e la ripetizione delle frasi per dare più forza al concetto che, alla quarta ripetizione, invece, smuore. Pollice verso, dunque, anche se il finale in musica ha una sua forza. "Di cosa ha bisogno la gente" è invece vecchia musicalmente. Sembra un brano di quegli anni di plastica tra gli '80 e i '90. Roba da "Figli delle stelle" o da "Terra promessa". Il testo, blando richiamo contro la massificazione forzata riscatta un po' il motivetto che risente di essere fatto tutto da solo in casa con le tastiere elettroniche e un solo basso di accompagnamento.

Tolte queste due canzoni invece il cd sale nettamente di livello, anche se il corto minutaggio complessivo costringe a sospedere il giudizio. Insomma, qual è il vero Ferrazzo, qual è la strada che ha scelto? Quella intimista e intensa della title track o quella caciarona di "Cosa ha bisogno la gente"? Quella senza rime a metrica variabile della bella "Tranne che a te" o la rimata e stucchevole "Guardarsi dentro"? Oppure ancora la vivace e piacevole "Vivi sereno", dove compaiono ai cori Ilaria Pastore e Maria Lapi? Le ballate pianistiche come "Goccia dopo goccia" sembrano essere il suo pane, anche se sui testi si può ancora lavorare di pialla e di lima per togliere tutte le frasi già sentite in altre canzoni: di "sognare le ali" e di "mi riporta da te" ne possiamo fare a meno. Preferiamo senza dubbio "Quanta pioggia e quanta grandine / e quanta ne dovrà cadere / per smussare gli spigoli" oppure "e non sono un cane che ringhia alla fortuna / perché ha paura".

Peccati di gioventù, peccati d'esordio e di eccessivo affetto a pezzi ormai sorpassati. Ma teniamolo d'occhio. E' un laghé, anche se dell'altro lago (Verbania, sul Lago Maggiore) e i laghè sanno di cosa cantano.

Crediti: Francesco Ferrazzo (vce, tastiere, programmazione, chitarre); Fabrizio Paggi (basso); Alessandro Gallo (chitarre) Christian Abano (batteria); Marco Leo (chitarra p, programazioni); Ferdinando Mazzucca (basso); Sergio Rigamonti (batteria); Fabio Bonomi (basso); Maria Lapi (cori): Ilaria Pastore (cori); Testi e musica di Francesco Ferrazzo. Arrangiamenti: Francesco Ferrazzo, Marco Leo, Alessandro Gallo. Produzione: Francesco Ferrazzo - Alberto Gallo - Marco Leo
Registrato presso Blue Score (MI) - Digital Lake Studio (VB) Mastering presso Digital Lake Studio (VB)

 

Francesco Ferrazzo
"Goccia dopo goccia"
Bluescope Entertainment - 2011
Nei negozi di musica o sul ITunes

Su Bielle
Ascolti: "Tranne che a te"

Sul web
Sito ufficiale
Facebook

MySpace

Ultimo aggiornamento: 30-07-2011
HOME