Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
AaVv: "LuigiTenco: inediti"
Un disco per tutti, per non dimenticare
di Fabio Antonelli


Ascolti collegati


AaVv
Roba di Amilcare
(Tributo ad Amilcare Rambaldi)

Pan Brumisti

Quelle piccole cose

AaVv
Canzoni per te (tributo a Sergio Endrigo)

AaVv
Seguendo Virgilio (tributo a Virgilio Savona)


Ada Montellanico
Danza di una ninfa


Enzo Jannacci
The best

Crediti:
Cd 1: Canzoni di Luigi Tenco inedite su disco o in variazioni inedite

Cd 2: Canzoni di Luigi Tenco in registrazioni live inedite dalla Rassegna della canzone d’autore del Club Tenco

Bonus Track: intervista a Luigi Tenco di Sandro Ciotti, Luiti Tenco al sax in incisioni del Settetto Moderno Genovese

A cura del Club Tenco


Tracklist

Cd 1

01. Luigi Tenco - Padroni della terra (le déserteur)
02. Massimo Ranieri - Se tieni una stella
03. Stefano Bollani - No no no
04. Morgan - Darling remember (vola colomba)
05. Luigi Tenco - Quando
06. Luigi Tenco - Il tempo passò
07. Luigi Tenco - Come mi vedono gli altri
08. Luigi Tenco - Se stasera sono qui
09. Luigi Tenco - Quello che tu vorresti avere da me
10. Luigi Tenco - Intro a ragazzo mio
11. Luigi Tenco - Ragazzo mio
12. Luigi Tenco - Non sono io
13. Luigi Tenco - Ah l'amore, l'amore
14. Luigi Tenco - Vedrai vedrai
15. Luigi Tenco - Les temps file ses jours
(un giorno dopo l'altro)
16. Luigi Tenco - One day is like another
(un giorno dopo l'altro)
17. Luigi Tenco - Cada uno es libre (ognuno è libero)
18. Luigi Tenco - Io sono uno
19. Luigi Tenco - Guarda se io

Bonus track:
20. Settetto Moderno Genovese -
I know, don't know how (Luigi Tenco al sax, 1957)
21. Settetto Moderno Genovese -
The continental (Luigi Tenco al sax, 1957)
22. Sandro Ciotti e Luigi Tenco: intervista (1962)

Cd 2

01. Vinicio Capossela - Lontano lontano
02. Roberto Vecchioni - Ho capito che ti amo
03. Simone Cristicchi - Vita sociale
04. Ardecore - Quasi sera
05. Shel Shapiro - Cara maestra
06. Alice - Se sapessi come fai
07. Alessandro Haber - Mi sono innamorato di te
08. Skiantos - Uno di questi giorni ti sposerò
09. Tètes de Bois - Angela
10. Giorgio Conte - La mia valle
11. Elena Ledda – Sa cantzoni de su marineri (Ballata del marinaio)
12. Giovanni Block - Ballata della moda
13. Gerardo Balestrieri - Se potessi amore mio
14. Ricky Gianco - Vorrei sapere perchè
15. Ada Montellanico - Averti tra le braccia
16. Paolo Simoni - Giornali femminili
17. Eugenio Finardi - Lontano lontano


Un doppio album in cui il primo CD presenta ben 19 tracce più 3 bonus-track ed il secondo CD conta altre 17 tracce per circa tre ore di ottima musica al prezzo consigliato di soli 15 euro sarebbe da acquistare ad occhi chiusi. Ma non è certo la quantità a rendere interessante questo nuovo episodio della interessante collana “I dischi del Tenco” ideata dal direttore del Premio Tenco Enrico De Angelis e realizzata in collaborazione con la casa discografica Alabianca e che ha già dato alla luce ottimi dischi come “Quelle piccole cose” dedicato allo storico gruppo milanese dei Pan Brumisti e “Bardoci” dedicato al compianto Sergio Bardotti proprio l’anno scorso, bensì il contenuto.

Questo nuovo progetto è, infatti, centrato sulla figura del cantautore genovese Luigi Tenco cui dal 1974 è dedicata la più importante rassegna di canzone d’autore italiana che ogni anno si tiene a novembre nella prestigiosa cornice dell’Ariston di Sanremo, proprio in quel luogo in cui Tenco, nel lontano 1967 si tolse la vita dopo l’esclusione dalla serata finale del Festival di Sanremo della propria canzone “Ciao amore ciao” presentata in quella occasione in coppia con Dalida, come si usava allora.

