Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Daniele Sepe: "Fessbuk - Buonanotte al manicomio"
Mordi e fuggi, poi fuggi e mordi ancora
di Giorgio Maimone


Ascolti collegati


Daniele Sepe
Kronomakia

Daniele Sepe

Nostra patria è il mondo intero

Daniele Sepe
Suonarne 1 x educarne 100

Daniele Sepe
Jurnateri


Daniele Sepe
Nia maro


Daniele Sepe
Truffe & altre sturiellet

Crediti:
LAVORATORI:
Auli Kokko (voce); Doris Lavin (voce); Marcella Granito (voce); Marzuk Mejiri (voce e percussioni); Dalal Suleiman (voce recitante); Shaone (voce); Lino Vairetti (voce); Mario Insenga (voce); Roberto Argentino Lagoa (voce); Rosalba Di Girolamo (voce recitante); Giovanna Giuliani (voce recitante); Antonino Iuorio (voce recitante); Joe Di Maggio (voce recitante); Andrea Di Maria (voce recitante); Luigi Manzi (voce recitante); Luciano Russo (clarinetto); Marco Zurzolo (sax alto); Pietro Santangelo (sax tenore); Giuseppe Colucci (sax tenore); Gabriella Grossi (sax baritono); Gianfranco Campagnoli (tromba); Roberto Schiano (trombone); Luca Martingano (corno francese); Alexandre Cerdà (basso tuba); Dimitri Kotsiouros (bouzuki); Sandro Oliva (chitarra elettrica); Franco Giacoia (chitarra elettrica); Massimo Moccia (chitarra elettrica); Piero De Asmundis (pianoforte, Rhodes, tastiere); Gigi De Rienzo (basso); Lello Petrarca (basso); Tony Esposito (percussioni); Raffaele Di Fenza (batteria); Claudio Marino (batteria); Enzo Pinelli (batteria); Enrico Del Gaudio (batteria); Daniele Sepe (sax tenore, flauto basso, tastiere e programmazione); Roberta Moscarelli (suggeritore); Totore Spes (Suggeritore); Gino Crispino (suggeritore); Chiara Eminente (Suggeritore); Peppe Pianese (il ragazzo del bar);

Registrazione: Luca Coppola e Davide Iannuzzi
Remix: Frank Carpentieri

Musiche e testi di Paolo Romano e Daniele Sepe (1, 5, 8, 11); Daniele Sepe (12); Daniele Sepe-Insenga (6); Sepe-Carpentieri (14); Del Prete-Senese (2); R.at.m (4); Brecht-Weill (5); Frankenstein-Fariselli (9); Moccia (13); trad. greco (7); trad. messicano (10).

Tracklist

01 Histoire De L'ouvrier
02. Campagna
03. Bulls On Parade
04. Moritat Der Mackie Messer
05. Homo Sapiens
06. Democratic Party
07. E Xera (La Vedova)
08. Cronache Di Napoli
09. Luglio Agosto Settembre (Nero)
10. Carabina 30-30
11. El Hombre Yamamay
12. Samba Do Tremone
13. Anatole Amadeus Mozart
14. Samba Do Tremone (Remix)



Daniele Sepe soffre di un surplus di creatività. Ogni tanto questo surplus fa faville e brilla luminoso nella lunga notte della musica italiana, ogni tanto esplode solo qualche petardo. Generalmente sono fuochi d'artificio. "Fessubuk" è genialità allo stato puro in buona parte, con dentro qualche tricchetracche e putipù. E' genialità il titolo, è genialità la confezione, è+ genialità il libretto, sono genilità le cover e i brani tradizionali, sono più faticosi i pezzi nuovi. Oh, intendiamoci bene, faticosi non significa che li si prende e li getta via, ma solo che per assorbirli ed ascoltarli ci vuole più impegno.

Da sempre il condominio dove abita Daniele e che ha sede nella sua testa è densamente popolato. Ci convivono uno sperimentatore di suoni, un commediante, un autore alternativo al sistema, un jazzista, un cultore di musica popolare, un cantautore sui generis, un napoletano e chissà quante altre bestie ancora. "Fessbuk" raduna tutte queste anime attorno a "libro dei fessi" e li rende menti dialoganti. L'effetto è schizofrenico. Passare dal "Moritat di Mackie Messer" a "Homo sapiens" è una vera doccia fredda, così come è aspro il passaggio dalla morbida canzone greca "E xera (La vedova)" alle amarezze di "Cronache di Napoli". Poi, si diceva, il condominio mentale di Daniele Sepe è fittamente abitato e ci sta anche questo, come ci sta pure il fatto che lui (l'altro che fa questi ragionamenti è Van De Sfroos) voglia riempire il disco fino all'ltimo centesimo di secondo libero. Sono oltre 70 minuti di musica. L'effetto può risultare pesante se si vuole ascoltare il disco in fila, con la precisa successione dei brani decisa dall'autore, perché questo è quello che l'rtista voleva dirci e il modo che ha scelto per dircelo. Ma, sinceramente, in quanti saremo rimasti a fare questo tipo di ascolto? Quattro? Cinque? Rottami di un'epoca analogica.

