Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 
Le BiELLE RECENSIONI
Bebo Ferra & Javier Girotto: "Kaleidoscopic arabesque"
Chitarra e fiati per magie in un album di acqua e fuoco
di Bartolomeo Timoschuck


Ascolti collegati

Girotto, Servilllo, Mangalavite
Futbòl

Girotto, Servillo, Mangalavite

L'amico di Cordoba

Elisir
Pere e cioccolato

Fabrizio Bosso
Sol


Enzo Favata
The night of storytellers


Lorenzo Colella
Out South

Tracklist

01. Kaleidoscopic arabesque
02. Il volo della libellula
03. Sprigos de luna
04. Sipario
05. Rio Andaluso
06. Impro # 1
07. Paoletta
08. El diablo
09. Melodehia
10. Impro # 2
11. Astratto


Quando si incontrano l'aria della Sardegna e quella delle pampas argentine il risultato non può che essere mirabile. E questi arabeschi caleidoscopici mirabili lo sono di sicuro. Bebo Ferra, valente chitarrista sardo e Javier Girotto, virtuoso porteño, ormai adottato alle nostre latitudini, hanno messo assieme i loro bagagli culturali e i loro strumenti per costruire un album di raffinata classe che per piccoli cenni, per suggestioni laterali lascia intendere il ponte tra le due culture (anche se i pezzi sono tutti opera della penna di Bebo, tranne le due improvvisazioni). Tempi distesi, atmosfere sospese: gli oltre sei minuti della title track sono un viaggio meraviglioso sulle soglie della notte, tra il sogno e il risveglio. "Il volo della libellula" è invece un pigro canto agreste che solo dalla metà prende il volo. Mentre "Sprigos de luna" (spicchi di luna) è il brano con una più accentuata nota sarda ed è uno dei più belli dell'intero lotto, dove il dialogo tra flauto andino e chitarra si fa più stretto e quasi strutturale.

Ma la cifra stilistica cambia immediatamente in "Sipario", brano più riflessivo e meno solare, introspettivo e si esalta in "Rio Andaluso", concepito unendo le suggestioni del grande fiume del Brasile, il Rio Delle Amazzoni e l’Andalusia, la Spagna con la sua secolare tradizione di chitarra flamenca. Brano complesso, ma intrigante la sua parte. Lasciamo perdere le due improvvisazioni che, per quanto gradevoli, attengono più alla fase dei concerti dal vivo e alle soddisfazioni dei due artisti e arriviamo a "Paoletta", brano che trae ispirazione dalla musica classica dei primi del novecento, soprattutto quella francese di Debussy e Ravel. Canzone d'amore senza parole. Con "Sprigos de luna", "Kaleidoscopic arabesque" e "Melodehia" rappresenta il meglio dell'album. Album di acqua e di fuoco. O di terra e di aria. Album dì notte e tempeste, per viaggiare e meditare.

Crediti:
Javier Girotto (soprano sax, barnton sax, moxeno e quena flutes, sicur, bass clarinet)
Bebo Ferra: Classical guitar & steel string acoustic guitar and voice)
Produced by Dasé Sound Lab & Accademia del suono - Executive production by Fausto Dasé & Timur Semprini. Artistic production: Fausto Dasè. Arti direction & Artwork by Pietro Cardarelli
All song composed by Bebo Ferra (except 6 & 10 improvised by Bebo Ferra & Javier Girotto)

 


Bebo Ferra / Javier Girotto
"Kaleidoscopic arabesque"
Egea Music- 2011
In tutti i negozi di dischi

Su Bielle
Ascolti: "Melodehia"


Sul web
Sito ufficiale Accademia del suono

Ultimo aggiornamento: 16-01-2011
HOME