Un progetto che ha una duplice finalità come spiega a ragion veduta lo stesso Enrico De Angelis nel libretto “Un album per collezionisti? Un album per i comuni ascoltatori che amano la buona musica? Noi crediamo che questa pubblicazione sia per gli uni e per gli altri. E’ vero che abbiamo qui riunito una serie di documenti rarissimi, anzi inediti, che aprono ancora qualche pagina di conoscenza intorno ad uno dei più grandi cantautori italiani, Luigi Tenco, e ne svelano opzioni alternative, ripensamenti, anticipazioni, esperimenti azzardati; ma il prodotto artistico finale che ne vien fuori è di ascolto palpitante ed illuminante, almeno se si superano gli inevitabili limiti tecnici che possono avere queste registrazioni di fortuna e questi “reperti”dal suono vecchio di oltre quarant’anni (in un paio di casi addirittura di 52 anni fa), che abbiamo cercato di ripulire ma non più di tanto, per lasciarne intatto il sapore d’epoca”.

Ma cosa offre di nuovo su un personaggio entrato di diritto nella storia della canzone d’autore italiana questo disco? Beh penso che offra davvero molto non solo ad uno come il sottoscritto che di Tenco conosce solo i brani più famosi e che quindi potrebbe benissimo rientrare tra coloro che amano la buona musica, ma anche chi di Tenco ormai conosce tutto troverà pane per i propri denti soprattutto nel primo disco, quello di inediti su disco o variazioni inedite.

Il CD 1, infatti, raccoglie veri e propri cimeli come la sua interpretazione della celebre ballata antimilitarista “Le déserteur” di Boris Vian diventata poi “Padroni della terra” e che fu proprio Tenco a tradurre, cantare e poi pubblicare per la prima volta in Italia nel 1969, ci sono poi alcune canzoni note ma con testi, arrangiamenti od organici musicali diversi da quelli conosciuti su disco tra cui ad esempio il provino originale di “Se stasera sono qui” senza la sovrapposizione orchestrale postuma voluta dalla Ricordi su disco, c’è poi il brano “Quello che tu vorresti avere da me” con un testo totalmente sconosciuto e cantato da Tenco sulla musica di “Il tempo dei limoni”, un provino che fu poi pubblicato postumo con testo di Mogol e ci sono poi ci sono le versioni in francese, inglese e spagnolo di due tra le sue canzoni più famose “Un giorno dopo l’altro” e “Ognuno è libero” mai pubblicate prima d’ora.
A tutto questo ben di Dio si aggiungono poi tre splendide esecuzioni, Massimo Ranieri che interpreta alla grande “Se tieni una stella” durante un live dedicato a Tenco tenutosi al Teatro Regio di Parma nel 2007, Stefano Bollani che con il suo grande estro dà nuova vita a “No no no” una musica di Tenco di cui esiste solo lo spartito e non il testo ed il solito Morgan che questa volta interpreta come solo lui sa fare una traduzione in inglese di “Vola Colomba” che divenne quindi “Darling remenber” e fu proposta da Tenco alla Ricordi, ma poi mai registrata e della quale ci rimase solo il testo.
A chiudere il primo disco tre bonus-track, un’interessante intervista radiofonica a Tenco dalla inconfondibile voce di Sandro Ciotti e due brani jazz che vedono un diciottenne Tenco al sax contralto nel Settetto Moderno Genovese.

Il CD 2 invece rappresenta una raccolta di interpretazioni di artisti registrate tutte dal vivo in varie edizioni della Rassegna Tenco, tra le tante citerei quelle di una “Lontano lontano” piuttosto fuori degli schemi come d’altronde è sua consuetudine per opera di Vinicio Capossela qui ancor giovane (era il 1999, ma già promettente futuri fuochi d’artificio, ci sono poi Roberto Vecchioni sempre pulito e senza sbavature che affronta la famosa “Ho capito che ti amo”, il sempre carismatico e trascinante Sel Shapiro alle prese con “Cara maestra”, l’affascinante ed elegante versione di “Se sapessi come fai” dalla splendida voce di Alice, un’impeccabile “Mi sono innamorato di te” a cura del troppo trascurato (almeno come interprete musicale) Alessandro Haber, c’è poi il sempre spumeggiante Giorgio Conte qui impegnato con “La mia valle” un brano che Tenco realizzò su una musica popolare a sua volta rielaborata da Ciaikovski e che nella versione di Giorgio suona tanto Django Reinhardt, c’è poi l’intensa interpretazione di Elena Ledda che trasforma “La ballata del marinaio” in “Sa cantzoni de su marineri”, ma non trascurerei neppure altre due interpretazioni, quella tutta rock and roll che Ricky Gianco fa di “Vorrei sapere perché” o la raffinata interpretazione jazz di Ada Montellanico con “Averti tra le braccia”. Insomma pare evidente che ce n’è per tutti i gusti e aggiungo solo che questo secondo ricco cd si chiude con una perla, una toccante “Lontano lontano” dalla voce di Eugenio Finardi annata 1994.

Qualcuno a questo punto dubita ancora che valga la pena spendere 15 euro per acquistare un disco pieno di tesori come questo?

AaVv
"Luigi Tenco: inediti"

Alabianca - 2009
Nei negozi di dischi e libri

Sul web
Sito ufficiale del Club Tenco
Sito Alabianca

Ultimo aggiornamento: 01-02-2010
HOME