Una Brigata di memoria, di cultura, di utopie,
di speranze, d'informazione, dell'uomo.

 














 
Le BiELLE RECENSIONI
Ultimavera: "Ai caduti in bicicletta"
Estrema attenzione, qui c'è materiale buono
di Leon Ravasi


Ascolti collegati


Fabularasa
En plein air

Piccola compagnia
La signora Clessidra

Piccola Bottega Baltazar
Ladro di rose


Sursum
Corda
La porta dietro la cascata


Bandabardò
Fuoriorario

Misero Spettacolo
L'inconcepibile

Musicisti:
Diego Nota: voce e chitarra
Pasquale Mollo: chitarra
Valerio Raso: basso
Antonio Valente: batteria

Ospiti: Letizia Gaetani, Marco Vallecoccia, Alessandro Vona (Runa Raido) (cori 11); Anna Maria Giorgi (Canusia) (voce 9); Paola Nota (voce 4 e 8): Andrea Ruggiero (Operaja Criminale (violino 2 e 7); Andrea Sergio (Pianoforte e synth)

Testi: Diego Nota
Musiche: Pasquale Mollo, Dieto Nota, Valerio Raso, Antonio Valente.
Arrangiamenti e produzione artistica: Ultimavera e Cristian Valente

Arrangiato, suonato e registrato nei mesi di dicembre/febbraio 2009/2010 presso lo Studio Nero (Roma)
Progetto grafico: Marco Corsetti

Prodotto da Gabriele Rampino e Matteo Passante e Giancarlo Pagliara per Controvento.
REgistrato, mixato e masterizzato da Valerio Daniele nel gennaio 2009 presso Chora Studi Musicali, Monteroni (Lecce)

I testi sono scaricabili presso www.dodicilune.it

Tracklist

0
1. Carnevale nefasto - 3:05
02. Via Roma, 68 - 3:43
03. Agosto '87 - 4:04
04. Din! Don! - 3:35
05. Settembre - 3:44
06. Atoni d'ego - 4:08
07. Racconto d'autunno - 3:37
08. Spostamenti di massa - 3:47
09. Stramonia - 3:48
10. L'espansionismo dei pidocchi - 3:55
11. E la rugiada divenne un pianto - 2:00




"Era un ballo meticcio, l'incrocio tra un casto samba ed un tango / nelle balere di fango tra le balle di fieno e un tempo piovasco". E già quando le prima parole di un disco nuovo suonano come queste un campanello d'allarme suona. Dopodiché segue un diluvio di parole (comentato nella canzone:"Detto brevemente viaggio con la mente"). Ok, è un delirio ("ruotano rupestri contadini colorati, passa il toporagno con i figli addormentati, passa la medusa con la maglia di flanella, fuma la candela e spengo il sole con la birra"), ma c'è del genio. E quando c'è del genio serve attenzione. Questi sono gli Ultimavera e l'album porta il magnifico titolo di "Ai caduti in bicicletta" e la foto di copertina più bella dell'ultimo anno, un triciclo nella neve (residuo della ritirata in Russia?).

Ai caduti in bicicletta” - spiega il loro comunciato stampa - è l’inevitabilità delle cose, è la cruda analisi dei fatti, è la coscienza che si risveglia violenta, è il ricordo sepolto che riaffiora senza pietà. Come profilers sulla scena di un crimine, gli Ultimavera analizzano i dettagli, raccolgono prove, esaminano brandelli di vissuto, ascoltano testimoni".

Se vogliamo passare oltre il roboante linguaggio dei comunicati stampa (ci avete mai fatto caso che, a furia di esagerazioni, risultano del tutto innocui? Sterilizzati) il disco possiede una seria base. Già la seconda traccia, "Via Roma, 68", abbandona la traccia del nonsense per cercare di raccontare una storia e dal surrealismo si passa al neorealismo con un piacevolissimo effetto retrò sottolineato dal violino (ospite, perché i nostri sono il classico combo rock: due chitarre, basso, batteria): "Forse negli armadi con la naftalina / non ritornerà la nostra vecchia moda / correre per strada con la bici e le mutande / Correre per provocarsi graffi sulle gambe / Forse nelel case popolari gialle / non ritornerà mai più l'odore del bicato / che ti distingueva dalle altre bambine / e non si cancellava come il nostro amore". E' una delle canzoni più belle del lotto, Bisogna ascoltarla tutta, leggerla, sentirne i sapori, il passare del tempo, quella vaga ombra di nostalgia.