Se invece si vuole procedere con ascolti campionati e saltando, il discorso cambia. Teniamo da parte le cover che sono tutte belle e di grande soddisfazione e lasciamo per un momento da parte le altre canzoni. Ma cosa ne viene fuori? Un disco curiosamente bicefalo, dove il materiale delle cover è nettamente superiore a quello oroginale e tende a schiacciare sotto il proprio peso anche quegli spunti che pur ci sono. Non nei rap. A me non dicono niente. La trovo una shortcut, una scorciatoia per solleticare bassi e rapidi istinti. Non è con la rima baciata che si riescono a fare discorsi sensati, soprattutto quando il contenuto vorrebbe essere importante. Ne viene fuori una banalizzazione dei concetti. E questo in un disco di Daniele Sepe non lo vorrei mai trovare. Purtroppo tutti i brani affidati alla voce del rapper Paolo Romano alias Shaone, membro della crew La famiglia, a me riescono indigesti. Anche quando l'operazione è di indubbio interesse culturale come quando in "Homo sapiens" si sceglie di rappare "La sagra della primavera" di Igor Stravinskji. E' una mia incompatibilità. Non è una colpa, né di Sepe, né mia. E una frase come "Sta terra e nu bazar addò pe ddio se sgarra / Croci e scimitarre e se scassano e ggiarre / E ven o ggiall o janc o nnir o rruss / Fann a chi coglie coglie a chi ntorz tant nu musso / A storia nu cagna (questa terra è un bazaar dove per Dio si sbaglia / croci e scimitarre e si rompono le amicizie / e viele il gialo, il bianco, il nero e il rosso / fanno a chi colpisce, colpisce e si gonfia il muso / la storia non cambia)" a me continua a sembrare banale, fritto misto di qualunquismi assortiti. Per non parlare di "Suonano le trombe, cantano bombe / e l'uomo va nelle catacombe". Ma dai! Certo che sparando tante parole il rischio di sparare cazzate è alto. E allora non converrebbe risparmiare sulle parole e aumentare il pensiero? Ed è un peccato, perché se si potesse togliere la voce, il brano sarebbe molto interessante.

Detto delle due velocità diverse e di coe sia più facile amare la cover di "Campagna" dei Napoli Centrale o
quel pezzo epocale che è "Luglio, agosto, settembre ...nero" degli Area rispetto a una cazzatina come "L'uomo Yamamai" che è divertente, ma non molto di più ("A me un amico mio mi chiama Yamamai, non perché sono nato a Shanghai ... Io e tua madre e tu ce ne andiamo per l'Havana / io dietro di voi con la mutanda in mano", restano un paio di perle, commediograficamente parlando: "Democratic party" e "Samba do tremone" sono due magnifiche sceneggiate e non prive di messaggi sigificativi. L'unica perplessità è nell'uso che se ne può fare su disco. Belle, divertenti e importanti, ma non adatte ad ascolti continuati. E diciamolo: questo "Fessbuk" di Daniele Sepe bisogna usarlo come il Facebook vero e proprio. Rapidi morsi, assaggi e via. Non è fatto per lasciarlo correre a ruota libera fino a consumare il lettore. Mordi e fuggi, poi fuggi e mordi ancora.

Ah, c'è anche un attacco viscerale a Saviano in "Cronache di Napoli" visto come professionista dell'anti-Camorra e quindi utile al sistema. Fatti loro. Resta il fatto che a Napoli, ma in Italia in genere, ci sono molte più cose su cui sfogare il proprio livore che non Saviano.

Tirando le file sono sei cover meravigliose ("Campagna" e "La vedova" in testa), 6 pezzi originali, un brano solo musicale e un remix, sulla cui utilità mi astengo. Si poteva volere di più? Difficile. Daniele Sepe dà quello che vuole lui, come e quando lo decide lui. E' un condominio fittamente abitato ed è inutile cercare di mettere ordine. Tanto si trova di tutto: basta scegliere.

Daniele Sepe
"Fessbuk"
Manifesto cd - 2010
Nei negozi di dischi

Sul web
Sito ufficiale
My Space

Ultimo aggiornamento 08-10-2010
HOME