Anche "Agosto '87" percorre la strada del ricordo per chie ra ragazzino a fine anni '80 tra "le medaglie olimpie di Lewis, la contea di Hazzard, Kitt e Micheal Knight, Alan Crocker Parker e Benjamin Price, il tempo perso a caricare Wonder Boy, e quante volte hai perso la concentrazione per le palel di Arkanoid".

"Din" Don!", almeno apparentemente risale più indietro nel tempo e anche in un altro altrove. Non siamo più sulla spiaggia del mare come in "Agosto '87", ma in un paese di montagna, con la neve, dove si diffonde "il tocco sordo e greve dell'Ave Maria". Si parla di una domenica prima di andare in guerra, di vecchi amici che a stento cerchi di vedere. Canzone cupa, triste e un poco disarmata. Un addio alla vita normale che si viveva prima, in attesa del grande cambiamento. Il crinale del momento, dell'attimo in cui la vita cambia. Intensa.

Il tema della memoria è comunque sempre vincente nelle canzoni degli Ultimavera che continuano a essere, come dall'inizio, lunghe prose, intensamente parlate e vestite dalla musica. C'è qualcosa dell'attitudine degli OfflagaDiscoPax, ma calato in tutt'altro immaginario. "Settembre" parla del ritorno a scuola e di "randellate a una mia amica che sovente afferma la mia triste essenza". Una storia violenta di "figli dei tempi malati / volatili che non hanno le piume / coriandoli nel pugno dei pargoli / fiammelle di un funebre lume". L'attentato riesce, il giovane scappa, ma la trama è tutta da seguire. Quasi un giallo in 3'44".

L'attitudine Offlaga si conferma nella successiva "Atoni di ego" che non finge nemmeno di essere canzone, se non nel ritornello. Il resto è proprio prosa, ma, che ci volete fare? A me piacciono quelli che parlano nei dischi! "Ti amo disse un giorno un pesce all'altro / senza puntualizzare nel verbo l'inganno". La genialità permane. "Racconto d'autunno" recupera qualche contatto in più con le realtà, con il surrealismo lasciato, momentaneamente, dietro l'angolo. Parte che sembra una ninna nanna (ma la musica suggerisce che ci deve essere altro), si trasforma in una tragica vicenda gotica, sfiora il tema dell'incesto, ma si ritira subito ("Stupida è l'ambiguità di questa canzonetta / ora la tragedia prenderà quello che le spetta"). Ma, qui c'è la svolta: "Era tutto un sogno / figuriamoci non mi sarei mai permesso di raccontare un incesto".

Acida e corrosiva la "Spostamenti di massa" che traccia un filo rosso tra l'Italia fascista e quella para-fascista dei centri commerciali. "Abbiate fede, la fede vi salverà / abbiate fame e la fame vi ucciderà / abbiate grasso ed avrete obesità / non siate massa, sarete normalità", ripetuto come un mantra. Ipnotico ed efficace. "Stramonia" è più difficile da leggere, forse perché la "ragazza bisestile nel fondo ronzo di una grotta / canta una nenia primordiale senza significato imposto"? Non imponiamolo. Ascoltiamolo. E prepariamoci alla lunga "L'espansionismo dei pidocchi", lunga come testo, perché la durata della canzone è 3'55", ma in questo poco spazio gli Ultimavera addensano la portata di parole che si porta dietro la Bibbia. E' una lunga poesia che varrebbe la pena riportare tutta. E' una lunga dedica di temi fantasiosi e ariosi, dal sociale, alla memoria, al civile, all'amore.

Finisce con "E la rugiada divenne un pianto", un lungo coro collettivo che sfuma nel finale. Ma non è tutto. C'è anche una ghost track. Un altro raccontino in puro stile Ultimavera (si può dire? O Offlaga?) Non so, è che a fine disco bisognerà pur confermare che un suo stile preciso questo "Ai caduti in bicicletta" ce l'ha. E ce l'ha sia nelle parole, tante, che nelle musiche, nervose, tese, elettriche, sempre a indicare che le parole possono avere anche un oltre, un risvolto da guardare. Le passioni umane ci sono tutte. la sofferenza, la dimensione del ricordo, l'amore, l'innocenza anche, ma pure la durezza della vita, le asperità e le asprezze. Non è un primo disco: ci sono, si vede sul sito, altri due episodi indietro. Bisognerà andare ad indagarli.

Ultimavera
"Ai caduti in bicicletta"
Suoni sommersi / Cinico disincanto - 2010
Nei negozi di dischi o su CinicoDisincanto o nei digital store

Sul web
Sito Ufficiale
My Space

Ultimo aggiornamento 17-08-2010
HOME